Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

L'ennesimo atto scellerato del moribondo governo Prodi

A norma (per legge) le ecoballe Campane

Il governo Prodi intende bruciare le ecoballe campane fuori norma nell'inceneritore di Acerra
3 marzo 2008

Le Ecoballe campane

L'agenzia AGI riferisce che una ordinanza, firmata dal presidente del Consiglio dei Ministri Romano Prodi lo scorso 20 febbraio e pubblicata dalla Gazzetta ufficiale, consentirebbe che le ex-ecoballe, cioè la parte di rifiuti triturata ed imballata senza alcun criterio dagli impianti malfunzionanti di CDR campani, declassate perché troppo 'umide' rispetto ai requisiti previsti dalla normativa, potranno essere smaltite bruciandole nel termovalorizzatore di Acerra.

Rammentiamo che il CDR, prodotto negli stabilimenti realizzati in Campania, non rispondesse al minimo delle specifiche tecniche previste dalla normativa, per quanto riguarda sia l'insufficiente potere calorico, sia la presenza di sostanze inadatte all'incenerimento.

Nell'articolo 4 del decreto si legge che "è' autorizzato il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti contraddistinti dai codici Cer 191212, 190501 e 190503 presso detto impianto assicurando comunque il rispetto dei livelli delle emissioni inquinanti già fissati nel provvedimento di autorizzazione".

I codici citati - riferisce l'AGI - corrispondono alle eco-balle prodotte, che presentino un potere calorico differente da quello fissato per legge per uno smaltimento in inceneritore, nonchè alla frazione organica stabilizzata ed al compost che rilievi e indagini hanno stabilito pure essere fuori parametri.

La scandalosa decisione sembra essere in linea con quanto affermato a suo tempo dall'amministratore delegato di Impregilo, la società tristemente nota per le vicende giudiziare campane sul ciclo integrato rifiuti: modificare la normativa sul CDR e rendere finalmente utilizzabili, come combustibile, le «ecoballe» stoccate.

Articoli correlati

  • PeaceLink Abruzzo

    A Maggio l'Arap chiese lo stop

    Appello delle associazioni: bloccate l’attuale procedimento, l’Ente ci comunica che in 3 mesi non ci sono state novità
    29 agosto 2018 - Arci Vasto, Cobas Chieti, Gruppo Fratino Vasto, Italia Nostra del Vastese, Stazione Ornitologica Abruzzese, Associazione Antimafie Rita Atria, PeaceLink Abruzzo
  • PeaceLink Abruzzo
    Verso l'importazione stabile dei rifiuti da fuori regione?

    Rifiuti in Abruzzo, privati subito all'attacco del nuovo Piano Regionale

    Proposta una nuova mega-discarica da ben 480.750 mc a Cupello non prevista dal Piano; le associazioni depositano durissime osservazioni alla V.I.A.
    29 agosto 2018 - PeaceLink Abruzzo, Associazione Antimafie Rita Atria, Stazione Ornitologica Abruzzese, Nuovo Senso Civico Onlus
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca
    Editoriale

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Abruzzo e mafie, quando si scuoteranno (e muoveranno) le coscienze?
    PeaceLink Abruzzo

    Abruzzo e mafie, quando si scuoteranno (e muoveranno) le coscienze?

    Le recenti parole di Claudio Fava, vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia, sembrano calzare perfettamente anche alla nostra Regione: le mafie ci sono ma si preferisce troppo spesso non vedere, non cercare, girare la testa dall’altro. Per cullarsi nell’inganno dell’isola felice
    26 gennaio 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)