Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Quale futuro per Leonardo-Finmeccanica? Grande confusione sotto il cielo…
    la strada è “quella di trasformare Leonardo azienda che vende “equipment” (attrezzature) a società che vende servizi.

    Quale futuro per Leonardo-Finmeccanica? Grande confusione sotto il cielo…

    più che trasformazione si dovrebbe allora parlare di alchimia genetica
    18 novembre 2017 - Rossana De Simone
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Missioni Militari: la spesa per gennaio-giugno 2006

30 giugno 2006
Fonte: ANSA (http://www.ansa.it)

162.373.497 euro: a tanto ammontava lo stanziamento del governo italiano per il finanziamento della presenza militare italiana in Afghanistan nel semestre gennaio-giugno 2006. Questa somma, determinata in un disegno di legge del governo, era cosi' divisa: - 148.935.976 euro per la partecipazione alla missione internazionale Isaf (International security assistance force) con compiti di assistenza all'Autorita' afghana. - 13.437.521 euro per la partecipazione alla missione Enduring Freedom (intesa a contrastare le sacche di terrorismo in Afghanistan e a favorire la stabilizzazione del Paese) e alle missioni Active Endeavour e Resolute Behaviour (collegate alla prima missione e svolte con unita' navali con compiti di vigilanza rispettivamente nel Mediterraneo orientale e nel Mare arabico. Quanto all'Iraq, per il primo semestre 2006 il governo aveva stanziato con un decreto legge 22.928.310 euro ''per la prosecuzione della missione umanitaria, di stabilizzazione e di ricostruzione in Iraq, con la finalit? di fornire sostegno al Governo provvisorio iracheno nella ricostruzione e nell'assistenza alla popolazione. - 111.918.982 per le seguenti missioni nei Balcani: a) Over the Horizon Force, in Bosnia e Kosovo; b) Multinational Specialized Unit (MSU), in Kosovo ; c) Joint Enterprise in Kosovo e Fyrom; d) United Nations Mission in Kosovo (UNMIK); e) Albania 2, in Albania. - 21.285.597 euro per la partecipazione all'operazione militare dell'Unione europea in Bosnia-Erzegovina, denominata ALTHEA; - 638.599 per la partecipazione alla missione Ue nei territori della ex Jugoslavia (EUMM). - 727.361 euro per la partecipazione alla missione Temporary International Presence in Hebron (TIPH 2), - 3.037.774 per la partecipazione alla missione dell'Unione europea di supporto alla missione dell'Unione africana in Sudan (AMIS II) - 297.528 euro per la partecipazione alla missione United Nation Mission in Sudan (UNMIS). - 114.106 per la partecipazione alla missione di polizia dell'Unione europea nella Repubblica democratica del Congo, denominata EUPOL Kinshasa. - 1.656.594 per la partecipazione alla missione Ue di assistenza alle frontiere per il valico di Rafah (EUBAM Rafah). - 136.311 euro per la partecipazione alla missione United Nations Peacekeeping Force in Cipro (UNFICYP) - 6.525.541 euro per la partecipazione alla missione NATO di soccorso umanitario e di supporto alla ricostruzione in favore delle popolazioni del Pakistan colpite dal violento terremoto dell'8 ottobre 2005. - 5.165.000 euro per la fornitura di mezzi, materiali, attrezzature e servizi, nonche' per la realizzazione di interventi infrastrutturali e l'acquisizione di apparati informatici e di telecomunicazione nell'ambito della prosecuzione dei programmi di cooperazione militare con l'Albania

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)