CyberCultura

VeriSign, un dominio a caro prezzo

20 gennaio 2005
Vittorio Strampelli
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Internet è usata da centinaia di milioni di uomini e donne, ma pochi sanno che l'amministrazione dei domini (i suffissi .it, .com, ecc. che accompagnano gli indirizzi dei siti) è nelle mani di un pugno di società, che si spartiscono una torta molto appetitosa. Tra queste, la californiana VeriSign si occupa dei domini .com e .net, che le fruttano ogni anno circa 250 milioni di dollari. Ma il quadriennale contratto di gestione per i domini .net è agli sgoccioli (scade il prossimo 30 giugno), e oggi stesso decade il termine ultimo per la presentazione delle domande per la gara d'appalto. Almeno tre sono le aziende rivali che hanno intenzione di concorrere: l'americana NeuStar, che amministra i domini .biz, l'irlandese Afilias che gestisce i .info e la tedesca Denic, che già si occupa degli otto milioni di siti terminanti in .de. Per dare un'idea del giro d'affari dietro questo business, alcune cifre: i domini .net rappresentano ben cinque milioni di siti web, che si traducono in milioni di pagine visitate ogni giorno, 150 miliardi di email e circa un milione e mezzo di dollari di transazioni quotidiane, secondo i dati forniti dalla stessa VeriSign.

Nominare il DotNet Domain Manager dei prossimi quattro anni sarà compito dell'Icann (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), l'organizzazione internazionale no-profit preposta, tra le altre cose, a gestire il sistema dei dominii. Ma l'ente si trova ora in una posizione scomoda, a causa dei recenti scontri con VeriSign circa un loro servizio che reindirizzava qualunque nome di dominio errato o inesistente che terminasse con .net o .com verso un motore di ricerca denominato «Site Finder» e corredato da annunci pubblicitari. Un giochetto in grado di raddoppiare gli introiti di VeriSign, che l'Icann non ha gradito, imponendo la sospensione del servizio. VeriSign ha risposto con una querela, accusando l'ente di abusare del proprio ruolo di garante.

Articoli correlati

  • Kimbau

    La tecnologia che salva la vita

    "La tecnologia è buona nell'uso che ne facciamo, cattiva nell'uso che ne facciamo".
    30 dicembre 2013 - Antonietta Podda
  • Adesso può baciare lo schermo
    Sociale
    Aumentano i matrimoni “virtuali”

    Adesso può baciare lo schermo

    Internet rivoluziona il giorno più bello per antonomasia
    16 dicembre 2013 - Sarah Maslin Nir
    Traduzione a cura di PeaceLink
  • Gli adolescenti e il social network
    CyberCultura
    È vero che gli adolescenti che socializzano troppo online non sono più capaci di comunicare di persona? Secondo Clive Thompson i fatti parlano diversamente.

    Gli adolescenti e il social network

    E se ne traessero dei vantaggi?
    25 novembre 2013 - Clive Thompson
    Traduzione a cura di PeaceLink
  • Notte bianca della rete
    MediaWatch
    Ieri a Roma le associazioni hanno promosso una "notte della rete" per la libertà di espressione e di informazione

    Notte bianca della rete

    Continua con incontri e dibattiti la protesta di chi ritiene incostituzionale che un'autorità amministrativa possa modificare i contenuti di un sito, senza l'intervento di un giudice
    6 luglio 2011 - Lidia Giannotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)