CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Monaco ha scelto Debian

A due anni dall'annuncio della migraizone a Linux, la città bavarese sceglie una distribuzione non commerciale per i propri 14.000 pc
29 aprile 2005 - Computer World On Line

Monaco di Baviera

La città di Monaco ha scelto. A circa due anni di distanza dall'annuncio della migrazione da Microsoft a Linux dei 14.000 pc del comune, la scelta è caduta su Debian. Non Suse, a dispetto della grande popolarità del sistema soprattutto in Germania. Non Red Hat, vendor numero uno del mercato Linux. Non un'altra delle tante distribuzioni commerciali di Linux, ma Debian, una distribuzione non commerciale che nel settore del free software è nota per la sua 'rigidità' nell'applicazione della licenza GPL (esiste anche un 'contratto sociale' che assicura che Debian resterà al 100% Software Libero) e non certo per essere la più facile da gestire o installare. Non solo: sono molte le distribuzioni basate su Debian, tutte devono rispettare lo stesso contratto sociale e alcune sono piuttosto note anche per gli ambienti desktop (per esempio, Ubuntu).

In realtà, anche se Debian è una distribuzione assolutamente non commerciale, alcune aziende, come Canonical e Prodigy, hanno sviluppato prodotti basati su Debian. Nel caso di Monaco, saranno due aziende locali (Gonicus e Softcon) ad aiutare la pubblica amministrazione della città bavarese con il progetto LiMux.

Linux, si sa, è ormai ben diffuso in ambito server, ma ultimamente sta facendo capolino anche nel settore dei desktop e i governi europei sono particolarmente attivi su questo fronte. Il contratto di Monaco è l'ultimo passo di una lunga fase di migrazione che, all'inizio, ha avuto il merito di scuotere il mercato. Un annuncio, quello del 2003 di Monaco, tanto importante da scomodare addirittura il CEO di Microsoft, Steve Ballmer, che volò a Monaco tentando di recuperare la posizione di Microsoft senza però ottenere molto.

Il logo di Debian Dal lato pratico la questione è tutt'altro che terminata. La città di Monaco ha reso noto che non potrà cominciare la migrazione prima della fine dell'anno. Nel 2004, invece, il progetto aveva subito ritardi per questioni legali.

Perché Debian? Perché, si legge in una nota di Peter Hoffman, leader del progetto LiMux, la città cercava "la massima indipendenza possibile dai vendor". Interessante notare che Gonicus e Softcon avevano offerto a Monaco due alternative, ma la città ha preferito Debian. Non solo, le due aziende tedesche hanno vinto una concorrenza di prim'ordine: erano in lizza, tra gli altri, anche IBM, EDS e T-Systems.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)