CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Caso SCO, il giudice perde la pazienza

    SCO lancia molte accuse ma non porta nessuna prova. Questa la posizione espressa dal giudice che segue il caso con cui SCO ha portato in tribunale IBM per avere distribuito codice Unix a favore di Linux. Per la società dello Utah orizzonte meno roseo.
    14 febbraio 2005 - MacityNet
  • Speciale/ Red Hat Linux va in pensione

    Per focalizzarsi unicamente sul più lucroso mercato enterprise, Red Hat si appresta a lasciar perdere le distribuzioni di Red Hat Linux, e arriva a consigliare Windows per i desktop. Ma la reazione all'annuncio è tutt'altro che positiva
    6 novembre 2003 - Punto Informatico
  • L'Anaconda di Red Hat entra in Debian

    Annunciato il porting di Anaconda, il tool d'installazione utilizzato da Red Hat per i propri sistemi operativi. In vista, per l'APT di Debian, il supporto del formato RPM
    28 ottobre 2003 - Punto Informatico
  • Antitrust, Microsoft risponde alla UE

    L'azienda presenta l'ultima documentazione utile per il procedimento della Commissione Europea sulla sua posizione di mercato. Intanto negli USA dà licenza a SCO
    22 ottobre 2003 - Punto Informatico

Linux, Red Hat spara contro SCO

Red Hat denuncia SCO per difendere il proprio sistema operativo e la comunità di Linux contro i reclami di quest'ultima. Nello stesso tempo dà vita ad un fondo a difesa delle aziende del free software
6 agosto 2003 - Punto Informatico

San Francisco (USA) - Con una mossa a sorpresa Red Hat ha presentato una denuncia contro SCO Group. Il noto distributore, che definisce SCO "responsabile di azioni sleali e ingannevoli", sostiene di voler dimostrare che le proprie tecnologie non infrangono neppure una delle proprietà reclamate da SCO.

"Abbiamo depositato la querela per fermare SCO dal fare affermazioni pubbliche infondate e menzoniere che attaccano Red Hat Linux e l'integrità del processo di sviluppo del software Open Source", ha detto Mark Webbink, consulente legale di Red Hat. "Red Hat è fiduciosa nel fatto che gli attuali e i futuri clienti continueranno a rendersi conto del significativo valore che la nostra piattaforma Red Hat Linux fornisce senza interruzioni".

Red Hat ha anche annunciato la costituzione dell'Open Source Now Fund, fondo destinato a proteggere nei tribunali "l'integrità del software Open Source e la comunità Open Source". L'azienda dal cappello rosso, che si è impegnata a versare nel fondo un milione di dollari, ha spiegato che questi soldi potranno essere utilizzati per coprire le spese di eventuali cause legali associate alla violazione di copyright e lanciate contro aziende che sviluppano software sotto la licenza GPL o organizzazioni non profit che sostengono progetti free software.

"Il processo collaborativo dello sviluppo del software Open Source che ha creato il sistema operativo Linux è stato ingiustamente messo in discussione e minacciato", ha affermato Matthew Szulik, chairman e CEO di Red Hat. "Nel suo ruolo di leader dell'industria Red Hat ha come responsabilità quella di garantire che i diritti legali degli utenti vengano protetti".

SCO ha risposto alle azioni di Red Hat con la pubblicazione di due lettere scritte da Robert Bench e Darl C. McBride, rispettivamente chief financial officer e CEO dell'azienda. Quest'ultimo si è detto contrariato dal fatto che Red Hat abbia intrapreso un'azione legale contro SCO senza prima avvertirlo e si è detto pronto a replicare con una controquerela per la violazione di copyright e per cospirazione.

"Devo dire - ha scritto McBride nella propria lettera a Red Hat - che la vostra decisione di presentare un'azione legale nei nostri confronti non sembra contribuire alla sopravvivenza di Linux nel lungo periodo". L'ennesima minaccia?

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)