CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La petizione promossa dal Socrate Occupato a Bari
    Firma anche tu la petizione per sollecitare la risposta delle istituzioni nei confronti dello studio di fattibilità sul Socrate

    La petizione promossa dal Socrate Occupato a Bari

    4 giugno 2012 - Teresa Manuzzi
  • Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga
    La verità nascosta

    Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga

    Una guerra voluta dalla Nato e che D'Alema difese perfino in un libro titotalo "Gli italiani e la guerra"
    15 dicembre 2010 - Alessandro Marescotti
  • I Rom: dal Kosovo al Casilino 900

    Storia incredibile di alcune famiglie rom, imparentate tra loro, che dagli anni novanta in poi, quando il clima sociale e politico in Kosovo cominciava a farsi pesante, lasciarono le loro case per raggiungere l'Italia. Pensavano di essersi lasciati alle spalle l'inferno. Arrivarono, invece, al CASILINO 900.
    10 settembre 2009 - Raffaele Coniglio
  • D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato
    L'appello pubblico di PeaceLink: "Bisogna chiedere scusa alle vittime innocenti"

    D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato

    Il messaggio è arrivato ai suoi indirizzi e-mail, che vengono letti dai suoi assistenti, tra l'altro pagati anche con i nostri soldi. Il risultato è stato il silenzio assoluto. Questa è la coscienza di Massimo D'Alema.
    28 maggio 2009 - Alessandro Marescotti

SuSE Linux e ISF in Kosovo, il camaleonte aiuta la rinascita

Un progetto congiunto tra SuSE Linux Italia e Ingegneria senza Frontiere per istruire all'informatica gli studenti ed aiutare l'informatizzazione del nuovo Kosovo.
6 agosto 2003 - SuSE Linux Italia

Il camaleonte simbolo di SuSE... naturalmente, non ufficiale! Castelnuovo Rangone (Mo) e Roma, 07 Luglio 2003

SuSE Linux Italia, filiale italiana di SuSE Linux AG, leader internazionale nel campo dell'open source, e ISF, organismo nato per promuovere attività nel campo della cooperazione internazionale e formazione sui temi dello sviluppo sostenibile, annunciano la conclusione del progetto pilota che ha portato all'allestimento e gestione di un laboratorio informatico per l'Istituto Tecnico Anton Cetta di Skenderaj in Kosovo.

Questo progetto, nato dalla collaborazione tra SuSE e ISF si colloca all'interno del progetto SuSE per la Scuola, promosso dalla distribuzione SuSE a livello internazionale e amplia il raggio d'azione verso i paesi in via di sviluppo. In un Kosovo che, dopo gli sconvolgenti anni della guerra civile cerca una ripresa economica e cultuale, ISF patrocina, con l'aiuto delle più grandi aziende del mondo, istituti scolastici di ogni ordine e grado, con l'obiettivo di colmare il divario culturale nell'ambito informatico tra i paesi industrializzati e quelli definiti "in via di sviluppo".

Gli eventi storici del decennio scorso hanno lasciato nel Kosovo profonde ferite, nonché una allarmante situazione di sottosviluppo industriale. La rinascita di questa nazione, poco più grande dell'Umbria ma con una popolazione che si attesta intorno ai due milioni di abitanti, valutata tra le più giovani del mondo (la media è di 20 anni), passa anche attraverso una cultura dell'innovazione che attualmente non è acquistabile.
Ingegneria Senza Frontiere, presente nei più importanti paesi della Comunità Europea, ha come mission la realizzazione di importanti progetti di solidarietà a livello internazionale.

SuSE Linux Italia, grazie all'interessamento di ISF, di PlanetNoProfit e di Gruppo Sprofondo, ha potuto collaborare nella realizzazione di un laboratorio che possa offrire la possibilità agli studenti di apprendere con facilità l'utilizzo delle maggiori tecnologie informatiche.

Il laboratorio, realizzato in tempi record, è stato costruito grazie all'interessamento di Trenitalia, che ha offerto 12 postazioni informatizzate, SuSE Linux, con la propria distribuzione destinata alle postazioni PC, e si avvale di un gruppo elettrogeno in grado di alimentare le postazioni anche in caso di discontinua fornitura dell'alimentazione elettrica.

I corsi durati un mese e organizzati in tre sessioni di tre ore al giorno ciascuna, hanno riscosso un successo straordinario: la voglia di ricrescita e la consapevolezza di affrontare una sfida per il futuro della propria nazione, hanno fatto sì che gli studenti abbiano accolto l'iniziativa con un entusiasmo tangibile.

Nel contesto internazionale di attività legate al volontariato la scelta di un sistema Open Source dimostra la propria validità: la compatibilità estesa verso piattaforme harware anche non eccessivamente performati e la disponibilità di una licenza aperta ad installazioni multiple rendono Linux la scelta unica ed irrinunciabile in realtà disagiate.
L'intervento di SuSE Linux, nel quadro di questo progetto di informatizzazione, conferma la leadership della casa del camaleonte non solo sul mercato ma altresì nei progetti di istruzione e informatizzazione di realtà non industrializzate.

"Siamo onorati di essere stati scelti da ISF" ha dichiarato Robert Loos, Country Manager di SuSE Italia, "SuSE Linux crede fortemente nei giovani, nel loro valore e nella possibilità di aiutarli nel loro inserimento nel mondo del lavoro. Grazie a ISF siamo certi di aver aiutato gli studenti dell'Istituto Cetta ad avere una prospettiva di occupazione sia all'interno del territorio kosovaro che nel contesto europeo."

"Noi di ISF siamo convinti che il software sia una risorsa da condividere e sviluppare collettivamente e che la sua diffusione non debba essere ostacolata dai copyright. L'incentivo al modello Open Source nel mondo del non-profit e` un passo fondamentale nella causa della giustizia sociale ed economica." Ha dichiarato Davide Lamanna, Coordinatore Nazionale di ISF Roma.

Il progetto Kosovo, non unico nel suo genere, evolverà nei prossimi mesi con altre numerose iniziative. SuSE Linux ha garantito, a livello internazionale, la propria collaborazione nell'offerta di piattaforme software per azioni umanitarie, con la promessa di coinvolgere il più possibile la propria rete di partner tecnologici e strategici.

SuSE Linux AG

SuSE Linux AG, Norimberga (Germania), è uno dei più importanti fornitori di soluzioni software basate sul sistema operativo Linux Open Source, a livello mondiale. Oltre a sistemi operativi e software applicativi per gli utenti privati, SuSE Linux AG offre soluzioni software e sistemi completi basati su Linux destinati agli ambienti aziendali. SuSE supporta i clienti aziendali con una gamma completa di servizi di consulenza, formazione e assistenza di alta qualità.

L'azienda, che si avvale del team di sviluppo per soluzioni Linux Open Source più grande del mondo, ha reso accessibili l'esclusivo progetto e il know-how di supporto tramite il più esteso database di informazioni su Linux esistente su Internet.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)