Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Brescia: «Sul Pcb gli agricoltori invocano chiarezza»

Ambiente, vescicolare e filiera suinicola, burocrazia, controlli, unità sindacale. «Le Autorità competenti ci devono dire come e perché è avvenuto l’inquinamento dei terreni e se c’è ancora pericolo. Non ne va solo per le nostre aziende, è un problema che riguarda la salute di tutti noi».
2 marzo 2008
Fonte: BresciaOggi

. Tanti i temi affrontati dal presidente Francesco Bettoni nel corso dell’assemblea di ieri, che ha vissuto anche un paio di toccanti momenti con i riconoscimenti al lavoro svolto per l’Unione Provinciale Agricoltori dagli ex-direttori Giovanni Trerotola ed Agostino Mantovani (oggi presidente di Brescia Musei). E tante anche le reazioni, a partire da quella dell’assessore regionale Viviana Beccalossi, alla sua ultima relazione prima della nuova tornata elettorale.

Ad emergere fra i temi soprattutto l’emergenza diossina: Bettoni ha attaccato affermando che «gli agricoltori non sono inquinatori, ma vittime dell’inquinamento. Nel caso del latte al Pcb, i costi sono tutti ricaduti sulle aziende. E l’emergenza è tutt’altro che terminata: le Autorità competenti ci devono dire come e perché è avvenuto l’inquinamento dei terreni e se c’è ancora pericolo. Non ne va solo per le nostre aziende, è un problema che riguarda la salute di tutti noi».

E poi l’emergenza Mella. «Chi deve intervenire lo faccia, magari con la stessa solerzia con la quale noi agricoltori spesso veniamo presi di mira per problemi di ben minore gravità». Sui suini, il settore attualmente più in crisi del settore agricolo bresciano, «vanno cercate soluzioni condivise per ribaltare la situazione e dare nuova linfa al mercato». E poi via alle agroenergie. «Trasformare un problema in opportunità è possibile: le moderne tecnologie possono aiutarci a trasformare un problema come la direttiva nitrati in un’opportunità».

Alberto Cavalli, presidente della Provincia, nella sua relazione, annuncia un accordo di programma per il problema diossina e più impegno sul tema della tutela dei terreni agricoli. «Abbiamo nuove competenze che intendiamo far rispettare affinchè i terreni agricoli non vengano costantemente erosi da una urbanizzazione a tratti selvaggia».
Nel lungo intervento di Viviana Beccalossi, l’occasione per un bilancio di quanto fatto dalla Regione a sostegno del sistema: la battaglia sul Piano di Sviluppo Rurale, l’anticipo dei Premi Pac a fronte del mancato trasferimento dei fondi da parte del Governo («Siamo l’unica Regione ad averlo garantito»).

E qualche importante indicazione per il futuro. «Sono d’accordo sul fatto che il Governo non possa prescidere dalla posizione degli allevatori bresciani. Sono con voi sulla battaglia contro lo smantellamento delle quote latte, e farò la mia parte. Ma il mondo agricolo va preparato a qualsiasi situazione, senza che si creino inutili illusioni sulle possibilità che l’Europa riveda le proprie posizioni su decisioni già prese».

Sul problema suini, Beccalossi è per «un progetto comune che sia di supporto all’intero sistema, per fare in modo che emergenze come la vesciolare non si ripetano più. La mancanza di un macello ad esempio in questa crisi è stata fortemente penalizzante: vogliamo cominciare a parlarne?».

In sala, anche i presidenti di Cia e Coldiretti. «Stiamo lavorando bene insieme e spero che questo rapporto si rafforzi», è stato il commento di Bettoni. «E’ vero – ha dichiarato Prandini a fine assemblea -. Peccato che la mattina si sia chiusa sulle note stonate degli attacchi del presidente confederale Vecchioni su Ogm, multifunzionlità e Pac».

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)