Conflitti

Rumsfeld coinvolto nella causa riguardante i casi di tortura da parte delle forze Statunitensi in Iraq e in Afghanistan

1 marzo 2005
The Associated Press
Fonte: AP

tortura ad abu ghraib

01/03/05 Washington - Due organizzazioni per i diritti umani hanno oggi intentato causa contro il Segretario della Difesa Donald H. Rumsfeld a nome degli otto uomini, che si presume siano stati torturati dalle forze Statunitensi in Iraq e in Afghanistan.

"Rumsfeld è direttamente responsabile" perché "ha approvato personalmente e formalmente" le politiche che sono alla base del trattamento sui prigionieri, ha detto Anthony Romero, direttore esecutivo della American Civil Liberties Union.

Ci sono altre cause giudiziarie che sono attualmente pendenti contro Rumsfeld, comandanti militari e appaltatori civili nello scandalo sugli abusi, che è esploso la primavera scorsa dopo la pubblicazione delle fotografie che mostravano uomini e donne Americane intenti ad abusare dei prigionieri nella prigione di Abu Ghraib.

Ad una conferenza stampa che si è tenuta a Washington, la ACLU e Human Rights First hanno dichiarato che la causa è stata intentata nello stato di casa di Rumsfeld, l'Illinois e hanno sostenuto che gli otto uomini hanno subito traumi fisici e psicologici mentre si trovavano incarcerati nei centri di detenzione Statunitensi in Iraq e in Afghanistan.

Hanno affermato che sono stati sottoposti a tortura e ad altro trattamento crudele e degradante mentre si trovavano detenuti, compresi violenti e ripetuti pestaggi, tagli prodotti da coltelli, umiliazioni e assalti sessuali, false esecuzioni, minacce di morte e la immobilizzazione in posizioni contorte e atroci.

Note: Tradotto da Melektro per www.peacelink.it

Articoli correlati

  • Il futuro di Kabul
    Conflitti
    Un'analisi dell'Afghanistan dopo la sconfitta degli Stati Uniti e della Nato

    Il futuro di Kabul

    Cina, Russia, Pakistan, Qatar e Turchia negoziano con i Talebani per mantenere un ordine che crei un ambiente favorevole tanto ai loro investimenti in infrastrutture e attività estrattive. E vogliono tenere lontane dai propri confini le minacce portate dalle fazioni jihadiste e indipendentiste.
    11 ottobre 2021 - Valeria Poletti
  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    Redazione PeaceLink
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)