CyberCultura

The Economist: il digital divide è un falso problema

Nuova copertina destinata ad aprire il dibattito. Che cosa ne pensa la gente dei PVS
11 marzo 2005
Sara De Carli

Thillan ha 50 anni (o almeno crede), e vive a Embalam, nel sud dell'India, a due passi dal Knowledge Centre, l'unico punto hi-tech del villaggio: computer, telefoni, internet. Esiste da qualche anno, ma lei l'ha scoperto solo da due mesi: "Non mi interessa, non ha alcun rapporto con la mia vita", commenta.
Parte così, con questa storia, il pezzo con cui The Economist in eicola oggi apre un dossier sul digital divide: un dossier critico - e anche un po' polemico - che pretende di raccontare il vero digital divide. E avvalendosi delle voci dei protagonisti in loco come dell'opinione espressa da voci del calibro di Bill Gates e del Copenhagen Consensus Project, smonta l'idea che la tecnologia sia uno strumento primario dello sviluppo.
"Il punto della questione non è se gli investimenti in tecnologia possano o meno contribuire allo sviluppo di un paese - recita The Economist -. Certo lo fanno, in alcuni casi e per alcune persone, ma occorre porsi questa domanda: non si otterrebbero risultati migliori destinando gli stessi investimenti alla salute o all'educazione?".
The Economist cita alcune ricerche di leonard Waveman della London Business School: lo sviluppo ottenuto con aprendo 100 computer point è due volte inferiore a quello che si ottiene investendo la stessa cifra in scuole primarie.
Signori, il dibatttito è aperto...

Articoli correlati

  • Gli e-book e il futuro della cultura
    CyberCultura
    Una soluzione per diffondere i libri in Africa e combattere il digital divide

    Gli e-book e il futuro della cultura

    In 160 grammi possiamo memorizzare vocabolario di italiano, enciclopedia, libri di storia e di letteratura e anche un vocabolario di lingua inglese. La batteria dura un mese e possiamo ricaricarla con un piccolo pannello solare.
    8 gennaio 2014 - Austilio Tinelli
  • Cento artisti per Kimbau il prossimo 25 settembre
    Kimbau
    A sostegno della dottoressa Chiara Castellani, missionaria laica in Africa

    Cento artisti per Kimbau il prossimo 25 settembre

    Appuntamento a Roma al Teatro Vittoria dalle ore 18 alle 23.30. Diffondi la voce!
    7 settembre 2010 - 100artistiperkimbau@gmail.com
  • Informatici Senza Frontiere, i "perseveranti" per Kimbau
    Kimbau
    Il mio ringraziamento a Massimo Cimicchi, Chiara de Felice e Achille Kinava

    Informatici Senza Frontiere, i "perseveranti" per Kimbau

    Pubblico velocemente questo articolo dopo che... il precedente che avevo inserito si è purtroppo perso...
    29 agosto 2010 - Chiara Castellani
  • Kimbau
    Le immagini

    Viaggio per il ripristino delle connessioni satellitari a Kimbau

    La missione di Informatici Senza Frontiere, sostenuta da PeaceLink, per aiutare l'ospedale della dottoressa Chiara Castellani a Kimbau, nella Repubblica Democratica del Congo
    3 agosto 2010 - Chiara de Felice
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)