CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Il Web sta nel link

Sono i fili stessi di quella ragnatela globale che è il Web: i collegamenti sono una parte essenziale nella costruzione delle pagine, ma spesso sono trascurati.
5 dicembre 2005 - FadeRek

Il concetto di ipertesto, a cui il Web è intrinsecamente legato, non può prescindere dai link. I collegamenti sono alla base della rivoluzione del Web: grazie ad essi la lettura diventa reticolare, orizzontale e multidimensionale, abbandonando la tipologia classica di documento lineare. Per questo è bene riporre ad essi la massima attenzione sia in fase di realizzazione del sito sia in fase di sistemazione e rielaborazione.

L'attenzione dell'utente
Uno degli assiomi dell'usabilità Web è: pagine brevi, tanti link. Per catturare l'attenzione dell'utente Internet è necessario essere concisi e andare diritti al cuore della questione. Il navigatore non ha un approccio passivo al mezzo, come avviene per la televisione e - in un certo modo - anche per la lettura tradizionale. L'utente sul Web è attivo: può interagire, può scegliere percorsi e contenuti, e ha una straordinaria ricchezza d'offerta che lo invita a cambiare velocemente destinazione. Per questo motivo è indispensabile realizzare siti Web che raccolgano testi brevi e diretti. La lunghezza è nemica dell'attenzione: dopo le prime 15 righe di una colonna di giornale, il lettore abbandona l'articolo, se non è stato "catturato" nel frattempo. Ci si può facilmente immaginare che cosa questo significhi online, dove la possibilità di allontanamento è molto più facile. Quindi testi brevi e diretti.

Il Web è profondo
La precedente sacrosanta affermazione ha portato gli scettici a definire Internet come uno strumento che spinge alla semplificazione e alla superficialità. A parte il fatto che la profondità di un certo contenuto non sta mai nella sua lunghezza, questi scettici dimostrano semplicemente di non aver capito nulla del Web. L'approfondimento, infatti, è doveroso per i siti che vogliano avere una qualche dignità. Lo si raggiunge attraverso i link. I collegamenti sono l'arma che l'ipertesto ha a disposizione per creare diversi percorsi di lettura, a diversi livelli, anche molto approfonditi, senza perdere il lettore per strada. È un'arma straordinaria a disposizione dei costruttori di siti, perché è flessibile, ordinata ed estremamente efficace.

Link interni al sito
Ci sono home page di siti che si presentano lunghissime e dense di contenuti. A parte le pagine d'informazione online - che per loro natura hanno esigenze diverse e, in parte, meritano trattamenti diversi - per tutti gli altri siti normalmente queste rappresentano delle pagine sbagliate. Il lettore tenderà a perdersi dopo la parte compresa nell'area dello schermo che gli viene fornita inizialmente. Molto meglio racchiudere il contenuto in maniera strutturata, a gruppi, e renderlo fruibile per passaggi ulteriori, in modo da dare la possibilità di approfondire una certa cosa piuttosto che un'altra. Il tutto facendo attenzione a non perdere di vista il target: se un sito commercia dei prodotti, non può renderli disponibili all'acquisto dopo sei-sette passaggi intermedi. I link sono una risorsa fondamentale della quale non bisogna abusare. Una corretta programmazione della struttura darà i giusti equilibri alle esigenze d'informazione, di approfondimento e di raggiungimento dell'obiettivo.

Link esterni al sito
Molti manuali di usability dicono chiaramente di evitare l'abbondanza di link esterni al sito, perché toglierebbero l'utente dalle proprie pagine. Ma i link, e soprattutto quelli esterni, sono la sostanza stessa del Web. Anche il concetto di valore è cambiato nel Web. Se è importante trattenere un navigatore sulle proprie pagine, è altrettanto importante dargli la possibilità di approfondire andando alla fonte diretta dell'informazione (o dato che sia, di qualsiasi tipo). Un utente che può approfondire è un utente soddisfatto, un utente che viene costretto a restare è un utente compresso e contenuto, insoddisfatto. E il valore del sito è la soddisfazione del navigatore. Il timore che non ritorni è un falso timore: la perdita dell'utente è direttamente proporzionale all'interesse che sappiamo creare in lui. Se un utente non torna, non è a causa del link, ma del contenuto scarso.

