Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Il Comitato pro ambiente di Modugno scrive ai Parroci della città.

Il vergognoso silenzio che avvolge la centrale di Modugno

Nel corso di tutte le manifestazioni pacifiche attuate dalla popolazione modugnese, non è mai intervenuta una rappresentanza delle Parrocchie, mai una identità, mai uno striscione, mai un distintivo di appartenenza mai un parroco, mai un suo rappresentante. Più volte le mamme e gli anziani accorsi numerosi alle manifestazioni di protesta hanno detto: “e le parrocchie dove sono?”
4 novembre 2007

Illustrissimi Parroci,

No alle Centrali a TurboGas Come ben sapete e come riportato più volte in questi mesi dai mass media, il territorio del Comune di Modugno è interessato dalla realizzazione di una centrale elettrica a turbogas di rilevanti dimensioni e di notevole impatto sulla salute, sull’ambiente e sulla vocazione del territorio.

Come ben sapete il comprensorio modugnese è già altamente inquinato per via della sua vicinanza ad una delle Zone Industriali più estese del Sud Italia; inoltre, è crocevia di strade ad alto scorrimento quali: l’autostrada A 14, la tangenziale 16 Bis, le Statali 98 e 96 ed una fitta rete di comunicazione con i paesi limitrofi; senza contare la presenza del sito industriale Tersan Puglia e dell’Olearia Pugliese che quotidianamente emettono sostanze nocive alla salute dei cittadini che emanano “odori” nauseabondi. Vi è poi la presenza di una cementeria dimessa, ubicata a poche centinaia di metri dalla scuola elementare “Vito Faenza” in Via Bologna, all’interno della quale è già stata accertata dall’ARPA la presenza di amianto e per la qual ragione è stata disposta, dall’Amministrazione Comunale, attraverso una ordinanza sindacale, l’immediata bonifica.

L'Assessore Losappio: `Il Consiglio discuta sulle Centrali fatte dal centrodestra`
“Gli Assessori Losappio e Frisullo hanno chiesto al Presidente del consiglio prof. Pepe, da una settimana, di discutere le questioni energetiche e il Pear nel consiglio, così come è avvenuto in questi 18 mesi in tutto il territorio regionale. Il presidente Palese non ha quindi da sollecitare nulla. Quanto alle presunte dichiarazioni della sottosegretaria Marchetti, la stessa mi ha chiarito di non aver mai pronunciato le frasi virgolettate.

E’ vero invece che centri economici nazionali ed internazionali hanno trovato ampia disponibilità per le loro iniziative in campo energetico nella istituzione regionale, ma questo (dal rigassificatore di Brindisi alla centrale di San Severo, passando per quella di Modugno), è avvenuto nella passata legislatura ed ha coinvolto non i funzionari ma gli esponenti politici di centro destra che allora governavano. Naturalmente in totale buonafede”.
Come ben sapete un Comitato Cittadino “Pro Ambiente” aiutato da tutte quelle persone di BUONA VOLONTA’, ha già raccolto, attraverso una petizione popolare, oltre 15.000 firme di cittadini, tutti contrari all’insediamento di questa ulteriore fonte di inquinamento. Come non sapete, da uno studio scientifico di Armaroli e Dr. C. Po – traspare che le nuove centrali “turbogas” per la produzione di energia possono essere altamente inquinanti e pericolose per la salute pubblica in considerazione delle emissioni di polveri sottili (nanopolveri), non contemplate nelle caratteristiche tecniche dell’impianto dichiarate dalla ditta proponente (gia Energia S.p.A.) e riportate sinteticamente a pag. 2 e 3 della V.I.A. del 6.04.2004; inoltre le indagini scientifiche effettuate dalla Dr.ssa A. Gatti – ricercatrice del Laboratorio di Biomateriali dell’Università di Modena e di reggio Emilia - e dal Dr. S. Montanari - Direttore Scientifico del Laboratorio Nanodiagnostics di Modena – secondo cui vi è una chiara correlazione tra malattie cardiovascolari e respiratorie e quantità e concentrazione di particelle (particulate matter, PM) di diametro aerodinamico medio inferiore a 10 micron (PM10) o a 2,5 micron (PM2,5) e poiché al diminuire delle dimensioni delle particelle, maggiore è la loro capacità di penetrare nei tessuti (si va dalle particelle inalabili, a quelle respirabili fino alle nanopolveri), le indagini ritengono, quindi, che sia più alta la possibilità che interagiscano pericolosamente con l'organismo.

