Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Wwf all'attacco: no all'autorizzazione regionale alla Ferriera

Il Wwf di Trieste esprime un secco «no» all’autorizzazione integrata ambientale (Aia) concessa dalla Regione alla Ferriera di Servola. Secondo gli ambientalisti le emissioni di inquinanti sono all’ordine del giorno. L’Aia non ha fissato parametri e scadenze
15 febbraio 2008
Fonte: Il Piccolo di Trieste

Ferriera Lucchini Sono stati il responsabile della sezione inquinamento dell’organizzazione ambientalista, Fabio Gemiti, e il presidente provinciale, Carlo Dellabella, a motivare e spiegare nei dettagli le argomentazioni alla base di questa netta opposizione. «Per poter dare tale autorizzazione – ha detto il primo – non dovrebbero verificarsi significativi fenomeni di inquinamento, che invece sono all’ordine del giorno. In secondo luogo – ha aggiunto – nonostante all’interno dello stabilimento si utilizzino da anni le migliori tecnologie disponibili, il quadro ambientale nei pressi della Ferriera è gravemente alterato». «Infine – ha concluso Gemiti – l’Arpa ha dichiarato che, in assenza di un piano regionale di qualità dell’aria, non sarà in grado di valutare se il quadro emissivo sia o meno compatibile con il territorio sul quale lo stabilimento si colloca».

In un documento dell’Arpa dello scorso ottobre si afferma inoltre che «il quadro ambientale manifesta attualmente condizioni di sicura criticità». Dellabella ha espresso questo commento: «L’Aia concessa dalla Regione consente di procrastinare, di tirare ancora per le lunghe, senza stabilire modalità e tappe precise, improrogabili. Tutto ciò – ha continuato il presidente provinciale – appare inaccettabile, prima di tutto per i cittadini, minacciati nel loro bene primario, che è la salute. A tutto questo va sommato il fatto – ha evidenziato – che la proprietà della Ferriera non ha ancora completato seri investimenti, finalizzati alla riduzione dell’inquinamento ambientale entro limiti accettabili. A Servola – ha concluso Dellabella – si continuano a registrare pericolosi valori di inquinamento, ma nonostante tutto la Regione ha dato la concessione che noi contestiamo».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)