Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

A primavera, forse, partiranno le bonifiche in grande stile

Brescia e i Pcb: a primavera partiranno le bonifiche

E' dal 2001 che i bresciani che abitano vicino all'industria chimica Caffaro aspettano questo momento. Dalle analisi del sangue effettuate negli anni scorsi, riscontrate concentrazioni di Pbc pari a 300 nanogrammi per litro
7 febbraio 2008
Fonte: Redattore sociale

- MILANO - A primavera, forse, partiranno le bonifiche in grande stile. È dal 2001 che i bresciani che abitano vicino all'industria chimica Caffaro, circa 20mila persone, aspettano questo momento. Dalle analisi del sangue effettuate negli anni scorsi sono state riscontrate concentrazioni di Pbc pari a 300 nanogrammi per litro, quando il limite massimo, stabilito dall'Asl locale, sarebbe di 15 nanogrammi per litro.

Nel terreno, inoltre, sono stati trovati Pbc e diossina con concentrazioni più alte di quelle della tragedia di Seveso. Dal 2002 l'area è stata inserita nell'elenco dei "siti inquinati di interesse nazionale". E il Sindaco, Paolo Corsini, il 27 dicembre 2007 ha rinnovato l'ordinanza che vieta l'uso dei terreni della zona. Nonostante tutto questo, la giustizia non ha ancora accertato chi ha causato un disastro ambientale di tale portata e chi dovrà pagare le spese della bonifica.

La Caffaro dai primi anni '70 fino al 1984 ha prodotto, unica in Italia, l'apirolio (che contiene Pbc), un liquido isolante e non infiammabile destinato ai trasformatori del centro siderurgico di Taranto (vedi lancio precedente; ndr). È per questo che quando, nel 2001, si è scoperto quanto era inquinata la zona, si è pensato subito alla Caffaro.

Nelle settimane scorse il "Comitato popolare contro l'inquinamento zona Caffaro", il gruppo "Meetup amici di Beppe Grillo di Brescia" e l'associazione "Ricomincio da Grillo", hanno avviato una raccolta di firme per chiedere al Comune di costituirsi parte offesa nell'inchiesta, ancora in corso presso la Procura di Brescia, sulle responsabilità dell'industria chimica.

Il 15 ottobre il Giudice per le indagini preliminari ha rigettato la richiesta del Pubblico ministero di archiviare l'inchiesta: ha ordinato altri sei mesi di indagine e i promotori della raccolta firme vorrebbero che il Comune fosse più attivo nell'impedire che la partita giudiziaria si concluda con un nulla di fatto.

Contro la Caffaro è inoltre pendente una causa civile, avviata da 12 cittadini che chiedono un risarcimento complessivo di 8 milioni di euro. "Il problema è che invece il Comune non si è ancora mosso per ottenere un risarcimento dei danni dalla Caffaro -spiega Marino Ruzzenenti, presidente del comitato popolare contro l'inquinamento zona Caffaro-. Riconosco che si è dato da fare per informare i cittadini e per trovare una soluzione a questo problema, ma occorre anche che pretenda chi ha inquinato paghi, in particolare i costi di bonifica". (dp)

Articoli correlati

  • Gli interferenti tiroidei e la compromissione nello sviluppo intellettuale e fisico del feto
    Ecodidattica
    Aumenta anche il rischio di malformazioni congenite

    Gli interferenti tiroidei e la compromissione nello sviluppo intellettuale e fisico del feto

    Nel gruppo degli interferenti tiroidei rientrano pesticidi organofosforici, bisfenolo A, ftalati, PCB e diossine; questi ultimi possono oltrepassare la barriera placentare. Alcune sostanze possono avere potenziali effetti teratogeni sulla progenie e alterare lo sviluppo neurocomportamentale.
    Istituto Superiore della Sanità
  • L'amianto colpisce anche il fegato
    Ecodidattica
    E' importante adesso formare una nuova consapevolezza

    L'amianto colpisce anche il fegato

    Un gruppo di ricercatori indipendente ha rilevato la presenza di fibre di amianto nel fegato e nelle vie biliari di pazienti dando un’ulteriore validazione a questa ipotesi. L’amianto sarebbe associato ai colangiocarcinomi, aumentando pertanto il rischio di tumore al fegato, oltre che ai polmoni.
    17 luglio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Quell'esplosione notturna nell'ILVA di Taranto con la nebulizzazione del fluido cancerogeno
    Processo Ilva
    Come mai attorno all'ILVA si trovano anche i PCB oltre alla diossina?

    Quell'esplosione notturna nell'ILVA di Taranto con la nebulizzazione del fluido cancerogeno

    Il 16 agosto 1997, dentro lo stabilimento siderurgico di Taranto, esplodeva un trasformatore elettrico contenente olio a base di PCB (policlorobifenili), denominato “apirolio”. Gli operai l'inalarono i vapori cancerogeni. Questo è il racconto dettagliato che ne fanno i magistrati.
    16 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)