Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano

    Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano

    "La Nostra Associazione ha pensato di fare qualcosa di più grande, per cercare di arrivare lontane. Da mamme, da donne, da esseri umani non potevamo più stare ferme a guardare senza fare niente, e dall’unione della nostra impotenza e profonda sofferenza è nato il nostro progetto TMT for Siria“.
    27 maggio 2018 - Roberto Del Bianco
  • OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"
    Gli ispettori inviati dall'ONU e che indagano sull'uso di armi chimiche non hanno addossato la responsabilità ad alcuna delle parti in conflitto

    OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"

    Le analisi si riferiscono ad un evento accaduto a febbraio a Saraqueb, città che dista 290 chilometri rispetto a Duma, sito dove è stato sospettato un attacco chimico ad aprile di quest'anno
    17 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • La sfida all'Iran
    L'alleato Saudita di Trump coglie l'occasione per diventare una potenza atomica

    La sfida all'Iran

    Fatta la pace con la Corea del Nord, Trump apre un nuovo fronte di scontro nucleare con l'Iran
    12 maggio 2018 - Alessandro Marescotti

Le condizioni a Gaza sono terrificanti

Il direttore uscente di una agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite denuncia le attuali condizioni a Gaza definendole terrificanti
22 gennaio 2005 - Di Genevieve Cora Fraser
Fonte: The Electronic Intifada


Peter Hansen, il Commissario-Generale Danese della United Nations Relief and Works Agency for Palestine (UNRWA), che lascerà la posizione attualmente occupata il prossimo mese di Marzo secondo quanto riferito dai media Danesi, ha parlato delle attuali condizioni a Gaza in Palestina ad un recente conferenza promossa dalla Facoltà per la Pace Israeliano-Palestinese che si è tenuta a Gerusalemme Est.

Secondo quanto detto da Hansen, la situazione a Gaza è così terrificante che senza l'aiuto dei bulldozer non sarebbe possibile oltrepassare le macerie e le barriere di sabbia che sono state gettate sulle strade allo scopo di bloccare il traffico.

"Se oggi voleste recarvi a Gaza, non potreste farlo perché ci sono carri armati lungo tutta la principale strada che conduce a Gaza. Lungo tutta la strada vedreste case che sono state rase al suolo dai bulldozer. Mentre vi muovete attraverso Gaza la situazione si fa anche peggiore," ha dichiarato Hansen. "Come vi avvicinate alla estremità sud di Gaza – dove Kann Yunis e Rafah sono state fatto oggetto di una distruzione continuata, dove il numero di persone che è stata privata della casa grazie ai bulldozer eccede le 25.000 – di queste ne siamo riusciti a risistemare 8.000 ma stiamo combattendo una battaglia che è persa. Non possiamo costruire con la stessa velocità con cui avanza la distruzione. E così, adesso Gaza si trova in una situazione molto, molto difficile. Tutti là sperano che questo conflitto possa finire, così non soltanto cesserà la loro sofferenza ma dopo interi decenni anche la privazione di una vita umana dignitosa."

Benché Hansen sia stato ripetutamente denunciato da Israele e etichettato un agente a servizio delle attività terroristiche Palestinesi, malgrado le smentite e le prove che dimostrano il contrario, il Commissario-Generale dell’UNRWA ha espresso preoccupazione per la sofferenza Israeliana. "Non si dimentichi mai che qui esistono due parti in conflitto e che ci sono due popoli che esercitano violenza l’uno contro l’altro facendone risultare che ci sono delle vittime anche dall’altra parte," ha dichiarato.

"Gli Israeliani hanno sofferto - ci sono migliaia e migliaia di famiglie in Israele i cui componenti hanno perso dei loro cari a causa degli attacchi terroristici. C’è stato del danno fisico che è stato inferto anche ad Israele. E forse uno dei danni peggiori che la gente Israeliana ha subito è l'esperienza di passare attraverso le funzioni che sono esercitate da un esercito di occupazione, " ha sottolineato Hansen.

