Nessun fuori programma

La petizione lanciata da «Sbilanciamoci!»

29 settembre 2006
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Sono arrivate a 1000 le sottoscrizioni della petizione lanciata da Sbilanciamoci! per chiedere il rispetto degli impegni presi nel programma dell'Unione. Per aderire, visitare il sito http://www.sbilanciamoci.org, o inviare una mail (firmata con nome, cognome e città) con il testo riportato qui sotto a info@sbilanciamoci.org e segreteria.presidente@governo.it , centromessaggi@governo.it
«La coalizione dell'Unione ha vinto le elezioni con un programma che ora è chiamata a mettere in pratica. Nel programma dell'Unione non c'è una manovra economica da 30 miliardi di euro come quella che si profila con la Legge Finanziaria del 2007; non ci sono tagli alla spesa sociale, alla salute, alle pensioni, agli Enti locali. C'è invece - e vorrei vederlo realizzato - l'impegno per una politica fiscale che colpisce le rendite finanziarie e reintroduce la tassa di successione come misure per aumentare le entrate e ridurre le diseguaglianze del paese. C'è l'impegno - e anche questo vorrei vederlo realizzato - a mettere in pratica iniziative concrete per politiche sociali, ambientali, di disarmo autenticamente riformatrici. Nel programma dell'Unione - inoltre - non c'è l'idea che la politica economica non debba essere discussa con le organizzazioni sociali e sindacali, imponendola in modo unilaterale dal governo. Per questo sostengo le richieste delle 44 associazioni della Campagna Sbilanciamoci!per una Legge Finanziaria coerente con gli impegni dell'Unione.»

Articoli correlati

  • Campagna mondiale per la riduzione delle spese militari
    Economia
    Come partecipare alla GCOMS (Global Campaign on Military Spending)

    Campagna mondiale per la riduzione delle spese militari

    È iniziata nel 2011 e si basa su organizzazioni della società civile
    11 novembre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Appello al segretario generale delle Nazioni Unite e ai capi di stato e di governo paesi membri
    Pace
    APPELLO ONU:

    Appello al segretario generale delle Nazioni Unite e ai capi di stato e di governo paesi membri

    10 maggio 2018 - Laura Tussi
  • La giornata della Terra: PeaceLink chiede un taglio alle spese militari
    Ecologia
    E' più sensato investire negli obiettivi dello sviluppo sostenibile o nella guerra?

    La giornata della Terra: PeaceLink chiede un taglio alle spese militari

    Il 10% della spesa militare sarebbe sufficiente per bloccare il cambiamento climatico e mettere fine alla povertà e alla fame entro il 2030. Allegato a questa pagina web c'è un file PDF da diffondere.
    21 aprile 2018 - Associazione PeaceLink
  • War for dummies
    MediaWatch
    La bufala del raid missilistico per distruggere i "laboratori di produzione di armi chimiche" e i "depositi di armi non convenzionali"

    War for dummies

    Un esperto di cose militari ha chiarito: ""Gli americani non avrebbero mai colpito se ci fosse stato il rischio di provocare un disastro ambientale e una catastrofe umanitaria di cui poi sarebbero stati considerati responsabili dall’opinione pubblica interna e internazionale". Ma milioni di Homer Simpson hanno creduto nel raid dal cielo che distruggeva veramente le armi chimiche. Il danno prodotto dalla propaganda di guerra nell'opinione pubblica è incalcolabile. I cittadini sono stati considerati manipolabili a piacimento con missioni di guerra i cui effetti, se raggiunti, avrebbero provocato lo sterminio della popolazione che i raid si proponevano di proteggere.
    15 aprile 2018 - Alessandro Marescotti

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)