Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

In calce, la "Hiroshima Peace Declaration" redatta quest'anno dall'attuale Sindaco Kazumi Matsui

Contro il nucleare, ricordando, e pedalando

Un tour ciclistico attraverserà parte del Giappone, da Nagasaki a Hiroshima
8 agosto 2012

Legate dal ricordo. Ma adesso anche da un'iniziativa che riunisce attivisti entusiasti e risoluti sulle "due ruote", arrivati a Nagasaki da 20 diverse Nazioni. Sì, ancora esse, Nagasaki e Hiroshima. Due città risorte dalle macerie della "Bomba" ma che mantengono sempre l'emblema della memoria.

Un tour ciclistico che vuole lanciare un monito all'umanità. Partono oggi da Nagasaki in un percorso che per 500 chilometri attraverserà in varie tappe la parte meridionale del Giappone. Meta finale Hiroshima. Un'iniziativa di numerosi studenti e medici appartenenti a IPPNW, l'Organizzazione internazionale dei medici per la prevenzione della guerra nucleare.

Nel blog dedicato all'iniziativa, credo che saranno tanti i post a seguire lungo il percorso. Già da ora s'avverte l'entusiasmo giovanile che sta legando i partecipanti, l'emozione del trovarsi insieme a condividere l'imminente fatica corroborata però dall'importanza dell'evento, oltre che dalla bellezza del paesaggio e dalla curiosità innescata nell'attraversare un luogo dalla cultura diversa e millenaria.

Una bella notizia di cronaca, finalmente, arrivata con un tweet e rimbalzata nell'impulso di divulgarne la voce. E che fa il paio con quanto qualche giorno fa è apparso, sempre come cronaca online assai poco mostrata dai media. Anch'esso un tour su due ruote, anch'esso con l'ideale di raccontare e far riflettere opinione pubblica e istituzioni sull'idiozia mondiale del tenere ancora in piedi il diabolico meccanismo di morte cui le prime Bombe hanno dato l'avvio.

 

 

IPPNW Bike Tour: la mappa del percorso

Ah! Potessero seguire questi tour anche i "Grandi" del mondo! Potessero entrare, essi, potenti ma spesso fuori dalla realtà, nello spirito del voler cambiare, del voler vivere e prevenire la morte del pianeta, del voler giocare una volta per tutte la carta del disarmo nucleare, totale e irreversibile! Se la deterrenza è legge dettata dalla paura, perché allora non spingere all'incontro per alimentare la fiducia? La posta in gioco è assai grande e mette sullo stesso piano di morte sia noi che loro, sia chi subirebbe il primo colpo sia chi avesse premuto il bottone dell'Apocalisse.

Non vale la pena cambiare le regole?


Note: Il blog dove seguire l'iniziativa: http://ippnwbiketour.blogspot.it/
"Pace in bici 2012: per un mondo libero da armi nucleari": http://www.disarmo.org/ican/a/36731.html

Articoli correlati

  • Alle soglie del conflitto?
    Conflitti
    PRESS RELEASE - February 27, 2019

    Alle soglie del conflitto?

    Il rischio di un’escalation nucleare nel confronto territoriale che si è riacceso tra India e Pakistan. Un appello da IPPNW, l’Internazionale Medici per la prevenzione della guerra nucleare. Un invito alla sua divulgazione da parte delle testate e i media italiani
    27 febbraio 2019 - Roberto Del Bianco
  • La decisione di uscita degli USA dal Trattato INF sulle forze nucleari a medio raggio
    Disarmo
    Comunicato stampa rilasciato da IPPNW (International Physicians for the Prevention of Nuclear War)

    La decisione di uscita degli USA dal Trattato INF sulle forze nucleari a medio raggio

    Il grande perdente nel nuovo confronto Est-Ovest potrebbe essere l’Europa. Prima della conclusione del Trattato INF, 30 anni fa, vi era tra le maggiori potenze una corsa incontrollata agli armamenti. Se fosse scoppiata la guerra nucleare, intenzionalmente o accidentalmente, probabilmente sarebbe iniziata in Europa e avrebbe cancellato le nazioni situate sulla linea tra i due blocchi.
    24 ottobre 2018 - Roberto Del Bianco
  • Disarmo

    Si attiva un filo rosso di comunicazione tra le due Coree

    Dalla dichiarazione congiunta tra IPPNW, ICAN e il Governatore della provincia di Gangwon, alla riapertura delle comunicazioni tra le due Coree in vista dei Giochi Olimpici Invernali.
    4 gennaio 2018 - Roberto Del Bianco
  • Ricordare sì i morti a Hiroshima e a Nagasaki – ma senza dimenticare quelli nei teatri di guerra italiani di oggi
    Pace
    Fare del "pacifismo attivo" si può... anche in agosto!

    Ricordare sì i morti a Hiroshima e a Nagasaki – ma senza dimenticare quelli nei teatri di guerra italiani di oggi

    Il 71° anniversario del bombardamento atomico di Hiroshima è stato ricordato a Roma ieri con una cerimonia bella ma in gran parte dimentica delle guerre odierne in cui l'Italia sta disseminando morte e distruzione. A ricordare ai partecipanti che la pace richiede un impegno attivo costante – qui ed ora – ci hanno pensato invece alcuni attivisti di Rete NoWar-Roma.
    .
    6 agosto 2016 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)