Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Riscaldamento del clima: le attivita' umane sono piu' importanti di quella del sole

23 aprile 2003
Alessandro Gimona

In occasione dei negoziati dell' Aja su parte della stampa riappare l'ipotesi che i cambiamenti climatici siano causati dall'attivita' solare, e non da quella umana.

Per esempio il Washington Post ed il Times (di Londra) hanno pubblicato di recente articoli che si rifersicono ai risultati di due scienziati Danesi, Svensmark and Marsh , i quali sostengono questa tesi. Il loro studio, comunque, non e' ancora stato pubblicato, e dunque esaminato adeguatamente da altri scienziati.

Che fondamento ha questa tesi? Il dibattito e' aperto ma la maggior parte degli esperti dell IPCC le da poco credito. La letteratura scientifica disponibile fino a questo moomento ,da una parte conferma che un' influenza solare sul clima esista, dall'altra mette in luce che l'attivita' solare e' si uno dei fattori in gioco, ma non il principale (vedi Nesme-Ribes, 1994 e Valdes 2000).

L'attivita' della nostra stella influenza il clima terrestre sia attraverso la quantita' di energia che raggiunge il pianeta, sia per mezzo di reazioni chimiche, innescate dai raggi ultravioletti. Queste cambiano la composizione dell'atmosfera e la sua capacita' di agire da 'serra'. (vedi ad es. NAS, 1994 Haigh, 1996). Fino ad ora vi e' preponderante evidenza che, negli ultimi 30 anni, l' effetto delle attivita' umane sul riscaldamento del pianeta sia stato maggiore dell'effetto dell' attivita' solare (Beer et al., 2000). I risultati di uno studio dell'attivita' solare pubblicati nel 1997 Willson 1997) indicano che l'aumento di irradianza del sole potrebbe causare un innalzamento di temperatura di circa 0.4 gradi Celsius nei prossimi cento anni. Non sono molti, se confrontati con le stime dell' IPCC , che prevedono un innalzamento a causa di attivita' umane di almeno 1 - 3.5 gradi (inoltre , secondo indiscrezioni,le nuove stime che saranno pubblicate tra qualche mese sono state riviste verso l'alto). Per ora la maggior parte dell'evidenza disponibile supporta la tesi che le influenze umane siano preponderanti. E' prematuro dire se i risultati danesi, una volta pubblicati e accettati da una rivista internazionale, cambieranno l'opinione della comunita' scientifica.

E' dunque estremamente importante che i paesi che si incontrano all'Aja non nutrano vane speranze riguardo alla poca importanza degli effetti umani ( speranze sostenute dalle lobby industriali) ma implementino nei prossimi anni serie misure strutturali per ridurre l' emissioni di gas serra. Solo se i paesi industrializzati daranno alta priorita' al problema delle emissioni il resto del mondo sara' disposto a fare altrettanto. In caso contrario, secondo uno studio pubblicato su Nature a meta' Novembre (Cox et al., 2000) , si rischia un' accelerazione dei processi di riscaldamento a partire da circa il 2050 con un previsto innalzamento della temperatura media di circa 5.5 gradi entro questo secolo. Dal punto di vista ecologico e meteorologico cio' sarebbe estremamente serio. Se invece adeguate politiche venissero attuate, cio' permetterebbe anche di migliorare lo stato di salute dell' ozono stratosferico, ora precario, e di ridurre l'inquinamento atmosferico su scala planetaria.

Note: Bibliografia

Beer J, Mende W, and Stellmacher R (2000). The role of the sun in climate forcing, Quaternary Science Reviews, 19, 403- 415.

Cox P, Betts R A, Jones C D , Spall S A Totterdell A J (2000) Acceleration of global warming due to carbon-cycle feedbacks in a coupled climate model. Nature 408, 190 - 193.

Haigh J D (1996) The impact of solar variability on climate. Science, 272, 981-984.

IPCC (1994) Climate Change 1994: Radiative Forcing of Climate and an Evaluation of the IPCC IS92 Emissions Scenarios. Cambridge University Press.

IPCC (1955) Climate Change 1995: The Science of Climate Change. Cambridge University Press.

NAS 1994. Solar Influences on Global Climate

Nesme-Ribes E (1994) The Solar Engine and Its Influence on Terrestrial Atmosphere and Climate. Springer Verlag.

National Research Council (1994) Solar Influences on Global Change. National Academy Press.

Perry C and Hsu K (2000) Geophysical, archaeological, and historical evidence support a solar-output model for climate change. Proc. of the National Academy of Sciences, 10.1073.

Valdes P (2000) Warm climate forcing mechanisms, in Warm Climates in Earth History, Huber B, MacLeod K, and Wing S eds. Cambridge University Press.

Willson R C (1997) Total solar radiance trend during solar cycles 21 and 22. Science, 277, 1963-1965

Articoli correlati

  • Cento video sui cambiamenti climatici
    Ecodidattica
    Una bacheca digitale per condividere nella scuola la cultura del cambiamento

    Cento video sui cambiamenti climatici

    Si chiama "Climate Action" il gruppo dei docenti che sta costruendo nell'IISS Righi di Taranto una condivisione dei contenuti e delle competenze per uno sviluppo sostenibile. Il 26 settembre sarà inoltre avviato anche un corso di formazione dei docenti dal titolo "Futuro sostenibile"
    21 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Fridays for Future, mobilitiamoci per salvare il pianeta
    Ecologia
    PeaceLink aderisce a ‘Global Strike For Future‘

    Fridays for Future, mobilitiamoci per salvare il pianeta

    E' l'unica che abbiamo, la Terra è in pericolo, i mutamenti climatici stanno incrinando strutturalmente l'equilibrio ecologico. Vi sarà una manifestazione internazionale il 15 marzo. Anche in Italia sono molte le città che hanno organizzato iniziative.
    12 febbraio 2019 - Associazione PeaceLink
  • Terra: Game Over?
    Ecologia
    Siamo nel bel mezzo della sesta estinzione di massa, la prima – e forse l'ultima – a cui assisteremo come esseri umani

    Terra: Game Over?

    Nei videogiochi di solito abbiamo più vite a disposizione. Se mettete un piede su una mina o siete colpiti da un cecchino, avremo un'altra possibilità, e se tale reincarnazione virtuale non fosse prevista nelle regole del gioco, possiamo sempre riavviarlo e ricominciare da capo
    29 aprile 2014 - John Feffer
  • Alluvione in Abruzzo: documento di analisi e proposta delle associazioni ambientaliste e dei movimenti
    PeaceLink Abruzzo
    L'acqua è fonte di vita, la malapolitica la trasforma in causa di devastazione

    Alluvione in Abruzzo: documento di analisi e proposta delle associazioni ambientaliste e dei movimenti

    Basta cemento e nuove infrastrutture in aree a rischio, il futuro è nella corretta gestione del territorio e nell'educazione dei cittadini. Urgente tenere conto dei cambiamenti climatici. Appello ai parlamentari: usare i fondi oggi assegnati a cannoniere, cacciabombardieri F35 e mega-opere.
    6 dicembre 2013
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.31 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)