CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Se c'è il copyright anche sulla mela

Persino un arresto, negli Usa, per «furto di innesti» elaborati da un'università
5 ottobre 2003 - Franco Carlini
Fonte: Il Manifesto - 5 Ottobre 2003
Una donna seduta a gambe aperte sopra una televisione anni `50: ormai basta una posizione, una suggestione o un oggetto per violare il copyright. Anche un'immagine infatti può essere oggetto di contesa in tema di copyright e la più recente disputa tra Madonna e Samuel Bourdin, figlio dello scomparso fotografo Guy Bourdin, solleva pesanti dubbi sui confini tra originalità e plagio. Samuel Bourdin infatti accusa la cantante rock di essersi ispirata nel suo ultimo video «Hollywood», all'ambientazione e alla narrazione di ben 11 foto del padre coperte da copyright che apparirono tra gli anni `50 e gli anni `80 su Vogue Francia. La corte di Manhattan è chiamata a esprimersi in questi giorni. E sarà che hanno perso l'innocenza da tempi biblici, ma anche con le mele bisogna stare attenti. Specie se sono succose e croccanti come la Honeycrisp, un incrocio tra la Macoun e la Honeygold intensamente coltivato nella contea di Wayne, stato di New York. Ma soprattutto se la varietà in questione è coperta da un brevetto detenuto dalla Università del Minnesota. Raccogliere dunque una qualsiasi parte della pianta, e soprattutto i suoi germogli, può essere molto pericoloso. Se n'è accorto Kevin C. Lessord, un giovane americano che è stato colto in flagrante mentre faceva man bassa di innesti di Honeycrisp. Cosa volesse farne non è dato sapere. Il punto è che ora Lessord rischia fino a quattro anni di prigione. La vicenda è subito rimbalzata a livello nazionale, attirando le attenzioni di un gruppo impegnato nella difesa dei diritti di proprietà intellettuale in agricoltura, la Nursery Licensing Association. Che non si è fatta scappare l'occasione: il caso Lessord, ha commentato l'associazione, servirà per diffondere tra i coltivatori la consapevolezza che «prelevare degli innesti è un reato penalmente perseguibile». Per la Nla si tratterebbe infatti di una chiara violazione delle leggi sui brevetti.
Note:

http://www.ilmanifesto.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)