Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Rispedirli nei Paesi di origine?
    Gli slogan di Salvini

    Rispedirli nei Paesi di origine?

    Solo pochi giorni fa abbiamo potuto raccogliere, nel centro medico di Lampedusa, le testimonianze di persone che erano riuscite a fuggire dai lager libici. Testimonianze da far accapponare la pelle.
    12 giugno 2018 - Pietro Bartolo
  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
Costa D'Avorio, lettera di tre volontari italiani

Quello che i francesi non dicono

Caro direttore,
Ci permettiamo di aggiugere qualche dettaglio se cosi si puo definire- sulla situazione in Costa d'Avorio.
Siamo tre volontari di una ONG di Verona, tre dei tanti di questo mondo multicolore che e' il volontariato internazionale.
Ci troviamo ad Ayame', Sud Comoe, a 150 km da Abidjan, Non pretendiamo di dare una visione ne' tantomeno una lettura- oggettiva dei fatti, quanto piuttosto riportare la situazione vista dagli ivoriani stessi.
30 novembre 2004 - M. M. - L. F. - F. V.

Veniamo ai fatti, giovedi scorso l'esercito regolare ivoriano bombarda la cittadina di Bouake', occupata da ribelli, nel corso degli attachi vengono uccisi nove soldati francesi ed un volotario americano. La forza Licorne dell'esercito francese, forza di interposizione ONU (ma stabilitasi nello stato africano ben prima dell'incarico delle Nazioni Unite) decide, su ordine del presidente Chirac, di rispondere al fuoco distruggendo l'intera aviazione ivoriana (due vecchi caccia e cinque elicotteri), colpendo il palazzo presidenziale, occupando l'aereoporto e le strade della capitale economica Abidjan con decine di mezzi blindati ed, infine, sparando ad altezza uomo sulla folla scesa a manifestare in favore del presidente.

Risultato : 62 morti ed oltre mille feriti tra cui molti gravissimi (fonte Radio Nazionale Ivoriana, cifre date per attendibili da Me'decins sans Frontie'res e dalla Croce Rossa Internazionale).

Perche' una forza delle Nazioni Unite ha attaccato senza alcun ordine del Consiglio di Sicurezza ?

Perche' attaccare il palazzo presidenziale, simbolo storico dell'indipendenza del paese dalla Francia ?

Veniamo ad altri fatti, la Francia perde la sua colonia 44 anni or sono, da allora mantiene il controllo dell'elettricita', dell'acqua, della telefonia, del commercio del cacao (di cui la Costa d'Avorio e' il primo produttore mondiale), fino al palazzo del Parlamento, di proprieta' francese e, per il quale, il governo ivoriano paga regolare affitto.

Ci permettiamo di ricordare inoltre la recente scoperta di grandi giacimenti petroliferi nelle acque territoriali del paese africano.

Il presidente, Laurent Gbagbo, regolarmente eletto quattro anni fa, invito' le multinazionali francesi e quelle di altri paesi a partecipare alle gare di appalto locali per il rinnovo delle concessioni dopo oltre quarant'anni di monopolio economico francese.

Nel settembre 2002, ha luogo un tentativo di colpo di stato, subito represso ma che lascia il paese diviso in due parti : i ribelli al nord, le forze governative al sud.

Chi finanzia questi ribelli, residenti della zona piu' povera del paese ma, curiosamente, dotati di armi piu' moderne dello stesso esercito regolare ivoriano ?

Perche' gli appelli internazionali, non ultimo, quello degli arcivescovi e vescovi ivoriani (10/11/04) verso la reazione spropositata dei nostri cugini d'oltralpe e' passata inosservata ?

Perche' un paese sovrano si trova a dover scendere in piazza, a difendere il proprio presidente, la televisione e la radio da chi, per incarico delle Nazioni Unite, dovrebbe garantirgli sicurezza e pace ?

Ed ancora, perche' nove morti francesi fanno notizia e le decine di giovani ivoriani caduti sotto il fuoco francese vengono dimenticati cosi' come questa guerra?

Cordialmente,

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)