Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

La Caffaro era autorizzata a bonificare un'area

Torviscosa. Il Tar accoglie il ricorso dell’azienda che aveva operato in un’area di sua proprietà senza coinvolgere il ministero dell’ambiente. Roma aveva chiesto limitazioni al piano per la laguna
21 febbraio 2008
Giovanni Cinque
Fonte: Il Messaggero Veneto

- TORVISCOSA. In quella che potremmo definire come la seconda puntata della telenovela relativa ai progetti di bonifica del sito Caffaro, di Torviscosa, il Tar regionale ha parzialmente accolto le osservazioni avanzate dalla Caffaro nei confronti di una sfilza di scelte ministeriali, regionali e della Conferenza dei servizi, nelle quali si chiedeva l’annullamento, che imponevano limiti precisi al cosiddetto “piano di caratterizzazione per la procedura di bonifica” dell’area industriale.

Con il ricorso, proposto dallo studio Sala Sala di Milano, e Antonio Pollino di Trieste, erano stati chiamati in giudizio i ministeri dell’ambiente, della salute e dello sviluppo economico, la Regione, l’Agenzia per la protezione dell'ambiente e per i servizi tecnici, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale, l’istituto superiore di sanità e, infine, il commissario per la Laguna di Marano-Grado. La Caffaro è proprietaria di un’area di circa 141 ettari, inclusa nel sito di interesse nazionale “laguna di Grado e Marano”, al cui interno sorge, fin dal 1938, uno stabilimento industriale chimico, mentre al suo esterno insiste un’“area delle casse di colmata”, che raccoglie i sedimenti provenienti dal dragaggio, al fine di consentire il trasporto di materiale vario, della darsena e del canale di collegamento della darsena stessa al fiume Aussa.

La Caffaro ha affermato di aver presentato il piano di caratterizzazione per la procedura di bonifica dell’area interna, impugnando, senza esito, alcune prescrizioni dettate dalla conferenza dei servizi, relative alla realizzazione di un sistema di raccolta delle acque meteoriche, quale misura di messa in sicurezza d'emergenza per l’area dell'idrovora Zamaro, di un un confinamento fisico esteso da via Vittorio Veneto (roggia Zuina) a villa Diotti, per garantire il completo sbarramento delle acque di falda a valle dello stabilimento, alla presentazione sia del progetto definitivo di bonifica delle acque di falda delle aree attraversate dalle opere di interconnessione con la nuova centrale termoelettrica che delle discariche interne.

Con nota del marzo 2001 la Caffaro rendeva noto alle autorità competenti di aver attivato motu proprio, le procedure per gli interventi di messa in sicurezza d’emergenza, di bonifica e di ripristino ambientale, rappresentando, in particolare la situazione di inquinamento così come era stata rilevata e gli interventi di messa in sicurezza d’emergenza previsti; prendeva, quindi, avvio la procedura per la messa in sicurezza e la bonifica dell’area, con particolare riguardo ad alcune situazioni critiche interne allo stabilimento e all’“area delle casse di colmata”.

L’intervento veniva analizzato più volte da conferenze di servizi, istruttorie e decisorie. Il Tar ha disatteso la censura sul mancato coinvolgimento da parte del ministero dell’ambiente, titolare della procedura di bonifica, di quello delle attività produttive e sull’illegittimità del procedimento posto in essere per il lungo tempo trascorso dallo svolgimento delle conferenze, la sovrapposizione delle prescrizioni impartite dalle conferenze stesse e la mancata adozione di provvedimenti conclusivi ad hoc per ogni singola conferenza decisoria.

Il ricorso è stato parzialmente accolto con riguardo invece al terzo e quarto dei motivo dedotti, con cui si contestava il contenuto delle conferenze di servizi, nella parte in cui si imponeva il marginamento fisico integrale dello stabilimento, senza tenere in dovuto conto le proposte progettuali alternative presentate dalla medesima società, senza aver fatto precedere la onerosa decisione (circa 163 milioni di euro per i prossimi 10 anni) da una adeguata istruttoria, in collaborazione con Apat e Arpa e senza supportare la decisione stessa con un congruo apparato giustificativo e, ancora, l’irragionevolezza delle scelte operate dalle conferenze di servizi, poi recepite nei cinseguenti decreti direttoriali sul marginamento, avuto riguardo al fatto che esiste già una barriera idraulica realizzata su esplicita richiesta di una conferenza di servizi, infine, per quanto attiene alle aree di stabilimento e “casse di colmata”, la violazione del principio di proporzionalità.

Il Tar, ha, inoltre, ritenuto fondata l’ottava censura, inerente all’impugnazione in parte del verbale della conferenza e il relativo decreto ministeriale di determinazione conclusiva, laddove, pronunciandosi circa la messa in sicurezza di emergenza della falda, si statuivache l’impianto di trattamento delle acque emunte dovesse assicurare, in fase di scarico, il rispetto dei limiti previsti dalla normativa.

Articoli correlati

  • I veleni negati: il caso Caffaro di Brescia
    Ecologia
    Un nuovo libro di Marino Ruzzenenti

    I veleni negati: il caso Caffaro di Brescia

    Lo scandalo dell'inquinamento da PCB e diossine a Brescia dovuto all'industria chimica è l'emblema dell'incuria generale rispetto ai siti di interesse nazionale. Si constata inoltre la pressoché assenza del tema delle bonifiche nel Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza del Governo Draghi
    17 novembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Gli interferenti tiroidei e la compromissione nello sviluppo intellettuale e fisico del feto
    Ecodidattica
    Aumenta anche il rischio di malformazioni congenite

    Gli interferenti tiroidei e la compromissione nello sviluppo intellettuale e fisico del feto

    Nel gruppo degli interferenti tiroidei rientrano pesticidi organofosforici, bisfenolo A, ftalati, PCB e diossine; questi ultimi possono oltrepassare la barriera placentare. Alcune sostanze possono avere potenziali effetti teratogeni sulla progenie e alterare lo sviluppo neurocomportamentale.
    Istituto Superiore della Sanità
  • Quell'esplosione notturna nell'ILVA di Taranto con la nebulizzazione del fluido cancerogeno
    Processo Ilva
    Come mai attorno all'ILVA si trovano anche i PCB oltre alla diossina?

    Quell'esplosione notturna nell'ILVA di Taranto con la nebulizzazione del fluido cancerogeno

    Il 16 agosto 1997, dentro lo stabilimento siderurgico di Taranto, esplodeva un trasformatore elettrico contenente olio a base di PCB (policlorobifenili), denominato “apirolio”. Gli operai l'inalarono i vapori cancerogeni. Questo è il racconto dettagliato che ne fanno i magistrati.
    16 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)