CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La volpe che azzanna
    Firefox vs Internet Explorer. La sfida continua

    La volpe che azzanna

    Raggiunti i quattrocento milioni di download di Firefox e in alcune nazioni europee è di gran lunga il browser più utilizzato. L'Italia però è solo al venticinquesimo posto in graduatoria. Perchè preferiamo i software proprietari a quelli opensource?
    12 settembre 2007 - Loris D'Emilio
  • I ragazzi di Flock, browser sociale

    Navigazione web, un oggetto azzurro che si dichiara aperto ai blog e ai social network. Un altro dei molti figli della Fondazione Mozilla
    26 ottobre 2006 - Carola Frediani
  • alfabeti digitali

    Pascolando tra i siti web

    «To browse» Come andare in rete. Ma il navigatore non ha mai vita facile
    26 ottobre 2006 - Sarah Tobias
  • Thurrott: IE è un cancro del Web

    Il noto giornalista, creatore di alcuni tra i più trafficati siti Web dedicati agli utenti di Windows, si è scagliato contro Internet Explorer e le strategie Microsoft nello sviluppo del browser
    9 agosto 2006 - Punto Informatico

Security Fix più veloci? Scegli Mozilla!

Non è certo una novità sapere quanto tempo si impiega, in casa Microsoft, a risolvere un problema di sicurezza in applicativi e in particolare nel browser Internet Explorer. Questa volta anche sul Washington Post se ne sono accorti. Il risultato? Mozilla, è la risposta.
14 febbraio 2006 - V.Ciaglia

L’autore dell’articolo, Brian Krebs, racconta della sua particolare inchiesta condotta su due dei più famosi ed utilizzati browser del mercato: Internet Explorer e Mozilla. Lo scorso mese, l’autore dell’articolo, ha infatti osservato che il tempo impiegato da Microsoft a risolvere problemi di sicurezza, ben noti a tutti, nei propri software è di gran lunga superiore a quello impiegato dalla Mozilla Foundation in operazioni del tutto simili. Stiamo parlando di Mozilla Firefox e Internet Explorer.

Nel corso degli ultimi anni, Mozilla ha impiegato non più di 21 giorni per risolvere bug di sicurezza in Firefox, comparati ai 135 giorni impiegati da Microsoft per risolvere lo stesso tipo di problema.

Krebs continua dicendo che è utile ricordare che, tuttavia, i prodotti della Microsoft, in particolare Windows, sono utilizzati dal più del 90% degli utenti di tutto il globo e che il suo browser copre una fetta di mercato pari all’85%. Questo fa si che sia più esposto ad attacchi di virus-writer e utenti maliziosi. E’ da dire, però, che Firefox è molto più impegnato sul fronte della sicurezza di IE.

Per fare un esempio, per almeno 38 giorni nel 2005, Internet Explorer è stato vulnerabile ad una serie di falle di sicurezza mai risolte che venivano abitualmente utilizzate e sfruttate da virus, worm e spyware. Per altri 256 giorni, lo scorso anno, Internet Explorer continuava a contenere molte vulnerabilità ben note a tutti ma mai risolte.

Questo non è mai successo con Firefox!

Anzi, nella peggiore delle ipotesi, Firefox è stato esposto al rischio di problemi di sicurezza non risolti per soli 17 giorni.

E’ possibile leggere l’interessante articolo, in versione completa, qui.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)