CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Linux orientato alla didattica
    So.Di.Linux

    Linux orientato alla didattica

    Un ottimo esempio anche di green economy perché consente - essendo un software "leggero" - di riutilizzare computer ancora funzionanti ma poco potenti. Computer che rischiano di andare in discarica ma che con Linux tornano a "nuova vita"
    5 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Richard Stallman a Firenze: Software libero ed economia solidale per difendere democrazia e libertà
    Stallman, chi era costui? :-)

    Richard Stallman a Firenze: Software libero ed economia solidale per difendere democrazia e libertà

    Per chi non è avvezzo al sistema operativo del "pinguino", il nome di Stallman non dice nulla. E per chi non segue le vicende del "software libero", o non sa che la Rete può diventare un'arma a doppio taglio, difficilmente avrà partecipato all'importante e seguitissimo incontro che si è tenuto a Firenze lo scorso 14 settembre 2013; ospite illustre, appunto, Richard Stallman.
    25 settembre 2013 - Roberto Del Bianco
  • Dal pensiero strade per innovare
    Tesi del Master "Scienza Tecnologia e Innovazione"

    Dal pensiero strade per innovare

    Software e comunicazione digitale, circolazione della conoscenza ed esigenze di tutela della proprietà intellettuale
    28 gennaio 2010 - Lidia Giannotti
  • Diretta Rai nuovamente visibile per gli utenti Linux
    Dopo la protesta di PeaceLink

    Diretta Rai nuovamente visibile per gli utenti Linux

    Ieri PeaceLink aveva rilanciato le preoccupazioni della comunità Linux, in particolare quelle del forum di Ubuntu, circa l'impossibilità di vedere in diretta i canali della Rai.
    16 febbraio 2010 - Associazione PeaceLink

L'Anaconda di Red Hat entra in Debian

Annunciato il porting di Anaconda, il tool d'installazione utilizzato da Red Hat per i propri sistemi operativi. In vista, per l'APT di Debian, il supporto del formato RPM
28 ottobre 2003 - Punto Informatico
Roma - Negli scorsi giorni il papà di Debian, Ian Murdock, ha annunciato due importanti novità che potrebbero contribuire a rendere la sua distribuzione più facile da installare e da usare e, di conseguenza, più adatta a rivaleggiare con le distribuzioni commerciali sul mercato desktop. In seno alla sua giovane società Progeny, attraverso cui fornisce soluzioni aziendali basate su Linux, Murdock e il suo team di programmatori hanno effettuato il porting verso Debian del tool d'installazione di Red Hat, Anaconda, e si sono detti al lavoro sullo sviluppo una versione di APT, il programma che in Debian gestisce e installa i pacchetti software, compatibile con il formato RPM creato da Red Hat e adottato da altre distribuzioni, fra cui la Mandrake Linux. Sebbene diverse varianti di Debian, fra cui quella sviluppata da Progeny, abbiano già proposto sostituti maggiormente user friendly al tool d'installazione a caratteri fornito con la distribuzione originale, fino ad oggi nessuno di questi è riuscito a guadagnarsi la fiducia della comunità di sviluppo di Debian né a imporsi sul mercato. Il porting di Anaconda offre ora l'opportunità a chi vuole distribuire Debian di creare procedure d'installazione grafiche e automatizzate avvalendosi di uno dei tool più facili e collaudati in circolazione. Insieme ad Anaconda la comunità di sviluppatori di Progeny ha poi creato un software chiamato PickAx che, secondo quanto spiegato da Murdock, facilita la creazione di procedure d'installazione per Debian basate sul tool di Red Hat. Per quel che riguarda il progetto APT, Murdock ha confermato la collaborazione con diversi sviluppatori per la realizzazione di un unico tool che sia in grado di gestire sia i pacchetti Debian (.deb) che RPM: l'obiettivo finale è quello di fare in modo che i due diversi formati possano finalmente "coesistere fianco a fianco". "È nostra speranza - ha aggiunto Murdock - che la versione distribution-independent di Anaconda e la versione distribution-independent di APT (più, eventualmente, un framework di configurazione distribution-independent) possano, insieme ad un più forte LSB, aiutare ad unificare ulteriormente le varie distribuzioni di Linux". Murdock ha poi comunicato di aver cessato i progetti per lo sviluppo dei tool PGI, autoinstall, gnome-tasksel e python-parted in conseguenza del fatto che Anaconda offre già funzionalità simili. Alcuni di questi programmi, che hanno l'obiettivo di facilitare il processo d'installazione e configurazione, sono già stati adottati da altri sottoprogetti di Debian, primo fra tutti Debian Desktop: questa iniziativa, che ha l'obiettivo di portare Debian al di fuori della nicchia di sviluppatori e power user, potrebbe particolarmente avvantaggiarsi dal lavoro del team di Murdock.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)