Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Ferriera: i campioni inviati ad un laboratorio di Brescia

Il primo screening dell'Azienda sanitaria tra gli abitanti di Servola, dovrà individuare se nell'urina e nel sangue si siano depositati, in seguito alle emissioni della Ferriera, benzoapirene e metalli pensanti.
20 marzo 2008
Fonte: Il Piccolo di Trieste

Ferriera Lucchini Secondo gli operatori dell'Azienda ci vorrà almeno un mese per avere un risultato su queste analisi. E questo perché le provette con i liquidi biologici dovranno essere inviate a un laboratorio specializzato di Brescia che l'Azienda sanitaria triestina ha prescelto, in quanto si tratta del laboratorio specializzato al massimo grado a livello nazionale per esami clinici di questo genere. Una particolarità: nella scelta delle persone sottoposte al controllo si è tenuto conto dei fattori che «potrebbero - ha spiegato l’Azienda sanitaria in una recente nota tecnica - confondere i risultati dell’indagine»: «I metaboliti degli idrocarburi policiclici aromatici (Ipa) e in particolare l’idrossipirene, possono infatti variare notevolmente in funzione delle abitudini di vita tra le quali il fumo di sigaretta e il tipo di alimentazione».

Parallelamente verrà testato anche un campione di popolazione con le medesime caratteristiche ma che abita in aree della provincia in cui non c’è evidenza di inquinamento. Dal confronto uscirà una fotografia della situazione.

Dopo questa prima fase di accertamenti l'Azienda sanitaria valuterà la possibilità di impostare ulteriori studi mirati. È questa la procedura decisa anche a fronte delle sollecitazioni dei residenti che si erano appellati anche all’Azienda ospedaliera e avevano cominciato a bussare singolarmente alle porte dei medici di famiglia.

La decisione dunque, parte dal basso, dall’iniziativa di un gruppo di abitanti del quartiere.

«L’Azienda sanitaria – ha precisato una nota emessa di recente dall’Azienda stessa - ha deciso di accogliere in buona misura questa istanza pur non essendo ancora in possesso dei risultati dell’indagine sui lavoratori, che meglio avrebbe indirizzato l’azione verso i cittadini».
L’intenzione iniziale era infatti quella di soppesare dapprima i risultati sulle analisi svolte alla Ferriera nel quartiere di Servola e di conseguenza decidere se avviare o meno l’azione pubblica verso il quartiere.

Articoli correlati

  • Quante cozze a settimana? Non più di 13 grammi
    Ecologia
    Dose tollerabile giornaliera per un bambino di 10 anni a Taranto

    Quante cozze a settimana? Non più di 13 grammi

    Diossine e PCB possono essere presenti nelle cozze di zone inquinate. Con i nuovi valori di DST (Dose Settimanale Tollerabile) divulgati dall'EFSA, a Taranto i bambini non dovrebbero mangiare più di 13 grammi di cozze a settimana
    21 novembre 2018 - Redazione PeaceLink
  • Troppa diossina negli alimenti: occorre l'istituzione di un marchio Dioxin Free
    Consumo Critico
    L'EFSA (ente europeo per la sicurezza alimentare) rivede in senso restrittivo la dose tollerabile

    Troppa diossina negli alimenti: occorre l'istituzione di un marchio Dioxin Free

    La dose tollerabile scende drasticamente, di ben 7 volte. Ora infatti la dose tollerabile settimanalmente è di 2 pg/kg e non più 14 pg/kg di peso corporeo. Cosa farà il governo italiano per tutelare i consumatori?
    20 novembre 2018 - Associazione PeaceLink
  • Diossina nei fanghi da spandere nelle campagne
    Ecologia
    Oggi in commissione ambiente alla Camera verrà proposta la norma

    Diossina nei fanghi da spandere nelle campagne

    Il governo prevede limiti fino 25 nanogrammi a chilo di terra, mentre a Taranto le pecore e le capre si sono contaminate brucando su terreni contaminati fino a 10 nanogrammi di diossina
    22 ottobre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Perché concimare con i fanghi alla diossina?
    Consumo Critico
    PeaceLink propone di istituire un "bollino marrone" per i prodotti provenienti da terreni concimati con fanghi alla diossina

    Perché concimare con i fanghi alla diossina?

    Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa sostiene la validità di una normativa che consente di spandere sui terreni agricoli fanghi di depurazione contenenti diossina in quantità anche più che doppia rispetto ai terreni contaminati attorno all'ILVA di Taranto.
    4 novembre 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)