Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Nucleare e Rigassificatori senza lungaggini

Decisionismo energetico. Si snelliscono le procedure per centrali e rigassificatori. Tempi rapidi per costruire gli impianti. Lo Stato avrà più potere sugli enti locali. Ecco una procedura unica sul modello dello "one step licensing"
30 settembre 2008
Walter Ricci

- Una procedura unica sul modello dello "one step licensing" per realizzare gli impianti nucleari, i rigassificatori e ricercare nuovi giacimenti di idrocarburi liquidi e gassosi in terraferma. Prende corpo in modo sempre più netto la strategia del governo per accelerare la realizzazione delle opere infrastrutturali necessarie all'Italia.

A tracciarle è l'emendamento messo a punto dal ministero guidato da Claudio Scajola al ddl Sviluppo all'esame della commissione Attività produttive della Camera. Per il nucleare, spiega la proposta di modifica, la costruzione e l'esercizio degli impianti nucleari costituisce "attività di preminente interesse statale" soggetta ad autorizzazione unica anche se mitigata dalla necessaria intesa preventiva con la regione interessata. E "l'autorizzazione deve comprendere la dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità ed urgenza delle opere, l'eventuale dichiarazione di inamovibilità e l'apposizione del vincolo preordinato all'esproprio dei b!
eni in essa compresi".

E soprattutto, chiarisce ancora il testo, "l'autorizzazione unica sostituisce ogni provvedimento amministrativo, autorizzazione, concessione, licenza, nulla osta, atti di assenso e atti amministrativi comune denominati previsti dalle norme vigenti, costituendo titolo a costruire ed esercire le infrastrutture in conformità del progetto approvato". Ma c'è dell'altro. A facilitare la realizzazione dei nuovi impianti c'è anche la previsione della possibilità di dichiarare nella delega al governo i siti "aree di interesse strategico nazionale" soggette a speciali forme di vigilanza e protezione e la possibilità del governo di esercitare un "potere sostitutivo" in caso di mancato raggiungimento delle intese con gli enti locali.

Allo stesso modo sono state snellite le procedure per i rigassificatori e i permessi di ricerca per gli idrocarburi: nel primo caso il procedimento unico verrà rilasciato con decreto del ministero dello Sviluppo economico (di concerto con quello dell'Ambiente e d'intesa con la regione interessata) ma solo dopo una Valutazione di impatto ambientale (Via) e al massimo entro 300 giorni dalla presentazione dell'istanza.

Inoltre, chiarisce ancora il provvedimento, le decisioni prese dalla conferenza dei servizi che portano una variazione al piano urbanistico rappresentano proposte di variante su cui si deve pronunciare il consiglio comunale entro 90 giorni, passati i quali viene considerata approvata. E lo stesso vale in caso di modifiche ai piani regolatori portuali. Nel secondo caso al procedimento unico partecipano Stato e Regione interessata mentre ai comuni va data comunicazione del rilascio dei permessi. Per ottenere l'autorizzazione alla perforazione o alla costruzione di !
opere necessarie è necessaria una Via e il rilascio della concessione comporta per le infrastrutture considerata di pubblica utilità "variazione urbanistica".

Insomma all'approvazione del provvedimento all'esame della Camera è prevista un'accelerazione delle procedure per autorizzare gli impianti che nel caso delle centrali nucleari si accompagnerà anche a una sorta di corsia privilegiata rispetto a possibili ricorsi presso la magistratura: nei giudizi davanti agli organi di giustizia amministrativa che potrebbero prolungare l'approvazione e la realizzazione delle opere, il criterio dovrà essere quello della celere prosecuzione delle procedure. Sempre riguardo alla delega in materia nucleare, l'emendamento del governo inserisce l'energia prodotta dall'atomo un diritto di precedenza al ritiro sul mercato.

Quanto all'Agenzia per la sicurezza nucleare, il provvedimento chiarisce che sarà istituita presso il ministero dell'Ambiente, ma sarà ad ordinamento autonomo e ne faranno parte un presidente e quattro componenti, due dei quali designati dal ministero dello Sviluppo economico. A supporto dell'organo di vertice il personale di servizio non potrà superare le 300 unità di cui sicuramente 95 dall'Agenzia per la protezione dell'ambiente e 40 dall'Enea e sue partecipate. Rafforzata dal provvedimento anche la dotazione di personale assegnata al Ministero dello Sviluppo: 20 persone saranno al servizio del ministro Scajola sulla questione nucleare.

Articoli correlati

  • Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare
    Pace
    Lo studio A/57/124 è stato richiesto con risoluzione 55/33 dell'Assemblea Generale ONU 20/11/2000

    Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare

    Questo studio è stato presentato al primo comitato dell'Assemblea generale dell'ONU nella sua 57a sessione il 9 ottobre 2002. Nello studio si prevede che l'educazione al disarmo proietti a tutti i livelli i valori della pace, della tolleranza, della nonviolenza e del dialogo fra i popoli.
    23 marzo 2021 - Redazione PeaceLink
  • Nucleare civile e militare: una bomba!
    Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room
    Disarmo
    il settore militare non solo inquina, ma contamina, trasfigura e rade al suolo

    Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room

    “E’ stato stimato che Il 20% di tutto il degrado ambientale nel mondo è dovuto agli eserciti e alle relative attività militari”
    31 ottobre 2019 - Rossana De Simone
  • La nuova corsa al riarmo atomico… e all’Artico
    Disarmo
    Misterioso incidente in Russia

    La nuova corsa al riarmo atomico… e all’Artico

    Un'esplosione vicino a un sito di test di missili nucleari balistici nel Mar Bianco, con rilascio di radiazioni nell'ambiente, apre inquietanti interrogativi sulle crescenti attività di riarmo nucleare e sulla parallela corsa ad appropriarsi dell'Artico
    30 agosto 2019 - Francesco Iannuzzelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)