Kimbau

La tecnologia che salva la vita

"La tecnologia è buona nell'uso che ne facciamo, cattiva nell'uso che ne facciamo".
30 dicembre 2013
Antonietta Podda

Registrazione audio in fondo pagina

Per Chiara Castellani "troppe cose succedono perché complice il silenzio dei media. Sicuramente internet, la posta elettronica, la telematica può diventare uno strumento di denuncia e può prevenire delle stragi." Alessandro Marescotti racconta: Non ci sono postini in Congo e non ci sono nemmeno i telefoni. Le linee telefoniche servono sono a una parte piuttosto ristretta della popolazione. Il collegamento tramite posta elettronica avveniva quindi tramite onde radio, a velocità molto lente. In questo percorso molto complicato da seguire tuttavia efficace, mi arriva alle due di notte un messaggio di Chiara che dice che si era ammalate tante persone e che mancava il ceftriaxone. E' stato uno dei momenti più belli della mia vita perché quella notte in cui ero rimasto sveglio, e vedo che arriva un messaggio di aiuto, mi rendo conto che la tecnologia può salvare la vita.

Chiara descrive quel particolare momento: "quando c'è stata l'epidemia di meningite a Kimbau, avevo portato dall'Italia un po' di ceftriaxone ma le riserve erano finite. C'era una bambina che si era ammalata di meningite e avendo finito il ceftriaxone, avevo cercato di salvarla con altri medicinali , ma purtroppo c'era una resistenza a questi farmaci e la bambina era morta. Allora ho detto “è morta la bambina per la mancanza di ceftriaxone”, e grazie a questo tam tam, dall'Italia hanno cominciato a raccogliere il ceftriaxone. Il problema era farmeli arrivare. E per farmeli arrivare è stato fatto questo accordo con il Nunzio apostolico, e tutte le settimane arrivava un pacco da un kg dove c'era ben imballato il ceftriaxone, arrivava a Kimbau e grazie a questo pacco sono riuscita a salvare moltissima gente dalla meningite. Ora il messaggio è rimasto. Anche perché il ceftriaxone oltre a curare la meningite cura anche la setticemia, la febbre puerperale, il tifo e in questo momento anche la blenorragia, la peritonite pelvica , e l'unico trattamento efficace è il ceftriaxone. E questa rete è rimasta. Poi adesso la comunicazione internet è diventata più facile. (…) Ma il fatto di aver scoperto negli anni più difficili che l'informatica poteva aiutarmi a salvare tante vite umane: questo l'ho scoperto grazie ad Alessandro. E anche oggi, il fatto che Kimbau esista in internet, essendo invece assente nelle carte geografiche, mi aiuta. Kimbau è diventato un luogo conosciuto, perché la telematica non è solo per privilegiati ma la tecnologia è buona nell'uso che ne facciamo, cattiva nell'uso che ne facciamo."

 


Articoli correlati

  • Ti ricorderemo, Gino Strada
    Pace
    Un mese fa moriva Gino Strada

    Ti ricorderemo, Gino Strada

    Ha lasciato un segno nella Storia e nelle nostre coscienze, ci ha esortato a credere in un futuro senza guerre. Lavorava, soffriva per quello che vedeva e si interrogava.
    10 settembre 2021 - Maria Pastore
  • L'esportazione della democrazia e Gino Strada
    Pace
    Afghanistan

    L'esportazione della democrazia e Gino Strada

    Nessuno gli ha dato ascolto, se non la povera gente di cui ha guarito le ferite senza fare distinzione alcuna. Quello che sta succedendo è la bancarotta morale dell'Occidente.
    17 agosto 2021 - Gianfranco Mammone
  • La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange
    Pace
    Non uccidere il messaggero

    La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange

    Il fondatore di Wikileaks ci aveva da tempo avvertito che in Afghanistan le truppe USA/NATO non stavano “guadagnando le menti e i cuori” della popolazione; anzi, si stavano facendo odiare. Ma il messaggio non è stato ascoltato e il messaggero è ora in prigione in attesa di giudizio.
    17 agosto 2021 - Patrick Boylan
  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)