Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Bioaccumulo anomalo in alcuni alimenti della Basilicata e criticità nel lago Pertusillo
    In allegato la lettera

    Bioaccumulo anomalo in alcuni alimenti della Basilicata e criticità nel lago Pertusillo

    PeaceLink e Cova Contro mandano a Bruxelles i dati attualmente disponibili. Sono tratti da tre relazioni non ancora pubblicate, alle quali abbiamo però avuto accesso in modo ufficioso.
    10 maggio 2016 - Antonia Battaglia e Giorgio Santoriello
  • Stop Tempa Rossa
    Taranto deve allearsi con gli attivisti della Basilicata per vincere

    Stop Tempa Rossa

    PeaceLink aderisce al movimento che si è creato per scongiurare ulteriori rischi di inquinamento dovuto all'estrazione degli idrocarburi e al trasporto tramite petroliere. A rischio non c'è solo il mare ma anche l'acqua che beviamo
    29 giugno 2014 - Alessandro Marescotti
  • Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto
    Gli idrocarburi nel lago Pertusillo

    Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto

    La difesa del radicale lucano Maurizio Bolognetti spiega perché i singoli cittadini hanno il diritto - dovere di tutelare l'ambiente
    17 maggio 2014 - Lidia Giannotti
  • "BBGames": i giochi urbani per sostenere Matera Capitale europea della cultura 2019
    I giochi urbani di dimensioni epiche sono a Matera per una settimana

    "BBGames": i giochi urbani per sostenere Matera Capitale europea della cultura 2019

    L’idea dei BBGames è semplice in sé, quasi elementare: far arrivare ragazzi da tutta Italia e da tutta Europa in una città della Basilicata per una settimana, dividerli in squadre, dar loro ogni giorno delle “missioni” da svolgere con l’ausilio delle persone del luogo, e poi vedere cosa succede.
    20 settembre 2013 - Teresa Manuzzi
Marcia sud per un'altra agricoltura e la sovranità alimentare

CULTURA DELLO SVILUPPO PER UN’AGRICOLTURA ED UNA QUALITA’ DELLA VITA MIGLIORE!

31 maggio 2005 - noscorie trisaia (map nst)

Noscorie Trisaia saluta la marcia sud per un’altra agricoltura nella piazza antistante il centro nucleare della Trisaia, dedicato da noi alla memoria del giovane antinuclearista francese “Sebastien Briat”, morto per difendere il suo prossimo dai rischi e dai pericoli del nucleare civile e militare.
Nel nostro sud, dove la terra è stata sempre fonte di sostentamento e ricchezza, dove le lotte sociali per la terra hanno segnato i percorsi di libertà della società civile, lo sviluppo del meridione e dei popoli del mediterraneo è e resta legato all’agricoltura!
Riteniamo, pertanto, di fondamentale importanza:
• la tutela della piccola proprietà contadina - messa subito in ginocchio dalle calamità natu-rali – auspicando che anche per lei sia attivata, così come nell’industria, una forma di cas-sa integrazione speciale che salvaguardi non la proprietà ma il reddito minimo di sosten-tamento dell’individuo e della sua famiglia;
• il controllo del mercato e dei prezzi: vanno eliminate le piattaforme fittizie che fanno lievi-tare i prezzi, le inefficienze ed i commerci paralleli. Promuoviamo, a tal fine, dei centri di-retti di consumo nelle nostre città, pochi passaggi ed intermediari tra agricoltore e centro di consumo;
• controllo dei prezzi e della qualità delle attrezzature, dei fitofarmaci, dei concimi ed altri mezzi tecnici che la grande industria fornisce per la produzione agricola. Il contadino non deve lavorare per le multinazionali del petrolio e della chimica!
• Formazione continua in agricoltura per la produzione di prodotti sani e a buon mercato per i consumatori.

A tal fine chiediamo alle organizzazioni degli agricoltori di fare propria la nostra proposta di trasformare il centro nucleare della Trisaia in facoltà universitaria, con corsi anche in agricoltura!
Promuoviamo una cultura dello sviluppo e non di distruzione dell’ambiente e delle sue risorse; già rischiamo di pagare pesantemente per la presenza del centro nu-cleare della Trisaia, sia solo in termini di immagine dei nostri prodotti agricoli e tu-ristico-ambientali.
La facoltà formerà i tecnici che potranno sviluppare nelle aziende agricole nuove tecniche di produzione e vendita in quella che è stata la California del sud ed il cuore dell’economia agricola meridionale.
La nuova facoltà sarebbe al servizio dell’intero arco jonico, un bacino d’utenti sti-mato in circa 600.000 abitanti.
Le facoltà in Trisaia, per una questione di “costi dello studio” molto economici e competitivi con altre sedi, potrebbe favorire la frequenza del nostro ateneo a molti giovani italiani, tunisini, algerini, greci, turchi, egiziani, ecc.
Le nuove facoltà della Trisaia potrebbero avere un bacino d’utenti mediterranei ed internazionali.

Una cultura dello sviluppo dell’agricoltura sostenibile diventa una cultura di pace e di cooperazione tra i popoli!
In questo modo non potrebbe mai esistere neanche l’ipotesi di un sospetto che in Trisaia di Rotondella si possano formare ricercatori e tecnici capaci di sviluppare tecnologie pericolosissime per l’umanità ed idonee allo sfruttamento strategico-militare.
Non generiamo guerre inutili e non lasciamo che il nostro sud diventi terra di basi e di militari, sviluppiamo la cultura e la cooperazione affinché per milioni d’esseri umani sia soddisfatto il diritto all’alimentazione ed al sostentamento.

Movimento Antinucleare Pacifista
NOSCORIE TRISAIA
E.mail: nonucleare@email.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)