Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Uno strumento utile di documentazione e ricerca

Diossine o PCB nell'industria? Scopriamole con il Dioxin Toolkit

Il "Dioxin Toolkit" delle Nazioni Unite elenca i fattori di emissione di diossine e PCB per tutti i tipi di industria. Lo alleghiamo in fondo a questa pagina web. Un'altra cultura è possibile se guarderemo ad un'altra società, più partecipata e meno inquinata. Traducete il Dioxin Toolkit e portatelo a scuola e nell'università.
4 febbraio 2008

Perché il "Dioxin Toolkit" delle Nazioni Unite è così importante?
Inquinamento da diossina e PCB


Il decreto disciplina l'AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) e all'art.1 sancisce che nell'ambito di tale Autorizzazione Integrata Ambientale "devono essere prese le opportune misure di prevenzione dell'inquinamento, applicando in particolare le migliori tecniche disponibili". In quel comma 7 dell'articolo 5 (che un solo cittadino italiano ha avuto l'ardore di mettere in pratica) è previsto che ogni cittadino interessato può "presentare in forma scritta, all'autorità competente, osservazioni sulla domanda" di Autorizzazione Integrata Ambientale presentata dalle aziende.

Presentare "osservazioni" non è cosa da poco in quanto se un'osservazione è fondata l'apposita commissione che rilascia l'AIA è obbligata a tenerne conto. L'osservazione non è un semplice "parere" ("a mio parere i fumi dell'azienda XY sono nocivi") ma è una formulazione di questo tipo, ad esempio: "L'azienda XY produce zinco ma non ha indicato, nella richiesta di AIA, alcuna emissione di diossine e furani (PCDD/PCDF) né ha adottato alcuna tecnologia per l'abbattimento delle emissioni di diossina mentre la produzione di zinco nel Dioxin Tookit dell'UNEP ONU 2005 è elencata come fonte di diossine e furani".

Qualcuno potrà dire: e come mi procuro il Dioxin Tookit?

Qui si apre un discorso molto serio sulla scuola italiana e su ciò che intendiamo dare della formazione scientifica e tecnica. Dobbiamo capire se scuole come il Liceo Scientifico devono continuare a rimanere barbosi luoghi di ottocentesco indottrinamento nozionistico lontano dalla realtà o se devono entrare in una formazione scientifica interdisciplinare e collegata alla cittadinanza attiva. E' chiaro che il Dioxin Toolkit, che è rigorosamente in inglese, non entrerà mai in un Liceo Scientifico se si continuerà a rompere la testa agli studenti con la regola di Ruffini di matematica memoria e con altre astruserie di questo genere che hanno fatto delle scienze non gli strumenti di comprensione e trasformazione della realtà ma le vie di accesso alle lezioni private di drappelli di insegnanti demotivati e maneggioni. E' chiaro allora che il Dioxin Toolkit non interesserà l'insegnante di Inglese che continuerà ad insegnare letteratura inglese e non interesserà l'insegnante di materie scientifiche che non mastica l'inglese ma che rompe le balle con le sue nozioncine trite e ritrite lontane anni luce da una dimensione sociale e galileiana della conoscenza scientifica.

Strumenti come il Dioxin Toolkit sono essenziali per avviare processi di controllo sociale tramite l'AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale).

Il governo è caduto molto probabilmente per evitare l'applicazione delle norme europee per l'AIA. Forse ora vi è abbastanza chiara la ragione per cui strumenti come il Dioxin Toolkit sono "pericolosi" contenitori di conoscenza.

Un'altra cultura è possibile se guarderemo ad un'altra società, più partecipata e meno inquinata. Traducete il Dioxin Toolkit e portatelo a scuola e nell'università.

Allegati

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)