Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Rifiuti zero promuove azioni collettive sulla bolletta

«L’Enel ci restituisca i soldi»

C’è una voce della bolletta Enel con la quale lo Stato finanzia le cosidette energie alternative. Non si tratta però solo di eolico o fotovoltaico ma, grazie al certificati verdi, anche di energia proveniente dall’incenerimento dei rifiuti.
21 gennaio 2008
Fonte: La Nuova Ferrara

- C’è un intero fronte ambientalista che ormai contesta apertamente questi incentivi e ieri è nata l’associazione che cercherà di non pagarli seguendo la via giudiziaria. L’azione di boicottaggio contro una parte della bolletta Enel è partita da Firenze ma porta la firma dei referendari ferraresi.

Valentino Tavolazzi fa parte del direttivo della Rete rifiuti zero che ieri ha deciso la costituzione formale di quest’associazione: «Il nome ancora non c’è in quanto la formalizzazione avverrà solo tra quindici giorni, ma chi vuole aderire alla nostra campagna può prepararsi già da oggi - spiega Tavolazzi - Si tratta di versare un contributo di 10 euro per finanziare azioni legali contro la voce numero 7 della bolletta Enel: l’obiettivo è di ottenere la restituzione delle somme versate negli anni». Il finanziamento delle energie alternative si porta via il 7% della bolletta Enel e la cosa va avanti da diversi anni.

«Ci sono due strade da percorrere: azioni legali solo al tribubunale civile di Roma, dove ha sede Enel, oppure a pioggia in tutte le città dove risiedono i cittadini interessati - riassume l’esponente ambientalista - In ogni caso si tratterà di dare mandato agli stessi legali per produrre causa dello stesso tipo. Una class-action? Non è proprio così, in quanto la legge italiana appena approvata non ha le caratteristiche di quella statunitense». A parte l’incertezza sull’applicazione di una normativa fresca di Finanziaria, infatti, resta l’ostacolo del soggetto attuatore della causa collettiva, che in Italia è limitato ad un nucleo molto ristretto di sigle associative.

La nuova associazione, in ogni caso, sarà solo lo strumento dell’azione legale, mentre la “regia” resterà la Rete rifiuti zero.

Ieri a Firenze c’erano delegazioni provenienti da Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Campania, Calabria e Veneto, ma si cercherà di estendere l’iniziativa all’intero stivale. I ferraresi si attendono una risposta consistende dei residenti in città e provincia, poichè la capacità di mobilitazione del movimento dalle nostre parti è già provata. Basti pensare agli oltre 10mila euro raccolti in poche settimane.

Articoli correlati

  • Il comunicato di PeaceLink sul latte vaccino contaminato
    Ecologia
    Diossina nei bovini a Massafra, in provincia di Taranto

    Il comunicato di PeaceLink sul latte vaccino contaminato

    Fino a ora la diossina era stata considerata solo un problema delle pecore e delle capre che avevano pascolato attorno all'ILVA: Adesso si scopre che la contaminazione è arrivata a oltre dieci chilometri, nelle campagne di Massafra. Ma come è arrivata lì la diossina?
    27 gennaio 2015 - Alessandro Marescotti
  • Gestione pubblica rifiuti: in Abruzzo periodicamente è emergenza. Non si può continuare così!
    PeaceLink Abruzzo

    Gestione pubblica rifiuti: in Abruzzo periodicamente è emergenza. Non si può continuare così!

    Anno nuovo, notizie vecchie. A cavallo tra la fine del 2014 e l’arrivo del 2015 ancora una volta i titoli dei quotidiani hanno visto una accanto all’altra le parole rifiuti, emergenza e strada. Anche stavolta ci sono stati dei Comuni che potevano rischiare di veder rimanere i rifiuti per strada, l’ennesima situazione recuperata solo all’ultimo, questa volta (e non è la prima volta!) nel lancianese.
    27 gennaio 2015 - Alessio Di Florio
  • Raccolta differenziata a Taranto: bisogna pretendere di più.
    Ecologia
    La raccolta differenziata dovrebbe essere un obiettivo per il Comune di Taranto

    Raccolta differenziata a Taranto: bisogna pretendere di più.

    La raccolta differenziata dev'essere insegnata ai cittadini.
    Le istituzioni devono "comunicare" bene come e perché differenziare per riuscire a cambiare la mentalità di tante persone che considerano il differenziare uno sforzo inutile.
    22 luglio 2014 - Gianpaola Gargiulo
  • Rifiuti in Abruzzo: (solo per il privato) "la monnezza" è oro
    PeaceLink Abruzzo
    Nuovi capitoli di Sodoma

    Rifiuti in Abruzzo: (solo per il privato) "la monnezza" è oro

    I privati consolidano i loro monopoli, l'illegalità si diffonde mentre la gestione pubblica è un'emergenza continua
    8 novembre 2012 - Alessio Di Florio

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)