CyberCultura

Gli attivisti ne chiedono la messa al bando

I sistemi di riconoscimento facciale decidono il tuo sesso al posto tuo

I gruppi per i diritti umani ritengono che le nuove tecnologie consolidino i pregiudizi e chiedono alla Commissione europea di vietare simili algoritmi
13 aprile 2021
Isobel Cockerell
Fonte: .coda

Riconoscimento facciale

Se sei stato nella metropolitana brasiliana di San Paolo nel 2018, potresti aver incrociato un nuovo tipo di pubblicità. Pannelli interattivi luminosi che presentavano contenuti mirati, secondo le ipotesi fatte da un algoritmo, in base all’aspetto di chi osserva. Dotati di telecamere di riconoscimento facciale, gli schermi hanno stimato sesso, età e stato emotivo dei passeggeri, e hanno proposto annunci pubblicitari basati su queste informazioni.

I gruppi per i diritti digitali sostengono che l’algoritmo viola i diritti delle persone transgender e non binarie perché stima il genere degli individui in base alla forma fisica del loro viso, potenzialmente facendo giudizi errati sulla loro identità. L’algoritmo è basato su un modello di genere strettamente maschile/femminile, ignorando l’esistenza di persone non binarie.

«Se questi sistemi non riescono a comprendere che esisti, allora vivi sostanzialmente in uno spazio che ti sta costantemente e sinuosamente informandoti che non sei reale», ha detto Os Keyes, ricercatore di intelligenza artificiale presso l’Università di Washington.

Keyes, britannico, fa parte di una campagna per il rispetto della privacy LGBTQ+ ed esortare la Commissione europea a vietare la tecnologia automatizzata di riconoscimento di genere. L’Unione europea prevede di rivelare una nuova proposta di regolamentazione dell’intelligenza artificiale questo mese. Gli attivisti sperano che bandirà la tecnologia che fa ipotesi sul genere e l’orientamento sessuale.

«Vogliamo costruire un percorso nell’intelligenza artificiale che non sia soltanto il liberismo cinese o statunitense, ma basato sui diritti umani», ha dichiarato Daniel Leufer, analista di Europe Policy presso il gruppo per i diritti digitali Access Now.

La tecnologia automatizzata di riconoscimento del genere è già una realtà quotidiana. Un esempio è Giggle, un social media per sole donne comparso per la prima volta nel 2020. Giggle utilizza l’intelligenza artificiale per il riconoscimento facciale per “verificare” il genere degli utenti, analizzando un selfie inviato da chi intende iscriversi.

«È scienza!» ha dichiarato allegramente il sito web rosa dell’app, prima di ammettere che «a causa dell’algoritmo di verifica del genere utilizzato da Giggle, le ragazze transessuali avranno problemi a essere verificate». Gli utenti e i media hanno criticato l’app come trans-escludente e basata su idee obsolete su come dovrebbero essere le donne. Da allora il sito Web del social è cambiato ma non menziona come le donne transessuali possono aderire.

L’AD di Giggle, Sall Grover, mi ha detto che l’app è stata moderata da esseri umani che «guardano sempre dietro gli schermi per garantire che Giggle rimanga uno spazio femminile,» aggiungendo che «esistono app specifiche per i gay o specificamente per le persone transgender e noi le sosteniamo».

Grover ha detto che «le femmine trans-identificate sono le benvenute sulla piattaforma Giggle, se lo desiderano», ma quando le viene chiesto di specificare come le donne trans dovrebbero navigare nel software di riconoscimento di genere, ha semplicemente risposto: «Giggle è un social per donne». Poco prima della pubblicazione di questo pezzo Grover ha detto, in un tweet, che l’app era «rigorosamente per le femmine biologiche».

Il riconoscimento automatizzato di genere è un altro strumento, dicono gli attivisti, per rafforzare le nozioni errate di genere, come gli stereotipi e i pregiudizi che li accompagnano. La tecnologia stessa «funziona molto male per le persone transessuali e non funziona affatto per le persone non binarie», ha dichiarato Yuri Guaiana di All Out, un gruppo internazionale di difesa LGBTQ+ che sta attuando una campagna per la messa al bando di queste tecnologie.

Le entrate pubblicitarie sono spesso un incentivo per le aziende a voler assegnare un genere agli utenti. Questo mese, Access Now ha inviato una lettera alla piattaforma di streaming musicale Spotify, criticandola per la tecnologia sviluppata per rilevare il genere di un utente analizzando il modo in cui parla, al fine di formulare raccomandazioni musicali.

«Questa tecnologia avanzata, che ci viene detto rivoluzionerà la società, sta in realtà cementando gerarchie sociali conservatrici e obsolete», ha affermato Leufer.

Spotify non ha risposto alla richiesta di un commento.

Gli attivisti pensano che, se questa tecnologia non verrà messa fuori legge, diventerà presto onnipresente. C’è anche la preoccupazione che nei paesi autoritari, dove l’essere persona LGBTQ+ viene considerato un crimine, potrebbe essere implementato per far “fuori” individui vulnerabili.

«Francamente, tutte le persone transessuali che conosco, me compreso, hanno abbastanza problemi con persone misogene, senza che i robot inizino a divertirsi», ha detto Keyes.

Tradotto da Giacomo Alessandroni per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: "Facial recognition systems are deciding your gender for you. Activists say that needs to stop"

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)