CyberCultura

I software didattici e l'innovazione

Animatore Digitale

L'Animatore Digitale è un docente che ha il compito di coordinare la diffusione dell'innovazione digitale nella didattica. La mia attività ha toccato vari ambiti tematici quali l’educazione civica, l’educazione ambientale e l’educazione alla pace.
27 settembre 2022
Alessandro Marescotti (Animatore Digitale IISS Righi Taranto)

Animatore Digitale

Nella mia scuola sono Animatore Digitale.

Cosa è l’Animatore Digitale? E’ un docente che ha il compito di coordinare la diffusione dell'innovazione digitale nella didattica. La mia attività di Animatore Digitale ha toccato vari ambiti tematici quali l’educazione civica, l’educazione ambientale e l’educazione alla pace.

Sono stati testati nuovi software per la scuola orientandoli verso questi ambiti tematici.

Vi vorrei descrivere brevemente i software più innovativi e interessanti che hanno avuto riscontri positivi sia nell’attività di formazione dei docenti sia nell’attività didattica con gli studenti.

Ci sono software con cui si realizzano delle bacheche digitali. Abbiamo usato Padlet per mettere in rete diverse scuole attorno al progetto Ecodidattica; questo è un esempio di bacheca di condivisione https://padlet.com/alemarescotti/ecodidattica 

Un altro software che abbiamo usato per selezionare, aggregare e condividere contenuti è Wakelet. E’ considerato un software di “content curation”, ossia di cura dei contenuti, i quali vengono organizzati in formati grafici gradevoli da vedere e usare. Qui c’è una raccolta di Wakelet: https://wakelet.com/@Ecodidattica6026 

Vi è poi il campo delle mappe concettuali. Abbiamo usato Coggle e questo è una mappa concettuale sull’Illuminismo realizzata da uno studente https://www.peacelink.it/cybercultura/a/45750.html  

Altri esempi di mappe concettuali sono qui https://www.peacelink.it/scuola/a/45718.html 

 

Vi è poi un software molto versatile con cui si può strutturare un quaderno digitale e organizzare la conoscenza. Parliamo di Notion, particolarmente adatto a prendere appunti e a sistemarli, dando un ordine al caos. E’ gratuito e lo si usa come piattaforma online. Il suo sito è questo www.notion.so 

Ecco un esempio di Notion applicato all’educazione ambientale https://tinyurl.com/notionambiente  

Questo software può sembrare complesso ma attraverso la “peer education” (ossia la collaborazione fra studenti in classe) è stato usato e appreso da tutti, anche da studenti disabili. Tutti hanno imparato a usare Notion!

 

Quelli citati sono tutti software gratuiti o con versioni gratuite che non presentano gravi limitazioni. Le competenze formate e condivise sono state le seguenti:

  • imparare a condividere e a lavorare in team digitali;
  • imparare a collaborare e a progettare sfruttando le potenzialità dei personal knowledge management (PKM) come Notion.

 

Vi è poi il software più innovativo e interessante: Hypernotes. Con questo software gli studenti hanno imparato a collegare e organizzare i foglietti degli appunti digitali mediante grafi sofisticati. Per la precisione mediante i cosiddetti grafi della conoscenza. Un grafo della conoscenza (knowledge graph) è come una mappa concettuale, ma è più articolato e complesso. Stimola l’organizzazione e la rappresentazione della conoscenza.

 

Con Hypernotes ho svolto quattro mesi di attività nelle mie tre classi (1C, 2C, 3C).  L’esperienza è stata molto positiva. Tutti gli studenti hanno imparato a usare questo software orientato alla metaconoscenza, ossia alla riflessione su come si organizza la conoscenza. La conoscenza viene rappresentata mediante un grafico che assomiglia a una rete neuronale. Hypernotes può avere ricadute didattiche potenti nel riflettere su come si interconnettono le conoscenze e le discipline. Ho definito tale attività con il termine “hypermapping”. L’esperienza è stata documentata in questo saggio:

 

Hypermapping: software per imparare a pensare

Link https://www.peacelink.it/cybercultura/a/49194.html 

 

Hypernotes può essere utilizzato anche per l’educazione alla pace e un esempio è HyperPeace.

Note: Questo articolo è stato scritto per il mensile Mosaico di Pace https://www.mosaicodipace.it/

Articoli correlati

  • HyperPeace
    CyberCultura
    Un progetto di educazione digitale alla pace

    HyperPeace

    Ogni nodo di questo reticolo può contenere un testo lungo o breve, anche un semplice aforisma come pure un intero libro linkato come PDF. Dentro ogni nodo del knowledge graph possiamo inserire un video. O un rimando a una pagina web. O a un intero sito.
    22 settembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Software per imparare a pensare
    CyberCultura
    Hypermapping

    Software per imparare a pensare

    Come usare i software di personal knowledge management per prendere appunti, connetterli e condividerli, sviluppando alcune competenze chiave di cittadinanza come quella di "imparare a imparare" e di "imparare a collegare". Appunti sull'utilizzo delle reti semantiche a scuola
    5 luglio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Mappe concettuali, mappe mentali e apprendimento attivo
    Scuola
    In questa pagina web vengono raccolti vari documenti per approfondire la conoscenza del mind mapping

    Mappe concettuali, mappe mentali e apprendimento attivo

    Una ricerca sui repository in rete più noti attraverso criteri di selezione ispirati alle metodologie dell’Evidence Based Education ha portato a individuare l'utilità delle mappe concettuali per l’apprendimento in quanto più efficaci rispetto all’ascolto di lezioni
    1 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Capire il Novecento con le mappe concettuali
    Scuola
    Ad ogni nodo della mappa corrisponde un video e il testo corrispondente

    Capire il Novecento con le mappe concettuali

    Sono stati strutturati sulla piattaforma Mind42 vari documentari didattici della Ovovideo, con i relativi testi.
    13 maggio 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)