Conflitti

Rumsfeld coinvolto nella causa riguardante i casi di tortura da parte delle forze Statunitensi in Iraq e in Afghanistan

1 marzo 2005
The Associated Press
Fonte: AP

tortura ad abu ghraib

01/03/05 Washington - Due organizzazioni per i diritti umani hanno oggi intentato causa contro il Segretario della Difesa Donald H. Rumsfeld a nome degli otto uomini, che si presume siano stati torturati dalle forze Statunitensi in Iraq e in Afghanistan.

"Rumsfeld è direttamente responsabile" perché "ha approvato personalmente e formalmente" le politiche che sono alla base del trattamento sui prigionieri, ha detto Anthony Romero, direttore esecutivo della American Civil Liberties Union.

Ci sono altre cause giudiziarie che sono attualmente pendenti contro Rumsfeld, comandanti militari e appaltatori civili nello scandalo sugli abusi, che è esploso la primavera scorsa dopo la pubblicazione delle fotografie che mostravano uomini e donne Americane intenti ad abusare dei prigionieri nella prigione di Abu Ghraib.

Ad una conferenza stampa che si è tenuta a Washington, la ACLU e Human Rights First hanno dichiarato che la causa è stata intentata nello stato di casa di Rumsfeld, l'Illinois e hanno sostenuto che gli otto uomini hanno subito traumi fisici e psicologici mentre si trovavano incarcerati nei centri di detenzione Statunitensi in Iraq e in Afghanistan.

Hanno affermato che sono stati sottoposti a tortura e ad altro trattamento crudele e degradante mentre si trovavano detenuti, compresi violenti e ripetuti pestaggi, tagli prodotti da coltelli, umiliazioni e assalti sessuali, false esecuzioni, minacce di morte e la immobilizzazione in posizioni contorte e atroci.

Note: Tradotto da Melektro per www.peacelink.it

Articoli correlati

  • Guantanamo e le contraddizioni dei grandi della Terra
    Pace
    Non esistono guerre giuste e la tortura è sempre un crimine

    Guantanamo e le contraddizioni dei grandi della Terra

    I venti anni di atrocità in Afghanistan e a Guantanamo provano che gli USA e l'UE non sono democrazie compiute. In nome della lotta al terrorismo hanno fatto strage di innocenti e, invece che moltiplicare soluzioni di pace stanno progressivamente aumentando i loro finanziamenti al settore militare
    7 gennaio 2022 - Maria Pastore
  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    10 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)