Nessun fuori programma

La petizione lanciata da «Sbilanciamoci!»

29 settembre 2006
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Sono arrivate a 1000 le sottoscrizioni della petizione lanciata da Sbilanciamoci! per chiedere il rispetto degli impegni presi nel programma dell'Unione. Per aderire, visitare il sito http://www.sbilanciamoci.org, o inviare una mail (firmata con nome, cognome e città) con il testo riportato qui sotto a info@sbilanciamoci.org e segreteria.presidente@governo.it , centromessaggi@governo.it
«La coalizione dell'Unione ha vinto le elezioni con un programma che ora è chiamata a mettere in pratica. Nel programma dell'Unione non c'è una manovra economica da 30 miliardi di euro come quella che si profila con la Legge Finanziaria del 2007; non ci sono tagli alla spesa sociale, alla salute, alle pensioni, agli Enti locali. C'è invece - e vorrei vederlo realizzato - l'impegno per una politica fiscale che colpisce le rendite finanziarie e reintroduce la tassa di successione come misure per aumentare le entrate e ridurre le diseguaglianze del paese. C'è l'impegno - e anche questo vorrei vederlo realizzato - a mettere in pratica iniziative concrete per politiche sociali, ambientali, di disarmo autenticamente riformatrici. Nel programma dell'Unione - inoltre - non c'è l'idea che la politica economica non debba essere discussa con le organizzazioni sociali e sindacali, imponendola in modo unilaterale dal governo. Per questo sostengo le richieste delle 44 associazioni della Campagna Sbilanciamoci!per una Legge Finanziaria coerente con gli impegni dell'Unione.»

Articoli correlati

  • Grati a Mikhail Gorbaciov
    Editoriale
    Ricevette il Nobel per la Pace nel 1990, la sua eredità è più che mai attuale

    Grati a Mikhail Gorbaciov

    E' morto l'uomo che seppe fare il primo passo verso il disarmo nucleare interpretando lo spirito di dialogo e distensione che aveva animato il movimento pacifista degli anni Ottanta. Il mondo nel 1983 era arrivato sull'orlo della guerra nucleare con l'esercitazione Able Arcer
    31 agosto 2022 - Alessandro Marescotti
  • Non esiste nessuna direttiva UE che obbliga a versare il 2% del proprio PIL alla Nato
    MediaWatch
    Lettera a Repubblica

    Non esiste nessuna direttiva UE che obbliga a versare il 2% del proprio PIL alla Nato

    Fact-checking su un articolo di Furio Colombo dal titolo "Incoerenza dei nuovi pacifisti" in cui si legge: "Il governo italiano, per una direttiva dell’Unione Europea, ha deciso un aumento di spesa militare italiana del 2 per cento".
    10 agosto 2022 - Carlo Gubitosa
  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Il diritto alla pace e al disarmo
    Disarmo
    In Italia e Germania: bombe nucleari B61-12 Nato nelle basi militari di Ghedi, Aviano e Buchel

    Il diritto alla pace e al disarmo

    Verso un coordinamento antinucleare europeo. L'obiettivo è di inserire la valutazione delle attività militari e belliche - e quindi il disarmo come soluzione al grave inquinamento da esse prodotte - negli accordi di Parigi sul clima.
    10 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)