Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Ecomafia

Traffico illegale di rifiuti, 97 indagati

Un milione di tonnellate di rifiuti tossici e cancerogeni prodotti nelle industrie pesanti del nord Italia sono stati smaltiti per anni in impianti del Sud. Sgominata la banda che gestiva il traffico
6 novembre 2003
Il Nuovo
Fonte: http://www.ilnuovo.it/nuovo/foglia/0,1007,191602,00.html

ROMA – Un milione di tonnellate di rifiuti tossici prodotti dai poli industriali del nord Italia erano smaltiti illegalmente nella provincia di Caserta e altri impianti del Centro-sud. Un’operazione della Procura di Santa Maria Capua Vetere condotta dal comando dei carabinieri per la tutela dell' ambiente ha sgominato l’organizzazione criminale che per anni aveva gestito il traffico. Sono stati emessi 98 rinvii a giudizio con le accuse di associazione per delinquere, disastro ambientale, avvelenamento di acque, realizzazione e gestione di discariche abusive, getto pericoloso di cose, truffa ed abuso di ufficio i reati contestati. Il gip Silvio Guarriello ha fissato al 3 dicembre prossimo la data dell’udienza preliminare.

Le indagini sono partite nel 1999 da un sequestro avvenuto in un impianto di conglomerati bituminosi nel Napoletano. L’inchiesta si è poi estesa in tutta Italia: gli investigatori hanno scoperto un traffico illecito di rifiuti tossici con rischi cancerogeni come polveri da abbattimento, fumi delle industrie siderurgiche e metallurgiche, ceneri da combustione, olio minerale, morchie oleose e di verniciatura, pitture e vernici di scarto contenenti solventi organici non alogenati, fanghi da trattamento acque di processo di depurazione di industrie chimiche ed acque reflue industriali, inchiostro di scarto, melme acide, fanghi di potabilizzazione e chiarificazione delle acque.

Gli investigatori hanno così fatto luce sulle attività di un’organizzazione criminale che si reggeva sulla connivenza tra ditte di trasporto dei rifiuti, agenzie di intermediazioni, ditte di stoccaggio e impianti di smaltimento. Documenti falsi hanno certificato per anni lo smaltimento di rifiuti speciali in impianti di recupero inesistenti. I medesimi certificati hanno permesso che fossero immessi sul mercato prodotti realizzati con sostanze tossiche.

I rifiuti provenivano dalle industrie pesanti di Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto e Toscana e arrivavano in discariche abusive localizzate in provincia di Caserta e in altre località di Umbria, Lazio, Calabria, Puglia e Sardegna. Diciotto aree sono state sequestrate insieme a 25 Tir adibiti al trasporto. Antonio Menga, comandante del reparto operativo dei carabinieri per la tutela dell’ambiente dice: “Nei confronti degli imputati, il gip del tribunale, Silvio Guarriello, ha fissato al prossimo 3 dicembre la data dell' udienza preliminare. "E’ la più grossa inchiesta mai fatta in Italia nel campo della gestione illecita dei rifiuti".

(6 NOVEMBRE 2003, ORE 9:20)

Articoli correlati

  • Ecoreati: non fermate i processi!
    Ecologia
    Firma la petizione al Governo e al Parlamento

    Ecoreati: non fermate i processi!

    Vogliamo raccogliere le voci di cittadini e associazioni per chiedere una modifica della legge che salvi i grandi processi per disastro ambientale e per altri gravi ecoreati. Il rischio della riforma Cartabia è quello di vanificare l'impegno dei magistrati nella lotta agli ecoreati.
    30 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Questa riforma va in senso esattamente contrario al sogno di giustizia di Paolo Borsellino
    Sociale
    Riforma della giustizia

    Questa riforma va in senso esattamente contrario al sogno di giustizia di Paolo Borsellino

    Siamo purtroppo alle Termopili, è una battaglia disperata ma le battaglie, se giuste, se sacrosante, vanno in ogni caso combattute ed è quello che faremo, chiamando a raccolta la Società Civile, fino alla fine.
    30 luglio 2021 - Salvatore Borsellino
  • Una riforma che favorirà l'impunità a molti inquinatori, alle cosche mafiose e alla malapolitica
    Editoriale
    Appello alla società civile

    Una riforma che favorirà l'impunità a molti inquinatori, alle cosche mafiose e alla malapolitica

    PeaceLink si associa al grido di allarme che proviene dal mondo della magistratura ed esprime forti timori rispetto alla riforma della giustizia. Se non siete d'accordo sulla riforma della giustizia condividete questo testo
    23 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)