Nel corso delle molteplici manifestazioni veniva richiesto ai parroci di Modugno un intervento diretto ed incisivo della comunità cattolica che doveva essere il motore propulsore in tema ambientale: veniva risposto che da parte loro doveva essere curato LO SPIRITO e non altro. Ma è ciò che pensa anche Benedetto XVI?

A quanto leggo in un articolo di “SETTINANA” n.10 dell’11 marzo 2007 che allego, il nostro amatissimo Papa Benedetto XVI, ha rivolto alle comunità cristiane “un forte invito alle responsabilità ambientali”. Anche Giovanni Paolo II ha espresso “non è in gioco solo un’ecologia fisica, attenta a tutelare l’habitat dei vari esseri viventi ma anche un’ecologia umana che renda più dignitosa l’esistenza delle creature”.

Al contrario, nel corso di tutte le manifestazioni pacifiche attuate dalla popolazione modugnese, non è mai intervenuta una rappresentanza delle Parrocchie, mai una identità, mai uno striscione, mai un distintivo di appartenenza mai un parroco, mai un suo rappresentante. Più volte le mamme e gli anziani accorsi numerosi alle manifestazioni di protesta hanno detto: “E LE PARROCCHIE DOVE SONO?”

Esortandovi ad un intervento coraggioso, personale, forte, incisivo, trasportatore e sopratutto cristiano, vi allego l’esposto presentato alle autorità nazionali corroborato dalle 15.000 firme raccolte nonché l’articolo in cui viene fatta pressante la richiesta di un intervento diretto di VOI PARROCI in tema ambientale dalle autorità ecclesiastiche.

Un parrocchiano nonché membro del comitato pro ambiente
Giuseppe Potito

Note: Il video della vergogna:
http://www.modugno.it/archivio/2007/11/modugno_il_tras_1.php
http://www.proambientemodugno.it/public/Cittadini/Striscia/striscia%20modugno.wmv

Firma la petizione on line:
http://www.petitiononline.com/ac345t90/petition.html

Articoli correlati

  • Via libera ai rifiuti speciali. I comuni: «abbiamo paura»
    Taranto Sociale

    Via libera ai rifiuti speciali. I comuni: «abbiamo paura»

    Dopo la decisione della Consulta di bocciare la legge. Le associazioni ambientaliste non hanno intenzione di arrendersi alla decisione della Consulta e stanno studiando un documento di protesta da inviare al ministro dell´Ambiente Stefania Prestigiacomo.
    25 gennaio 2009 - Paolo Russo
  • Rifiuti da altre regioni, illegittimo il no
    Taranto Sociale

    Rifiuti da altre regioni, illegittimo il no

    La consulta boccia la legge pugliese e il governo proroga i poteri commissariali del governatore. Losappio «ci resta però l´amara considerazione che, ancora una volta, il rispetto delle norme non implica il rispetto della salute e del territorio»
    24 gennaio 2009 - Paolo Russo
  • E' l'Ilva di Taranto l'azienda più nociva
    Taranto Sociale

    E' l'Ilva di Taranto l'azienda più nociva

    E' l'acciaieria Ilva di Taranto, ad aggiudicarsi la maglia nera del complesso industriale più inquinante d’Italia. Si piazza infatti al primo posto in ben 10 delle 14 classifiche stilate da Legambiente nel dossier «Mal'aria industriale». Vendola: «Taranto è l'emblema della sofferenza del Sud, di una storia anche di violazione del diritto alla vita»
    17 gennaio 2009
  • Ilva, ora il ministero ordina nuove misure di sicurezza
    Taranto Sociale

    Ilva, ora il ministero ordina nuove misure di sicurezza

    L´Ilva intervenga per limitare i danni ambientali a Taranto: il diktat questa volta non arriva dalla Regione ma dal ministero dell´Ambiente che, per la prima volta in questa legislatura, alza la voce contro il gruppo Riva.
    13 gennaio 2009 - Paolo Russo

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)