"Quando guardo i checkpoint Israeliani e vedo il trattamento che viene inflitto a donne e bambini innocenti, che sono Palestinesi o come vi pare metterla, e che stanno provando a passare, penso che esiste un grande fattore di brutalità nell'avere giovani uomini e giovani donne esposti all’esercizio di questo genere di potere discrezionale, e spesso crudeltà, che viene praticato ai checkpoint, " ha continuato. "Questo rappresenta un danno, naturalmente, che è difficile da misurare ma è uno di quelli che penso - e molti psicologi sarebbero d'accordo con me – arriverà ad influenzare e a contagiare la società Israeliana per molti anni a venire, una volta che sia queste funzioni ai checkpoint che l'occupazione militare cesseranno con il raggiungimento di una soluzione, qualunque sia il momento in cui questa arriverà."

"Forse è un qualcosa di positivo per lo stato mentale dei soldati il fatto che non pensino a quello che stanno facendo," ha detto Hansen. "Una cosa è pensare al dolore di quello che si sta facendo e un altra soffrire per mano di coloro che lo stanno praticando. La giustificazione data che un ordine è un ordine e che quindi non ci si pensa è una di quelle che soldati di vari colori hanno usato nel corso della storia, in alcuni casi con peggiori conseguenze morali di altri."

Hansen ha continuato a spiegare che malgrado la occasionale censura è evidente, sulla base della generosità delle nazioni donatrici alla UNRWA, che la maggior parte del mondo ha una buona comprensione di ciò che stanno facendo. Il budget dell'anno scorso di 72 milioni di dollari si è basato sugli impegni presi da vari donatori quali gli Emirati Arabi Uniti, la Danimarca, la Svezia, il Lussemburgo, la Repubblica di Corea, la Svizzera, Cipro, l'Indonesia, la Tunisia, il Kuwait, la Tailandia, la Norvegia, il Bahrain, l'India, l'Austria, la Cina, l'Irlanda, la Malesia, i Paesi Bassi, il Giappone, gli Stati Uniti, la Turchia e il Regno Unito. Anche la Commissione Europea e The Observer for the Holy See hanno preso un impegno con l’agenzia. La Danimarca, terra natale di Hansen, si è impegnata per 7 milioni di dollari e i Paesi Bassi per 14.

Secondo Hansen, "Siamo la più grande agenzia umanitaria internazionale in termini di personale, formazione, servizi medico-sanitari e servizi sociali. E penso che il nostro personale ottenga per tutto questo un grande riconoscimento che è ampiamente meritato. Allo stesso tempo, con tutta probabilità non esiste una agenzia delle Nazioni Unite che è più soggetta a malignità della UNWRA e fatta oggetto di false rappresentazioni ostinatamente distorte su quello che noi siamo, la maggior parte delle quali sono così completamente fuori strada e così selvagge che nessuno può prenderle seriamente in considerazione tranne ristretti gruppi di fanatici, che sono pronti a credere a qualunque cosa gli venga detta."

Hansen ha anche sostenuto che nel complesso gli Americani sono informati male o non informati affatto. Scegliendo e dosando con attenzione le proprie parole, ha detto che gli Stati Uniti sono fra i paesi che hanno la migliore opportunità per imparare quello che è il lavoro dell’UNRWA. "Forse ci sono veramente tante cose che competono per la attenzione degli Americani, che non sempre danno la priorità a quei generi di attività che la UNRWA sta praticando. Ritengo che molti di loro abbiano un buon livello di comprensione, ma sarei comunque un ingenuo se non dicessi che la maggior parte di queste ostinate distorsioni sembrano comparire proprio negli Stati Uniti e che esiste una proporzione sorprendentemente elevata di Statunitensi che sono disposti ad accettarle in maniera acritica."

Il Commissario Generale Hansen dell’UNRWA è nato nel Giugno del 1941 a Aalborg, Danimarca. Ha terminato gli studi di laurea e di postlaurea in scienze politiche all'Università di Arhus nel 1966 e si è unito al personale dell'Università come Professore Assistente in Relazioni Internazionali. Ha cominciato la sua carriera alle Nazioni Unite nel 1978 come Assistente Segretario - Generale per Programme Planning and Coordination ed è poi velocemente avanzato attraverso una serie di posizioni. Hansen è stato nominato Commissario Generale dell’UNRWA dall’ex Segretario Generale delle Nazioni Unite Boutros Boutro-Ghali nel 1996.

Note:

Genevieve Cora Fraser è una poetessa, drammaturga e giornalista così come una attivista di lunga data per i diritti dell'uomo e quelli ambientali.

Tradotto da Melektro per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le fonti, l'autore e il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)