Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Sotto la Hidrochemical la falda è avvelenata. Arsenico più di 40 volte oltre i limiti

    Sotto la Hidrochemical la falda è avvelenata. Arsenico più di 40 volte oltre i limiti

    I dati preoccupanti dopo la caratterizzazione del sito
    3 gennaio 2018 - Luciano Manna
  • Presa Diretta sul PCB a Brescia
    Riccardo Iacona ha puntato le telecamere di Raitre su un cancerogeno di nome PCB

    Presa Diretta sul PCB a Brescia

    E' andato in onda un servizio impressionante su Raitre. Il PCB è un distruttore del sistema endocrino ed è correlabile al diabete e ai tumori al fegato, alla mammella, alla tiroide. Quello che i telespettatori devono sapere è che il PCB che ha contaminato Brescia ha contaminato anche Taranto. A Brescia si fabbricava il PCB. A Taranto lo si usava. Il 90% del PCB fabbricato a Brescia finiva a Taranto in un fluido noto come "apirolio" e gli operai dell'acciaieria locale si lavavano le mani con quel liquido prima di mangiarsi il panino.
    31 marzo 2013 - Alessandro Marescotti
  • Brescia e Taranto, storie parallele, stessi veleni
    L'apirolio è il fluido con i micidiali policlorobifenili (PCB)

    Brescia e Taranto, storie parallele, stessi veleni

    Brescia fabbricava l'apirolio per Taranto. Una città produceva il veleno che uccideva l'altra, e nel fabbricarlo si contaminava ancor di più.
    21 ottobre 2012 - Alessandro Marescotti
  • L’esercito spara su una manifestazione di indigeni maya

    Guatemala: verità e giustizia per Totonicapán

    Il paese è governato da un’oligarchia elitaria e razzista
    13 ottobre 2012 - David Lifodi

Inquinamento Enel in mare da PCB ad Ischia

Chiesto l'intervento europeo dopo le rilevazioni dell'Arpac che confermano un inquinamento 186 volte superiore alla norma
14 dicembre 2007 - Andrea D'Ambra (presidente dell'associazione in difesa dei consumatori "Generazione Attiva")

Alcune immagini recenti
La nave "Giulio Verne" al largo di Ischia

Fusti a bordo dell'Alfa Napoli

Uscita fusti
Ischia (NA) L'Associazione Nazionale Indipendente in difesa dei Cittadini e Consumatori Generazione Attiva ha inviato due qiorni fa un'interrogazione alla Commissione Europea nella quale si espongono tutti i fatti accaduti con relazione all'inquinamento da policlorobifenili (PCB) in seguito alla rottura di cavi Enel a Lacco Ameno (NA) nel mare antistante le coste dell'Isola d'Ischia, e con la quale ha richiesto l'intervento di Bruxelles per porre fine al rischio ambientale tuttora esistente.

L'azione mutagena e cancerogena del policlorobifenile è fin troppo nota. I PCB sono tossici per il pesce e per la fauna acquatica in generale, persistono a lungo nell'ambiente e si accumulano nella catena dell'alimentazione (bio-accumulo). Hanno effetti tossici sull'uomo e su tutti gli esseri viventi.

Il silenzio delle Autorità preposte al controllo e alla tutela del nostro territorio è assordante. Le rilevazioni dell'Agenzia Regionale Protezione Ambientale Campania (ARPAC) che confermano un inquinamento da Policlorobifenile 186 volte superiore alla norma avrebbero dovuto far scattare immediatamente l'intervento delle suddette autorità che invece latitano! Tutto a danno della salute dell'ecosistema e della popolazione in quella che dovrebbe essere l'Area Marina Protetta "Regno di Nettuno"

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)