Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Una impietosa analisi sul sito "Popular Mechanics"

"L'F-35 potrebbe essere uno degli aerei da guerra più derisi"

Mentre il sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo (M5S) lo definisce una "ottima tecnologia", un articolo specializzato statunitense dal titolo "Come il Joint Strike Fighter è diventato un disastro" ne evidenzia le pecche. Ad esempio ai piloti manca l'ossigeno se volano ad alta quota
7 febbraio 2019

Gravissime accuse di un esperto militare contro gli F-35

Un articolo pieno di dati e con un'analisi tecnica impietosa di Eric Tegler svela aspetti su cui il sottosegretario del Ministero della Difesa Angelo Tofalo sorvola. Il sottosegretario pentastellato ha in mano il dossier F-35. Lo ha definito una "ottima tecnologia". Mentre Eric Tegler evidenzia problemi di mancanza di ossigeno (ipossia) per i piloti degli F-35 quando arrivano ad alta quota.

"È un mistero, abbiamo bisogno di più informazioni", dice Shaeffer, un esperto del settore.

"Questo è l'enigma", ammette Derek Woods, un altro esperto militare che si occupa del sistema Onboard Oxygen Generation System (OBOGS).

A rendere il mistero ancora più strano è il fatto che i Marines usano lo stesso sistema Cobham OBOGS sui loro Harrier AV-8B senza avere questi problemi di ipossia.

L'ipossia è dovuta a disturbi di ossigenazione del sangue. Si manifesta con pallore (cianosi) e uno stato di confusione e spaesamento.

Mentre gli episodi di ipossia rimangono un mistero il programma F-35 va avanti lo stesso.

Gli esperti dicono che stanno lavorando a stretto contatto sia con la Marina che con l'Air Force per determinare cosa sta causando i guasti di OBOGS, ma finora nessuno è stato in grado di individuare il problema.

L'articolo di "Popular Mechanics" evidenzia come lo sviluppo dell'F-35 sia stato un disastro sotto ogni aspetto. I critici dell'F-35 hanno dichiarato che il peccato originale del jet, da cui derivano molte criticità, sta nel tentativo del Pentagono di creare un aereo da guerra di misura unica, un aereo "universale" valido per tutte le missioni.

Quando il programma è iniziato nel 1996, l'F-35 è stato concepito come un modo per sostituire F-16 Falcon, F-15E Eagle, A-10 Warthog, F/A-18 Hornet e AV-8B Harrier nei rispettivi ruoli e missioni. Il programma definito "Joint Strike Fighter" richiedeva un design comune con tre varianti per condividere l'80% delle loro parti.

All'origine l'F-35 è stato progettato per essere quattro volte più efficace dei più vecchi caccia nel combattimento aria-aria, otto volte più efficace nel combattimento aria-terra, e tre volte migliore per la ricognizione e la soppressione di difese aeree nemiche. Gli obiettivi di progettazione richiedevano che la JSF fosse l'aeromobile da attacco premier fino al 2040.

I sostenitori dell'F-35 sono rimati imperturbabili di fronte agli scettici e sono andati avanti nella convinzione che i progressi tecnologici sono in grado di consentire la realizzazione di un aereo "tutto-per-tutto", valodo sia per la difesa che per l'attacco. 

L'autore dell'articolo scrive: "CHI SI PRENDE LA COLPA DI UNA DISAVVENTURA DI 20 ANNI?"

Eric Tegler aggiunge: "Il pasticcio è diventato così grave che il segretario alla Difesa Robert Gates ha rimosso il manager del programma JSF Maj. Gen. David Heinz (USMC) nel 2010".

Queste le sue conclusioni: "L'F-35 potrebbe essere uno degli aerei da guerra più derisi e controversi, ma è qui, quasi pronto per entrare in servizio in vigore".

Al minuto 13 di questo video, un altro esperto militare mette in evidenza le pecche strutturali dell'F-35.

Ma troverete anche grandi perplessità anche in questo video strettemente militare sull'F-35.

Guardate i video e pensate a quanti soldi spenderemo con questi aerei.

Articoli correlati

  • Ilva: Conte, problema salute a Taranto non risolto interverremo più efficacemente
    Taranto Sociale
    Dichiarazione del Presidente del Consiglio a Lecce

    Ilva: Conte, problema salute a Taranto non risolto interverremo più efficacemente

    “Il problema di Taranto è serio - ha detto Conte -, ma vorrei ricordare che dall'inizio il vice presidente Di Maio, competente come ministro dello Sviluppo economico, con il mio appoggio, ha lavorato per cercare di risolvere il problema dell'Ilva".
    24 marzo 2019 - AGI
  • La forza della nonviolenza
    Ecologia
    Come i bambini hanno cambiato la lotta all'inquinamento dell'ILVA

    La forza della nonviolenza

    Si chiude una settimana che passerà nella storia delle lotte popolari nonviolente italiane. Taranto ha scritto, con i suoi bambini e con il suo dolore, una delle pagine più luminose della resistenza nonviolenta alle ingiustizie. Adesso occorre fare altri passi avanti
    9 marzo 2019 - Alessandro Marescotti
  • Ecco tutti i dati che confermano l'aumento dell'inquinamento a Taranto
    Ecologia
    Pubblichiamo l'intera serie storica da quando ArcelorMittal ha preso possesso dell'ILVA

    Ecco tutti i dati che confermano l'aumento dell'inquinamento a Taranto

    Documentazione per la conferenza stampa. Le informazioni attestano un innegabile ed evidente aumento delle emissioni e dell'inquinamento. Si può consultare tutta la documentazione che PeaceLink ha inviato ad Arpa Puglia
    6 marzo 2019 - PeaceLink
  • Nuovo strappo fra M5s e pacifisti
    Disarmo
    Convegno a Roma su "Produzioni e commercio di armamenti: le nostre responsabilità"

    Nuovo strappo fra M5s e pacifisti

    Il sottosegretario pentastellato agli esteri Manlio Di Stefano ha dichiarato che l'export di armi italiane verso l'Arabia Saudita non si può interrompere. "E' sbagliato pensare che si possa risolvere il problema con l’interruzione dell’esportazione delle armi prodotte in Italia", ha detto.
    2 marzo 2019 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)