Nessun fuori programma

La petizione lanciata da «Sbilanciamoci!»

29 settembre 2006
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Sono arrivate a 1000 le sottoscrizioni della petizione lanciata da Sbilanciamoci! per chiedere il rispetto degli impegni presi nel programma dell'Unione. Per aderire, visitare il sito http://www.sbilanciamoci.org, o inviare una mail (firmata con nome, cognome e città) con il testo riportato qui sotto a info@sbilanciamoci.org e segreteria.presidente@governo.it , centromessaggi@governo.it
«La coalizione dell'Unione ha vinto le elezioni con un programma che ora è chiamata a mettere in pratica. Nel programma dell'Unione non c'è una manovra economica da 30 miliardi di euro come quella che si profila con la Legge Finanziaria del 2007; non ci sono tagli alla spesa sociale, alla salute, alle pensioni, agli Enti locali. C'è invece - e vorrei vederlo realizzato - l'impegno per una politica fiscale che colpisce le rendite finanziarie e reintroduce la tassa di successione come misure per aumentare le entrate e ridurre le diseguaglianze del paese. C'è l'impegno - e anche questo vorrei vederlo realizzato - a mettere in pratica iniziative concrete per politiche sociali, ambientali, di disarmo autenticamente riformatrici. Nel programma dell'Unione - inoltre - non c'è l'idea che la politica economica non debba essere discussa con le organizzazioni sociali e sindacali, imponendola in modo unilaterale dal governo. Per questo sostengo le richieste delle 44 associazioni della Campagna Sbilanciamoci!per una Legge Finanziaria coerente con gli impegni dell'Unione.»

Articoli correlati

  • "Si investano nella transizione ecologica i soldi per il riarmo"
    Ecologia
    Quale futuro per il polo siderurgico di Taranto?

    "Si investano nella transizione ecologica i soldi per il riarmo"

    Ex Ilva: Marescotti (PeaceLink) su nomina commissario straordinario, “non riuscirà a rianimare un’acciaieria che è in coma profondo”. Ha un debito di 3 miliardi e 100 milioni.
    21 febbraio 2024 - Marco Calvarese
  • L'Italia è in difficoltà ma la Meloni vuole il caccia di sesta generazione
    Disarmo
    Il movimento pacifista deve essere capace di chiedere lo stop sul nascere di questo programma

    L'Italia è in difficoltà ma la Meloni vuole il caccia di sesta generazione

    Stiamo ancora pagando gli F-35, la società è attraversata da proteste di ogni genere, la crisi economica attanaglia i cittadini. E nonostante questo è stato messo in agenda il Combat Air Programme (GCAP) con il caccia di sesta generazione Tempest. Costo 6 miliardi di euro solo nella prima fase.
    11 febbraio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Audizione di Peacelink al Senato sul decreto legge 4/2024 per l'ILVA
    Ecologia
    Chiesta la riconversione del sito utilizzando i fondi destinati al programma militare GCAP

    Audizione di Peacelink al Senato sul decreto legge 4/2024 per l'ILVA

    La posizione è contraria alla concessione del prestito di 320 milioni all'azienda. Chiediamo invia subordinata una modifica del decreto che vincoli i prestiti al raggiungimento di obiettivi di salvaguardia ambientale.
    5 febbraio 2024 - Redazione PeaceLink
  • La coerenza testarda di Angelo Baracca
    Editoriale
    Un protagonista nella costruzione di reti di solidarietà e di cambiamento

    La coerenza testarda di Angelo Baracca

    Angelo era un uomo che faceva rete attraverso la sua produzione di articoli e la sua presenza costante. Era sempre disponibile, incapace di dire di no quando era necessario esserci, era generoso nell'impegno anche quando le sue forze lo stavano abbandonando.
    11 novembre 2023 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)