CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Brevetti, Stanca prenda posizione

Lo chiede l'ADUC all'avvicinarsi del voto dell'Euro parlamento su una direttiva da molti ritenuta pericolosa e controproducente
16 settembre 2003 - Punto Informatico
Roma - Si avvicina l'esame al Parlamento Europeo della cosiddetta "direttiva McCarthy", la nuova normativa sui brevetti che estende di molto la brevettabilità del software, sul modello americano. L'ADUC, Associazione per i diritti degli utenti e consumatori, ha chiesto in queste ore al ministro all'Innovazione italiano Lucio Stanca di prendere posizione su una materia tanto importante. Su questa vicenda, infatti, per il momento Stanca non si è pronunciato, nonostante l'imminenza del voto europeo.

"Il pericolo che si corre - sostiene il presidente ADUC Vincenzo Donvito - non è che verranno meglio specificate le questioni relative a brevettabilità che consentano di 'premiarè la capacità tecnologica di mettere in pratica qualcosa, ma che si apra indiscriminatamente al brevetto delle idee, e quindi che si vada verso una gestione monopolista delle stesse".

La questione è al centro di una mobilitazione alla quale partecipano esponenti della comunità del software libero e numerosi gruppi italiani ed europei, preoccupati che si ripeta in Europa una situazione che ha già creato non pochi danni negli USA. In questo senso nei giorni scorsi anche il senatore verde Fiorello Cortiana aveva espresso la massima preoccupazione nei confronti della direttiva, spiegando come la normativa "con la scusa di armonizzare il sistema brevettuale europeo in materia di software, di fatto sovverte i dettami della Convenzione Europea sui Brevetti, introducendo la brevettabilità del software e dei metodi commerciali. Come già dimostrato negli Stati Uniti, il sistema brevettuale, che è stato esteso al software da 20 anni, ha rallentato l'innovazione invece che incoraggiarla, spostando i fondi destinati originariamente a ricerca e sviluppo verso i dipartimenti legali delle grosse multinazionali che si occupano a tempo pieno di costose cause brevettuali".

Da parte sua l'ADUC sollecita Stanca "a prendere una posizione pubblica precisa e ad investire il Governo italiano, anche in virtù della presidenza di turno dell'Ue. Ovviamente auspichiamo che le valutazioni e le considerazioni del ministro si avvicinino alle nostre, ma anche se così non fosse, è importante essere precisi, sì che ognuno possa agire di conseguenza avendo chiare le parti in gioco. Il silenzio non gioverebbe ad alcuna posizione".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)