CyberCultura

Un pizzico di open source a Ravenna

Il voto del Consiglio comunale avvicina il comune romagnolo alle piattaforme aperte. Primo passo: indagine conoscitiva, per capire se davvero conviene
26 ottobre 2004
Punto Informatico

Ravenna - Un Ordine del Giorno presentato dal consigliere comunale Andrea Maestri è stato approvato dal Consiglio comunale di Ravenna, una decisione che spiana la strada all'introduzione del software open source nelle infrastrutture informatiche del municipio romagnolo.

Il testo dell'Ordine del Giorno (qui in.pdf) ricalca da vicino documenti analoghi che sono stati approvati in alcune altre città italiane nelle quali le amministrazioni comunali hanno iniziato a valutare la possibilità di abbracciare le piattaforme aperte.

Ad annunciare l'esito della decisione è stata la Free Software Alliance, associazione che ha applaudito la scelta di realizzare una indagine conoscitiva "sull'impiego delle risorse informatiche all'interno degli uffici comunali, tesa a verificare in concreto la possibilità di introdurre e/o diffondere l'utilizzo del software libero, alla luce dei benefici rilevabili in termini economici, di funzionalità e di promozione delle libertà fondamentali".

Non solo. L'OdG approvato impegna anche a spingere l'open source nelle strutture scolastiche e accademiche locali e ad adottare formati aperti nelle comunicazioni con i cittadini.

L'OdG, contro cui ha votato contro soltanto Forza Italia, secondo Free Software Alliance può "incentivare le economie locali" nonché spingere anche altre realtà cittadine ad iniziare un cammino verso il software libero.

Articoli correlati

  • Ecologia
    Faceva parte del comitato che a Ravenna si batte contro il rigassificatore

    Daniela Versari non e' piu' con noi

    8 agosto 2007 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Incontro il 22 settembre con Nanni Salio

    Crisi degli imperi e delle culture di violenza

    "Il delirio dell'economia" è un'iniziativa che si tiene ogni anno a Lugo di Romagna. Quest'anno arriva alla sua decima edizione.
    Movimento Internazionale della Riconciliazione
  • Itinera Byzantino Turcica, il viaggio è finito!
    Pace

    Itinera Byzantino Turcica, il viaggio è finito!

    Partita a fine luglio da Istanbul, la carovana del "viaggio della sorellanza" ha terminato il suo viaggio. A Ravenna l'incontro con i Sindaci della Bassa Romagna e la presentazione della pergamena con le firme apposte dai Sindaci delle città attraversate.
    13 agosto 2006 - Roberto Del Bianco
  • "Itinera Byzantino Turcica": alla tappa finale la carovana del gemellaggio tra le due "città sorelle"
    Pace
    Da Istanbul a Ravenna (attraverso Turchia, Bulgaria, Serbia, Bosnia-Erzegovina, Croazia ed Italia), passando per Sofia, Belgrado, Sarajevo, Mostar, Spalato, Pescara, Senigallia, Cervia e Ravenna...

    "Itinera Byzantino Turcica": alla tappa finale la carovana del gemellaggio tra le due "città sorelle"

    Per ribadire la parentela tra le due "città sorelle", capitali dell'impero bizantino. Per (ri)avvicinare popoli/culture/religioni che in questi ultimi tempi si stanno allontanando in modo preoccupante. Per testimoniare (a popoli vicinissimi geograficamente, eppur così lontani) una comune voglia di pace, comprensione, convivenza... praticamente di sorellanza.
    11 agosto 2006 - Roberto Del Bianco
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)