Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Rigassificatore, la Brindisi LNG impugna il Pear al Tar. Perché Losappio non fa le stesse dichiarazioni per il Rigassificatore di Taranto?

"Nel secolo scorso Cristo si fermò a Eboli, in questo secolo Losappio si è fermato a Brindisi"

La Brindisi LNG ha presentato ricorso al TAR di Lecce per l'annullamento del Piano Energetico Ambientale Regionale. Il motivo del ricorso sta nel fatto che la Regione ha previsto nel PEAR un rigassificatore, ma ha contemporaneamente ribadito l'intenzione di rispettare la volontà del suo Consiglio.
5 novembre 2007

NO al Rigassificatore ne a Brindisi ne a Taranto Infatti nel PEAR è indicato come “doveroso citare la mozione approvata all’unanimità nel Consiglio Regionale del 4/8/2005 secondo la quale non risulta praticabile la proposta del sito brindisino di Capobianco”. La Brindisi LNG imputa al Governo Regionale il rispetto della volontà del Consiglio che forse vorrebbe fosse sostituita da sudditanza verso il mondo imprenditoriale e verso la stessa società privata inglese come potrebbe essere accaduto in un recente passato.

La tesi che il Governo debba ritenersi svincolato dalle decisioni assunte dalla sua Assemblea Consiliare è di per se talmente improvvida da risparmiarci altri commenti. Dimostra, comunque, quale concezione della democrazia e del rapporto istituzionale intenda la società inglese che svilisce il ruolo del Consiglio a “mera mozione” che “il PEAR recepisce acriticamente”.

Nello stesso ricorso la Brindisi LNG, in merito all’iter di revisione della autorizzazione concessa dal Ministero dello Sviluppo Economico, ne ribadisce la contrarietà definendolo come un procedimento “cui comunque la Brindisi LNG non ha prestato acquiescenza e che, anzi, ha impugnato dinanzi al TAR ed i cui esiti pure si riserva di censurare”.

Come è noto questo procedimento si è concluso nello scorso mese di settembre con un decreto di sospensione della autorizzazione e il 29 ottobre la Brindisi LNG, contraddicendo la sua impostazione esplicitata anche in questo ricorso, ha comunicato in una conferenza stampa la propria disponibilità alla VIA postuma come appunto prevede ed impone il nuovo decreto.

C’è da augurarsi che questo non resti il suo unico ripensamento e che sia seguito dal ritiro del ricorso sul PEAR. E’ auspicabile infine che l’intero Consiglio reagisca a un atto che ne vuole svilire la sovranità e si esprima a difesa delle proprie prerogative costituzionali”.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)