CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Derechos de autor, olè!
    Sentenza della Corte di Giustizia europea sul caso Promusicae-Telefonica: la tutela della privacy prevale sulla difesa del diritto d'autore.

    Derechos de autor, olè!

    Ma l'interpretazione della sentenza appare sibillina. IFPI non ci sta e dichiara: “la sentenza conferma che gli stati membri possono continuare a richiedere i dati degli utenti ai fini di procedimenti civili”. Ribatte Altroconsumo: “Il problema è un altro, trovare un nuovo modello per distribuire legalmente i contenuti online”.
    31 gennaio 2008 - Loris D'Emilio
  • Il pedoporno e i pericoli del P2P

    Il pedoporno e i pericoli del P2P

    La pratica dei processi in Italia suggerisce una correlazione tra lo sharing di musica e film e la circolazione di pornografia infantile. E' bene sapere come stanno le cose, per evitare sorprese
    Avv. Daniele Minotti
  • Il Vaudeville offre una lezione di musica alla Sony BMG

    Qualche mese fa si è scoperto che la Sony vendeva dei CD in grado di spiare gli utenti e spedire le informazioni raccolte alla compagnia. Questo caso è emblematico del tentativo in corso di restringere le libertà digitali.
    Cory Doctorow
  • P2P e denunce in Italia, e la legge?

    Le molte denunce piovute nei giorni scorsi in mezza Europa sugli utenti peer-to-peer allarmano molti. Ma per quanto riguarda l'Italia cosa dice la legge? Il quadro
    13 ottobre 2004 - Manuel M. Bucarella

In Spagna è guerra contro il download illegale

Un gruppo di accusati "recidivi" è stato individuato in maniera precisa attraverso accurata analisi di vecchi software.
4 ottobre 2003 - Zeus News

In Spagna è guerra contro chi scarica illegalmente files da Internet. La notizia è stata data dal gigante degli studi legali Landwell che sostiene d'aver ricevuto da un cliente un mandato per seguire 4000 utenti spagnoli che hanno scaricato dalla Rete musica, software e filmati.
Il gruppo di accusati "recidivi" è stato individuato in maniera precisa per mezzo di una accurata analisi dei dati di 95.000 utenti che hanno utilizzato vecchi software per compiere le loro imprese.

Tuttavia, non è difficile immaginare che il provvedimento potrà diventare un caso giudiziario. Innanzitutto perché non è detto che l'identità degli utenti coinvolti sia quella creduta, poi perché i giudici dovrebbero emettere delle disposizioni apposite per rivelare i nomi di chi si trova dietro ad un indirizzo IP. Comunque il procedimento non è stato ancora messo in atto da nessuna Corte.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)