Ovviare all'allontanamento
Quando la paura dell'allontanamento è forte, esistono almeno due modi per non perdere l'utente. Il primo è quello di aprire le pagine di collegamento in una nuova finestra del browser. È una tecnica sconsigliata dai più, ma presenta il vantaggio di mantenere un legame con il navigatore e di dargli comunque la possibilità di approfondimenti esterni. Il secondo consiste invece nell'apertura della pagina di collegamento all'interno del sito stesso: una pratica da evitare assolutamente, perché se dà la fonte per l'approfondimento, toglie ogni possibilità di percorso personalizzato. Molto meglio, piuttosto, riassumere in modo proprio e su una pagina interna i contenuti della pagina di collegamento.

I collegamenti profondi
Un altro comune errore è quello di lanciare un collegamento all'home page di un sito di cui magari si cita un particolare trattato in una pagina interna. I link devono essere precisi e profondi. Della questione si è occupato diverse volte anche Jacob Nielsen, e le sue considerazioni sono tutte ampiamente sottoscrivibili. Spedire un utente sull'home page di un sito significa metterlo nella condizione di doversi cercare il percorso fino all'obiettivo. Come minimo, si allungano i tempi di click to target (poco importa che non sia il nostro sito, l'abbiamo mandato lì noi). Soprattutto, secondo la regola dell'attenzione, un utente rimandato su una pagina che non contiene ciò che sta cercando potrà essere distolto da quell'obiettivo quanto prima. Questo significherebbe perdere veramente l'utente: fintanto che si muove verso dei contenuti che noi gli abbiamo segnalato, il navigatore sarà ancora legato al nostro sito. Quando si perde, il legame con il nostro sito salta del tutto. Anche tecnicamente, perché il tasto back dei browser è tanto più efficace quanto meno deve essere usato. Se il percorso per tornare da noi è costituito da un back, le probabilità che lo faccia sono molto più alte di quante ce ne siano con un percorso lungo e complicato, fatto di diversi passaggi sui quali ritornare a uno a uno.

Link precisi
Come devono essere profondi, i link devono essere anche precisi. L'error 404, cioè il messaggio di pagina non trovata, è uno dei più temuti sgambetti per gli utenti. Significa perdita di tempo, inutile allontanamento dal sito e non avere mantenuto fede alle aspettative dell'utente. E intanto la sua attenzione può volare via dove vuole. Per questo nella realizzazione dei link per il nostro sito dobbiamo stare attenti a digitare correttamente gli Url, e magari verificarli con cadenza regolare, in modo da sistemare o cancellare quelli che non sono più attivi.

Link permanenti
L'altro grande problema, infatti, dei link è costituito dai cosiddetti broken link, sui quali hanno dibattuto in tanti, da diversi punti di vista, dallo stesso Nielsen a Tim Berneers Lee. L'approccio è duplice: da una parte bisogna accertarsi che i collegamenti in partenza dal nostro sito siano sempre attivi, come detto poco sopra. Dall'altra, è necessario rendere le nostre pagine permanenti, in modo da non mettere in difficoltà eventuali link che puntano ad esse e perdere così ulteriori possibilità di visite (magari qualificate, perché alla ricerca di approfondimenti). Per non parlare delle pagine interne al sito, per cui non dovrebbe mai proporsi il famigerato errore 404. In sostanza, si tratta di attuare una politica per la permanenza dei link. Nei blog, il problema è stato brillantemente superato con una rigorosa osservanza dei cosiddetti permalink, i link permanenti appunto. Ogni documento ha un Url che non potrà variare mai, normalmente dato da titolo e dati cronologici, e che sarà reso inattivo solo una volta cancellato il documento stesso. Soprattutto nei casi di generazione automatica delle pagine, per esempio con i content management system, è indispensabile un attento lavoro per la creazione di regole per la permanenza dei link.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)