Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
I problemi ecologici dell'Iraq sono fra i peggiori al mondo

Iraq, dove i veleni abbondano

21 giugno 2005 - Karima Isd
Fonte: www.ilmanifesto.it
17.05.06

Iraq Nell'Iraq centrale e meridionale la temperatura ha raggiunto e superato i 50 gradi; secchi a Baghdad, umidi a Basra. In simili condizioni la mancanza d'acqua per molte ore al giorno e i prolungati blackout elettrici infliggono inimmaginabili disagi alla vita, già appesa a un filo, delle categorie sociali meno abbienti, che non sono in grado di procurarsi generatori di corrente - almeno per far funzionare un ventilatore - né di avere pozzi autonomi - almeno per assicurarsi qualche decina di litri di acqua al giorno. Quando l'acqua arriva, berla aggiunge un rischio ai tanti corsi ogni ora perché la potabilizzazione è insufficiente. Occorre farla bollire, ma le bombole del gas a disposizione non sono tante e per ottenerle, mettersi in coda sotto il sole è la norma. E poi, nessuna bollitura può sconfiggere l'inquinamento chimico, in una situazione in cui la depurazione da parte degli acquedotti è pregiudicata dalla penuria di materiali e pezzi di ricambio. Presi dall'emergenza idrica, elettrica e climatica, dalla penuria alimentare (le razioni governative sono quasi scomparse, come ha testimoniato nel corso della sua visita in Italia Maha Abdul Latif Al Hadethi, docente universitaria che la sera prepara le lezioni a lume di candela), dal pensiero delle autobombe come delle raffiche «accidentali» ai posti di blocco, gli iracheni non si stanno certo a preoccupare dei veleni nucleari e chimici che potrebbero pregiudicare il loro futuro dopo aver già provocato negli anni di embargo un altrimenti inspiegabile aumento dei casi di cancro, tumori, malformazioni infantili, leucemie.

Ha modo di inquietarsi, invece, il Programma ambientale delle Nazioni unite (Unep) per il quale i problemi ecologici dell'Iraq sono fra i peggiori al mondo. Pekka Haavisto, ex ministro dell'ambiente finlandese e ora presidente della task force Unep che si occupa del paese, ha dichiarato di recente alla Reuters che «un intervento per risanare è praticamente impossibile in queste condizioni di sicurezza; le sostanze chimiche percolano nelle falde acquifere, i pericoli per la salute aumentano ma non si possono fare confronti con altre situazioni post-guerra: dopo la guerra del Kosovo si poté intervenire con opere di protezione soprattutto del fiume Danubio, ma non è possibile in Iraq».
Le due guerre precedenti e dodici anni di dure sanzioni avevano già reso il paese incapace di mantenere benché minimi standard ambientali, anche per la mancanza degli equipaggiamenti necessari. La situazione peggiorò dopo l'invasione del 2003, quando per la seconda volta gli Stati uniti utilizzarono contro il paese proiettili a uranio impoverito (nel 1991 furono 300 tonnellate in totale; nel 2003 nessuno lo sa) e nell'immediato dopoguerra i saccheggi e gli incendi ai danni di diverse infrastrutture provocarono enormi sversamenti e fumi tossici. Haavisto ha sottolineato il pericolo rappresentato dalla raffineria di Dora, a ridosso di Baghdad, dove secondo una ricerca dell'Onu furono bruciati 5.000 barili di sostanze chimiche, fra cui il piombo tetraetile. E a sud di Baghdad, dall'enorme (22 chilometri quadrati) complesso di Tuwaitha sparirono migliaia di barili di materiale nucleare stoccato. I siti contaminati comprendono anche un'area militare di 77 chilometri quadrati, e per i saccheggi delle fabbriche di cemento e di fertilizzanti e pesticidi di cui l'Iraq era un grande produttore. A ciò si aggiungono le numerose perdite di petrolio dagli oleodotti. Per Haavisto, «tutte queste sostanze sono un grande rischio per il futuro del paese, e più passa il tempo più si fanno temibili le conseguenze sanitarie». Non c'è stata finora alcuna bonifica e anche le valutazioni hanno riguardato solo alcuni siti. Già diversi mesi fa - ne avevamo riferito su terra terra - erano state annunciate missioni di verifica sul campo, coordinate dall'Onu insieme al ministro dell'ambiente iracheno. Queste sono finalmente partite e vanno avanti con il lavoro di centinaia di tecnici iracheni; malgrado le difficoltà e le minacce.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)