Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Aumento linfomi a Taranto dovuto ai pesticidi?
    Il vero problema per l'agricoltura è che a poca distanza dall'Ilva si coltivano broccoletti, cavolfiori, finocchi, melanzane, meloni, peperoni, pomodori e rape

    Aumento linfomi a Taranto dovuto ai pesticidi?

    Abbiamo fatto una ricerca per verificare la fondatezza di questa notizia e non abbiamo trovato alcuno studio epidemiologico che la confermi.
    6 novembre 2016 - Redazione Peacelink
  • Anni di vita persi a Taranto
    Una ricerca comparata sulla speranza di vita in città

    Anni di vita persi a Taranto

    Ogni anno in città si perdono 1340 anni di vita rispetto alla speranza di vita della Puglia. PeaceLink nella conferenza stampa di oggi rinnova la richiesta di un Osservatorio della Mortalità in real time.
    30 settembre 2016 - Redazione Peacelink
  • Lo stile di vita moderno sta uccidendo i nostri figli

    Lo stile di vita moderno sta uccidendo i nostri figli

    Il tasso dei tumori nei giovani è aumentato del 40% negli ultimi 16 anni
    15 settembre 2016
  • Chemioterapia e ciminiere
    Taranto, viaggio nel dolore di un quartiere inquinato

    Chemioterapia e ciminiere

    Appena uscito dalla chemioterapia, si avvicina a me. E mi racconta le storie delle altre persone del quartiere Tamburi che hanno percorso il calvario della morte
    24 agosto 2016 - Alessandro Marescotti
Terreni inquinati La firma dovrebbe avvenire la prossima settimana

Cerano, gli accordi diventano due

Trovata la strada per condurre in porto l'operazione, finanziata da Enel, per l'integrazione del reddito delle 68 aziende agricole interessate dal 28 giugno dal blocco delle coltivazioni nell'area di Cerano. Enel risarcirà gli agricoltori. Poi nuove indagini
15 febbraio 2008
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

. BRINDISI — Lo stop alle attività era giunta con una ordinanza del sindaco Domenico Mennitti, assunta per ragioni di salute pubblica, e valida sino al momento i cui non sarà dimostrato che gli inquinanti rilevati nei terreni e nella falda (metalli pesanti, idrocarburi) non intaccano la sicurezza dei prodotti.

La quadratura del cerchio, che consentirà (secondo alcune fonti attendibili) già la prossima settimana la firma del protocollo tra Enel ed agricoltori, sotto la supervisione dell'assessore regionale alle Risorse agricole, Enzo Russo, è la separazione tra questo atto (che Enel definisce un contratto commercia-le), dalla parte che invece coinvolge l'assessorato regionale all'Ambiente, l'Arpa, la Provincia, il Comune di Brindisi, l'Asl e l'Enel, ma per le attività di ulteriore indagine sulla concentrazione, la provenienza degli inquinanti e la loro eventuale trasmissibilità ai prodotti agricoli.

Per questo ci sarà un altro protocollo, ed Enel ha ottenuto di partecipare alle indagini con un proprio esperto, pare il professor Luigi De Bellis del Dipartimento di scienze e tecnologie ambientali. Enel finanzierà con 6,1 milioni di euro in 10 anni una coltivazione di eucalipti nella fascia dei 40 metri attorno all'asse attrezzato di 13 chilometri che alimenta la centrale di Cerano, e alla centrale stessa.

L'area ricade in quella indagata nel 2005- 2006 su disposizione del ministero dell'Ambiente, e risultata inquinata. La società, che respinge ogni accusa nei confronti dell'attività della centrale, e che l'altro ieri mattina proprio alla «Federico II» ha celebrato in grande stile (800 studenti presenti) i propri rapporti con le scuole pugliesi premiando i vincitori di «Energia in gioco», nei giorni scorsi ha anche annunciato l'avvio del progetto di copertura del gigantesco carbonile.

Confindustria Brindisi soddisfatta, e lo è anche la Provincia, attribuendo tale decisione alle battaglie condotte dall'ente per la tutela del territorio. Enel investirà 60 milioni per un deposito lungo 400 metri, largo 80 ed alto 40.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)