USA: creato un nuovo comitato per la difesa della proprietà intellettuale

28 ottobre 2003
Raimondo Bellantoni

Il senatore statunitense Joseph R. Biden Jr, esponente di rilievo del partito democratico all’interno del Comitato per le Relazioni con l’Estero, e altri membri di Camera e Senato hanno annunciato la formazione di un nuovo comitato.
Il gruppo ha il compito di lavorare con i partner commerciali internazionali degli Stati Uniti allo scopo di assicurare un rafforzamento della protezione normativa della proprietà intellettuale in campo internazionale.
Secondo quanto affermato dal Senatore la creazione intellettuale, che negli Stati Uniti rappresenta un settore economico assolutamente rilevante, deve essere protetta con sempre maggiore incisività, in considerazione dell’impatto non solo in termini economici, ma anche occupazionali, della pirateria.
Il comitato quindi ha come obiettivo principale la creazione di una linea di azione internazionale coordinata, volta a diminuire la realizzazione di attività illecite portate a termine anche al di fuori del suolo americano.
L’attività del comitato si sostanzierà in pratica in:
1. Realizzazione di incontri con i paesi che evidenziano le maggiori problematiche in tema di pirateria.
2. Realizzazione di forum internazionali in tema di pirateria.
3. Dimostrazioni delle nuove tecnologie messe a punto per migliorare l’esperienza dell’utente e la tempo stesso porre un freno alle attività illecite.
4. Attivazione di una stretta collaborazione con i gli ideatori e i latori delle proposte normative in tema di proprietà intellettuale di Camera e Senato.

Articoli correlati

  • "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"
    Economia
    Intervista a Jeffrey Sachs sulla guerra in Ucraina, la Nato, l'Europa, gli USA e la Cina

    "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"

    "Gli Stati Uniti hanno chiamato il primo ministro Meloni e hanno detto di uscire dalla Via della Seta. Pensate che abbia avuto da sola quell’idea? L'idea statunitense è che nessuno debba rivaleggiare con la potenza degli USA. Dovremmo invece puntare a costruire un mondo multipolare e cooperativo".
    6 febbraio 2024 - Jeffrey Sachs
  • Schede
    Il 26 maggio 2004 il New York Times riconobbe i propri errori pubblicando un articolo

    Le presunte armi di distruzione di massa di Saddam in Iraq

    Giornali come il New York Times, fino al 2003 ostili alla guerra, finirono per accettare come veritiere le affermazioni di Powell e per considerare ineluttabile l'intervento armato. A guerra terminata non fu trovata alcuna traccia di quelle fantomatiche armi.
    16 novembre 2023
  • L'Assemblea generale dell'ONU vota per la fine dell'embargo a Cuba
    Latina
    Una sola nazione si è astenuta: l'Ucraina

    L'Assemblea generale dell'ONU vota per la fine dell'embargo a Cuba

    Solo due nazioni hanno votato per mantenere l'embargo: Stati Uniti e Israele.
    L'embargo a Cuba è stato istituito dagli Stati Uniti nel 1960, in risposta alla rivoluzione cubana guidata da Fidel Castro. L'anno successivo la CIA organizzò anche un tentativo di invasione che però fallì.
    3 novembre 2023 - Redazione PeaceLink
  • "Decine di commando USA combattono in Israele"
    Palestina
    L'escalation preoccupa la comunità internazionale, si dimette dall'ONU Craig Mokhiber

    "Decine di commando USA combattono in Israele"

    Negli ultimi giorni gli Usa stanno partecipando sul campo alle operazioni di liberazione di 240 ostaggi catturati da Hamas e trattenuti a Gaza. Questa notizia segna un importante cambio nella posizione degli Stati Uniti, passando da spettatori e consulenti a partecipanti attivi nei combattimenti.
    2 novembre 2023 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)