Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

L'Isde commenta i dati del Moniter

Vivere all'ombra degli inceneritori

Aumento di tumori nella popolazione adulta, rischio di nascite premature e aborti spontanei: l'Emila Romagna è l'isola felice che Regione e Arpa raccontano?
22 gennaio 2012 - Andrea Aufieri
Fonte: Comunicato stampa Isde Italia - 03 dicembre 2011

un inceneritore

La sezione italiana dell'International society of doctors for environment (Isde) ci invia un comunicato stampa, che alleghiamo, nel quale si riflette rilevazioni del progetto Moniter, i cui risultati sono stati presentati a Bologna nel mese di dicembre.

Il Moniter è uno studio avviato dalla Regione Emilia Romagna con l'Arpa nel 2007 e costato 3 milioni e 400 mila euro, il cui obiettivo era il rilevamento di tutti i dati sensibili riguardanti ambiente e popolazione intorno agli otto inceneritori presenti in regione.

L'Isde contesta l'operazione su due fronti: i toni calmieranti impiegati dai rappresentanti istituzionali riguardo ai dati sensibili pubblicati, e i metodi impiegati dal Moniter che contrastano in alcuni casi con i protocolli e i metodi internazionali, motivi che fanno pensare a una costosa occasione sprecata.

Le riflessioni sul primo fronte fanno preoccupare per un sensibile aumento, nella popolazione adulta, di linfomi non Hodgkin, tumori al pancreas, al colon e ai polmoni. Ancora più preoccupanti i dati dell'esposizione delle gestanti, che riportano un incremento di nascite pretermine, aborti spontanei e altri tipi di malformazioni negli infanti.

Se quanto rilevato è in linea con la letteratura, ma viene sminuito dai referenti politici, altrettanto non può dirsi, secondo l'Isde, per i metodi di rilevamento: a differenza di uno studio che fa giurisprudenza a Seoul, per esempio, si sono valutate le aree nel raggio di quattro chilometri, e non dieci, e, soprattutto, nel trattare di diossina, è stato rilevato solo il particolato aereo e non il bioaccumulo negli animali di allevamento e in altre matrici viventi nelle zone limitrofe, come è stato invece fatto sempre dall'Isde a Forlì.

 

L'impressione dell'Isde è che troppe domande restino sminuite, sospese o evase e che la vita all'ombra degli inceneritori, nella zona della Pianura padana (tra le aree più inquinate d'Europa) non sia così rosea come la si vuole descrivere.

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)