Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

Vienna 2014. Al termine dei lavori, un impegno che può valere la salvezza di tutti

The Austrian Pledge

Il governo austriaco ha chiuso la conferenza con un impegno inaspettato e straordinario: cooperare con tutte le parti interessate "per identificare e perseguire misure efficaci per colmare il vuoto giuridico per la proibizione e l'eliminazione delle armi nucleari", e "cooperare con tutte le parti interessate, Stati, organizzazioni internazionali, Croce Rossa Internazionale e Mezzaluna Rossa, movimenti, parlamenti e Società Civile, in uno sforzo per stigmatizzare, vietare ed eliminare le armi nucleari, alla luce delle conseguenze umanitarie inaccettabili e i rischi associati"
9 dicembre 2014 - John Loretz (IPPNW Program Director)
Fonte: IPPNW - 10 dicembre 2014

Alexander Kmentt, the Vienna Conference chair, reads the Chair’s Summary.

La Conferenza di Vienna sull'impatto umanitario delle armi nucleari si è conclusa oggi con un importante passo avanti per ICAN e tutti quegli Stati che ora sono pronti a unirsi in un processo politico per bandire le armi nucleari. Il governo austriaco ha chiuso la conferenza con un impegno inaspettato e straordinario: a cooperare con tutte le parti interessate "per identificare e perseguire misure efficaci per colmare il vuoto giuridico per la proibizione e l'eliminazione delle armi nucleari" (che può significare solo una cosa), e "a cooperare con tutte le parti interessate, Stati, organizzazioni internazionali, Croce Rossa Internazionale e Mezzaluna Rossa, movimenti, Parlamenti e Società Civile, in sforzi per stigmatizzare, vietare ed eliminare le armi nucleari, alla luce delle conseguenze umanitarie inaccettabili e i rischi associati "(che significa esattamente quello che dice).

The Austrian Pledge - "l'impegno austriaco" - significa che ora possiamo iniziare il vero lavoro, di portare gli Stati disponibili, uniti intorno a un processo politico per vietare ed eliminare le armi nucleari. Almeno 42 Stati hanno segnalato la loro disponibilità a far parte di un tale processo nel corso del dibattito generale di oggi, e altri sono in grado di farlo una volta che un processo vero e proprio inizierà a prendere forma.
Il primo passo definito dall'Austria sarà quello di portare le conclusioni delle tre Conferenze - Oslo, Nayarit e Vienna, alla Conferenza di revisione del Trattato di Non Proliferazione Nucleare nel maggio 2015, e sollecitare il Trattato ad assumere il compito urgente e atteso da tempo di adempiere all'articolo VI come un imperativo umanitario sulla base di tali conclusioni. Nel frattempo, ICAN lavorerà con il maggior numero possibile di membri di garantire che il processo avanzi, indipendentemente dalla sede.

La sintesi della Presidenza è un documento potente e persuasivo, precisando con un linguaggio preciso tutte le prove e le conclusioni principali delle tre Conferenze. E mentre riflette l'intera gamma di punti di vista che sono stati espressi nel corso delle discussioni su come affrontare questa prova, indica inoltre quali tra tali opinioni abbia avuto un sostegno sostanziale. Alla fine della conferenza, un numero più che sufficiente di Stati ha assunto come un inizio in questa direzione l'appello di ICAN per uno strumento giuridicamente vincolante per vietare le armi nucleari.


Ecco alcuni estratti chiave della sintesi del Presidente:

"Molti delegati hanno espresso preoccupazione per gli scarsi progressi in materia di disarmo nucleare e ha sottolineato che le considerazioni umanitarie non dovrebbero più essere ignorate, ma essere al centro di tutte le decisioni di disarmo nucleare."
"Molte delegazioni hanno osservato che il discorso sull'impatto umanitario delle armi nucleari ha rivelato che le armi nucleari rappresentano un rischio inaccettabile, che questo rischio è superiore a ciò che era stato comunemente inteso, e che continua ad aumentare nel tempo."
"Molte delegazioni hanno ribadito che l'eliminazione totale delle armi nucleari è il modo più efficace per prevenire il loro uso."
"La maggioranza delle delegazioni ha sottolineato che l'eliminazione definitiva delle armi nucleari deve essere perseguita in un quadro normativo concordato, tra cui una convenzione sulle armi nucleari."
"Molte delegazioni hanno sottolineato il bisogno di sicurezza per tutti e che l'unico modo per garantire questa sicurezza è attraverso il divieto e l'eliminazione totale delle armi nucleari. Essi hanno espresso sostegno per la negoziazione di un nuovo strumento giuridico che vieti le armi nucleari che costituiscono una misura efficace verso il disarmo nucleare, come richiesto anche dal TNP."

ICAN campaigners celebrate the outcome of the Vienna conference before heading home.

Questa sera abbiamo avuto un breve briefing con gli attivisti, e siamo rimasti convinti che "la promessa austriaca" completa la transizione, dalla conoscenza dell'impatto umanitario delle armi nucleari per l'azione sull'evidenza, al perseguire un trattato di messa al bando, come il vero "cambio di gioco" che porterà ad un mondo senza armi nucleari.


Ho da fare i bagagli, dormire un po' e volare a casa domani, ma non voglio concludere questo post senza dire un paio di parole sul team di attivisti davvero incredibile che ICAN ha organizzato. Sono giovani (e meno giovani) intelligenti, professionali e pieni di energia, e più diversificati rispetto a qualsiasi gruppo di attivisti per l'abolizione del nucleare, che abbia mai visto in 30 anni di lavoro su questo tema. E ce ne sono tantissimi. Hanno lavorato duro per due giorni, e si è visto nei risultati. Nadja Schmidt di ICAN Austria ha consegnato la nostra dichiarazione finale con convinzione e compostezza. Tutto questo è stato notato dagli Stati con cui collaboreremo nei prossimi mesi, e che ora sanno che ICAN ha portato il sostegno della Società Civile di cui hanno bisogno per intraprendere i prossimi coraggiosi passi.

Il coraggio è stato il tema che abbiamo portato a Vienna, il coraggio di vietare, e sembra proprio che ci sia abbastanza coraggio per diffonderlo una volta partiti.

Prendete l'"impegno austriaco" e correte con esso. La partita è aperta.

 

Tradotto da Roberto Del Bianco per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore della traduzione.

Note:

Articolo originale su IPPNW: http://peaceandhealthblog.com/2014/12/09/the-austrian-pledge/

Allegati

  • The Austrian Pledge (230 Kb - Formato pdf)
    Ministero austriaco degli Affari Esteri
    Il documento di impegno del governo austriaco
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)