Conflitti

Scene di orrore nel Congo Orientale

Le origini e le cause della ribellione sono poco chiare, ma si sospetta fortemente che sia stata appoggiata dal Ruanda. Il Ruanda potrebbe perfino aver inviato delle truppe nella RDdC...
Fonte: Agenzia France-Presse - 19 dicembre 2004

Kanyabayonga - Sulle colline boscose più a nord il fetore tremendo dei cadaveri, abbandonati da tre giorni sotto il sole africano.

In questo territorio, nell' area orientale della Repubblica Democratica del Congo, si vedono dappertutto tracce dei combattimenti tra i soldati insorti (i ribelli sostenuti dal Ruanda) e l' esercito regolare, mentre nel centro della città si è saccheggiato tutto quello che era possibile saccheggiare.

In una fossa scavata frettolosamente, sei corpi giacciono ricoperti da una spessa nuvola di mosche, le ferite da arma da fuoco brulicanti di formiche.

Sul pavimento, delle cosce di pollo che gli uomini stavano mangiando al momento della loro uccisione, una Bibbia con le pagine strappate, proiettili inesplosi e rami d' eucalipto spezzati dall'esplosione delle granate.

Uno dei corpi indossa l'uniforme dell'esercito regolare della RDdC. Le divise da lavoro degli altri non hanno alcun segno particolare.

Nessuno dei morti ha indosso gli stivali. Gli insorti, che dichiarano di non aver ricevuto uniformi o stivali dal comando dell'esercito dall'inizio del processo di pace, nel giugno del 2003, per rifornirsi portano via ai morti le loro scarpe e, a volte, anche i pantaloni.

Apparentemente sono cessate le operazioni di battaglia più cruente, ma, dalle colline poco distanti echeggia ancora il rumore delle mitragliatrici. Le origini e le cause della ribellione sono poco chiare, ma si sospetta fortemente che sia stata appoggiata dal Ruanda.

Il Ruanda potrebbe perfino aver inviato delle truppe nella RDdC...

Nel centro di Kanyabayonga, abbandonato dalla quasi totalità della popolazione, i saccheggi sono gradualmente cessati, per il semplice motivo che non c'è ormai più niente da portare via.

I saccheggiatori di solito scagliavano delle bombe a mano contro i portoni dei negozi, per poter entrare e portare via la merce. I soldati ribelli vanno a rubare in gruppi, i civili con la propria famiglia e nessuno si preoccupa di farlo di nascosto.

Una madre, con il bambino sulla schiena, scopre un buco nel muro di un negozio, ma è troppo stretto e non riesce a passare, così manda i suoi due figli più grandi a prendere quello che possono.

Le postazioni avanzate delle truppe dell'esercito regolare sono a decine di chilometri più a nord, poco prima della città di Kayina.

I soldati dichiarano che si tratta di una ritirata strategica, cominciata giovedì scorso. Un camion dipinto di verde porta soldati al fronte.

"Dal primo giorno della nostra ritirata strategica, la popolazione ha cominciato a ritornare, anche se non hanno avuto il tempo di trovare una sistemazione stabile" afferma il maggiore Alain Kiewa, un ufficiale dell'esercito, di stanza a Kayina.

Gli ufficiali sono gentili. Parlano apparentemente senza rancore dei "fratelli dall'altra parte" e ricordano che le truppe degli insorti sono, o erano, membri dello stesso esercito.

A Rwindi, 25 km a sud di Kanyabayonga, la gente racconta di come sia stata terrorizzata negli ultimi giorni dai boati delle bombe, ma si lamenta anche della difficoltà di trovare dei rifornimenti.

Barabara Sikilini, un pastore, in maglietta e pantaloni corti, ci spiega che gli abitanti di Rwindi di solito vanno a Kanyabayonga a comprare le scorte alimentari.

"Ci sono combattimenti, saccheggi... e fame, qui" dichiara.

Note: Articolo originale: http://www.news24.com/News24/Africa/Features/0,,2-11-37_1637820,00.html

Traduzione di Patrizia Messinese a cura di Peacelink

Articoli correlati

  • Gli schiavi bambini del Congo
    Pace
    L’impegno a favore dell'infanzia vulnerabile

    Gli schiavi bambini del Congo

    Dalle miniere di coltan, oro, cobalto e diamanti alle strade di periferia delle grandi città, tra fame, miseria e sfruttamento
    9 settembre 2019 - Beatrice Ruscio
  • Denis  Mukwege, premio Nobel per la pace 2018, e il grido di aiuto del Congo
    Pace
    Il messaggio del medico che 'ripara le donne'

    Denis Mukwege, premio Nobel per la pace 2018, e il grido di aiuto del Congo

    Il professore abruzzese Francesco Barone ha incontrato il dottor Mukwege il 4 gennaio scorso e ha ricevuto da lui un messaggio di aiuto per le donne e i bambini del Congo da far conoscere alla comunità internazionale
    11 febbraio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Patrice Lumumba, testimone della dignità umana, amico della nonviolenza, costruttore di pace
    Pace
    Il 17 gennaio 1961 veniva assassinato

    Patrice Lumumba, testimone della dignità umana, amico della nonviolenza, costruttore di pace

    Lottò per l'indipendenza del Congo. Vinte le prime elezioni democratiche nel 1960 fu primo ministro del paese e ne proclamò l'indipendenza. Ma per volontà dei poteri colonialisti e imperialisti, e dei loro complici e sicari, fu assassinato.
    17 gennaio 2019 - Peppe Sini
  • L'Italia sostenga la transizione democratica in Congo RD
    Pace
    Appello di PeaceLink ai parlamentari e al governo italiano

    L'Italia sostenga la transizione democratica in Congo RD

    Il 30 dicembre il popolo congolese è andato alle urne. Martin Fayulu - il candidato di opposizione sostenuto dalla società civile - avrebbe ottenuto oltre il 60% dei voti. Ma il regime di Kabila ritarda la comunicazione dei dati elettorali e blocca le comunicazioni elettroniche.
    8 gennaio 2019 - Associazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)