CyberCultura

Al Massachusetts Windows non piace

È l'unico stato americano che insiste con il procedimento antitrust contro Microsoft e ha ora deciso di portare Linux nei sistemi della propria amministrazione. Questione di coerenza?
29 settembre 2003
Punto Informatico

Roma - Una migrazione graduale ma piena dei sistemi della pubblica amministrazione dalla piattaforma Windows a Linux: questo è l'obiettivo annunciato dallo stato del Massachusetts, l'unico tra gli stati americani che continua a spingere per una revisione del procedimento antitrust federale svolto contro Microsoft.

Eric Kriss, ministro delle Finanze e della Pubblica Amministrazione del Massachusetts, in alcune dichiarazioni rilasciate alla stampa ha voluto sottolineare, però, che la scelta di Linux è nata su basi esclusivamente tecniche e che dunque nulla avrebbe a che vedere con le decisioni legali del procuratore generale dello stato.

In particolare, Kriss si è richiamato ad altri esempi di adozione di Linux nella PA, affermando che la scelta non è solo derivata dalla necessità di abbassare i costi di licenza per il software usato nel settore pubblico ma anche perché "una delle filosofie adottate dall'amministrazione è il ribadire che la PA è un bene pubblico e dovrebbe essere aperto a tutti". Una condizione che, a sentire Kriss, non è garantita dall'uso del software proprietario prodotto da Microsoft.

Va detto che, sebbene Linux rimanga ancora enormemente minoritario rispetto a Windows per quanto riguarda le infrastrutture informatiche di molti paesi, la sua avanzata fa rumore, come fanno rumore alcune decisioni prese in passato alle quali si è ora ispirato il Massachusetts. È accaduto per amministrazioni cittadine come quelle di Francoforte o Monaco di Baviera, senza parlare dei progetti Linux di cui si tratta in Francia e in Perù, o le recenti decisioni del Brasile. Anche in Italia, come noto, è stata presentata una proposta di legge per l'adozione di Linux sui sistemi della PA ed è recente una presa di posizione ufficiale del ministero all'Innovazione che invita a considerare Linux un possibile riferimento.

Articoli correlati

  • Ecologia della vita quotidiana e computer
    Ecodidattica
    Linux Lubuntu per resuscitare i vecchi computer

    Ecologia della vita quotidiana e computer

    Non volete gettare il computer su cui è istallato Windows XP? Ecco alcuni consigli per evitare l'obsolescenza tecnologica usando il software giusto.
    29 marzo 2019 - Alessandro Marescotti
  • Linux orientato alla didattica
    Ecodidattica
    So.Di.Linux

    Linux orientato alla didattica

    Un ottimo esempio anche di green economy perché consente - essendo un software "leggero" - di riutilizzare computer ancora funzionanti ma poco potenti. Computer che rischiano di andare in discarica ma che con Linux tornano a "nuova vita"
    5 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Richard Stallman a Firenze: Software libero ed economia solidale per difendere democrazia e libertà
    CyberCultura
    Stallman, chi era costui? :-)

    Richard Stallman a Firenze: Software libero ed economia solidale per difendere democrazia e libertà

    Per chi non è avvezzo al sistema operativo del "pinguino", il nome di Stallman non dice nulla. E per chi non segue le vicende del "software libero", o non sa che la Rete può diventare un'arma a doppio taglio, difficilmente avrà partecipato all'importante e seguitissimo incontro che si è tenuto a Firenze lo scorso 14 settembre 2013; ospite illustre, appunto, Richard Stallman.
    25 settembre 2013 - Roberto Del Bianco
  • Dal pensiero strade per innovare
    CyberCultura
    Tesi del Master "Scienza Tecnologia e Innovazione"

    Dal pensiero strade per innovare

    Software e comunicazione digitale, circolazione della conoscenza ed esigenze di tutela della proprietà intellettuale
    28 gennaio 2010 - Lidia Giannotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)