Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Il comunicato di PeaceLink sul latte vaccino contaminato
    Diossina nei bovini a Massafra, in provincia di Taranto

    Il comunicato di PeaceLink sul latte vaccino contaminato

    Fino a ora la diossina era stata considerata solo un problema delle pecore e delle capre che avevano pascolato attorno all'ILVA: Adesso si scopre che la contaminazione è arrivata a oltre dieci chilometri, nelle campagne di Massafra. Ma come è arrivata lì la diossina?
    27 gennaio 2015 - Alessandro Marescotti
  • L'Isde ancora sul progetto Moniter
    Precauzione prima dei nuovi impianti

    L'Isde ancora sul progetto Moniter

    Una comunicazione più dettagliata della società italiana di medici per l'ambiente a proposito del progetto Moniter per il controllo delle emissioni degli inceneritori dell'Emilia Romagna
    30 gennaio 2012 - Andrea Aufieri
  • Vivere all'ombra degli inceneritori
    L'Isde commenta i dati del Moniter

    Vivere all'ombra degli inceneritori

    Aumento di tumori nella popolazione adulta, rischio di nascite premature e aborti spontanei: l'Emila Romagna è l'isola felice che Regione e Arpa raccontano?
    22 gennaio 2012 - Andrea Aufieri
  • Sono disposto ad affrontare Vendola e la Marcegaglia in un contradittorio pubblico
    Inceneritore

    Sono disposto ad affrontare Vendola e la Marcegaglia in un contradittorio pubblico

    Non è stata consultata la popolazione residente in violazione della Convenzione di Aarhus, ratificata dallo Stato italiano con legge 108/2001
    20 maggio 2010 - Gianni Lannes
Questione Inceneritori

Inceneritori: lettera aperta dei Medici per l’ambiente a Tomat

"Accetti l’impegno ad un confronto «lontano da logiche meramente corporative; lasci per un momento da parte «le autorevoli ed esaustive informazioni tecniche riguardanti i termovalorizzatori (inceneritori) che sono nella disponibilità di Unindustria e declini l’impegno morale sul piano etico e di responsabilità nei confronti dell’Ambiente e della Salute"
4 gennaio 2008 - Francesco Cavasin
Fonte: La Tribuna di Treviso

- Gentile ex presidente Andrea Tomat, quale rappresentante di Unindustria, se le sta a cuore come scrive «la convivenza civile, la vita democratica e, non certo da ultimo, la capacità di riconoscere il valore dell’interesse generale, senza perdersi tra i tanti e legittimi interessi particolari e senza accettare alcuna mediazione sui beni inalienabili come la salute di ogni cittadino e la tutela dell’ambiente», riveda il progetto sui «termovalorizzatori» (inceneritori) da lei stesso ritenuti «impianti indispensabili per garantire alla comunità trevigiana il più elevato equilibrio tra sviluppo produttivo, benessere e maggiore qualità della vita» (ne è veramente certo?).

Accetti l’impegno ad un confronto «lontano da logiche meramente corporative”; lasci per un momento da parte «le autorevoli ed esaustive informazioni tecniche riguardanti i termovalorizzatori (inceneritori) che sono nella disponibilità di Unindustria e declini l’impegno morale (di cui parla nell’incipit del suo intervento) sul piano etico e di responsabilità nei confronti dell’Ambiente e della Salute. A questo livello la ricerca scientifica insieme all’onestà intellettuale ci sono di aiuto e ci consentono di distinguere il certo dall’opinabile così come individuare la disinformazione dall’informazione. Alcuni esempi: non è forse una disinformazione strumentale o di comodo affermare che i rifiuti sono fonti rinnovabili a basso impianto ambientale da cui ricavare energia elettrica?

il «rischio percepito» dai cittadini nei confronti dei «termovalorizzatori» (inceneritori) non nasce dall’ignoranza o da «pregiudiziali emotive» (come da Lei scritto) ma da fonti scientifiche che hanno studiato e continuano a monitorare tali impianti perché non sono ad «impatto ambientale zero», e non rappresentano «una soluzione pulita» perché anch’essi generano rifiuti marcatamente più tossici di quelli che sono stati introdotti. La scelta dell’incenerimento dei rifiuti rappresenta una facile scappatoia dalle responsabilità individuali e collettive nei confronti di un impegno per una cultura più attenta al riuso e al riciclo che è l’unica a garantire l’ecosistema anche per chi verrà dopo di noi. Signor presidente, tutti siamo chiamati ad agire (che è diverso dal fare). Lei è un uomo d’azione. Tutti però dovremo agire secondo l’etica della responsabilità secondo la quale «le conseguenze di questa o quella decisione devono essere imputate all’operato di chi le compie» e non scaricate sulle spalle degli altri.

Con l’etica di responsabilità ci si mette in discussione giorno dopo giorno, non solo ma si mette in discussione anche il mezzo che si è preventivamente scelto per raggiungere quel fine perché non esiste alcuna certezza tra la congruità dei mezzi e i fini. Non esistono Inceneritori innocui! «Mettersi al servizio degli altri, preoccupandosi di far maturare nella popolazione la consapevolezza che,per quanto riguarda i rifiuti, ci sono altre vie possibili - e praticabili - da percorrere per uno sviluppo sostenibile, nel rispetto dell’ambiente e della salute «(come scritto da Don Mario Marostica) è rendersi «disponibili, concretamente e fattivamente, al dialogo e al confronto come da Lei auspicato.

Il confronto è possibile; è sempre possibile perché,in democrazia, la decisione sul fare o non fare opere di interesse comune, richiede un’assunzione di responsabilità da parte di tutti. Oggi «nell’Italia dell’antipolitica, della crisi di credibilità delle Istituzioni e della disgregazione di valori sui quali si fonda la coesione sociale», come da Lei ricordato, abdicare al dialogo e al confronto può essere estremamente pericoloso. Bisogna avere il coraggio di crederci, per il bene, ripeto, di tutti.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)