Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

"Vista l’urgenza dei tempi, a finanziamento avvenuto, si è pensato di evitare una gara d’appalto, procedendo per assegnazione diretta", ha dichiarato il sindaco di Ginosa Marina, Leonardo Galante.

Puglia: vogliono spendere 1.400.000 euro per rimuovere una barriera antierosione!

Accade nel Golfo di Taranto in prossimità delle elezioni: parte un piano di rimozione delle alghe depositate sul litorale. Sono invece preziose per evitare che il mare "mangi" la spiaggia. PeaceLink ha scritto a Vendola per bloccare questo spreco del denaro pubblico.
9 aprile 2009 - Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)

Si avvicinano le elezioni europee e anche quelle provinciali di Taranto.
Si avvicinano le elezioni e cominciano le sorprese
E che accade?

Un milione e quattrocentomila euro della Regione Puglia rischiano di essere “sprecati” per un intervento inutile se non dannoso sulle coste del Golfo di Taranto.

Stiamo parlando di quasi due miliardi e settecento milioni delle vecchie lire della Regione che sono state assegnate alla Provincia di Taranto per pagare le spese della rimozione delle alghe che si sono depositate sulle spiagge durante le mareggiate di alcuni mesi fa. La rimozione sta per partire ma occorre stopparla per fare chiarezza alla luce delle migliori conoscenze scientifiche per la tutela degli ecosistemi.

Parliamo per facilità di comprensione di "alghe" anche se si tratta di "piante marine".

A nostro parere, e sulla base delle informazioni che abbiamo raccolto, siamo di fronte ad un uso dei soldi pubblici che nulla ha a che fare con l’ecologia.

Vediamo nel dettaglio di che si tratta.

Nel novembre 2008 alcune robuste mareggiate hanno depositato sulle spiagge del litorale jonico un grande quantitativo di piante marine (che per semplicità definiremo “alghe”). Gli stabilimenti balneari le hanno rimosse ma sul litorale pubblico si è formato uno strato di una trentina di centimetri di alghe morte.


I sindaci del versante che va da Ginosa Marina a Lido Azzurro hanno parlato di “calamità naturale”. E chiesto denaro per un intervento di “ripulitura”. La Regione ha assegnato alla Provincia di Taranto una somma ingente: 1.400.000 euro. Si vorrebbero raccogliere le 1600 tonnellate di alghe morte e una parte consistente verrebbe portata in discarica come “rifiuto” da smaltire.

Ma cosa è successo in questi mesi? Il mare ha coperto con la sabbia le alghe depositatesi sulle spiagge. E così la natura ha trasformato una “calamità” in una “positiva” barriera antierosione. Infatti è aumentato lo spessore dell’arenile. Le alghe sedimentate sotto la sabbia hanno fatto, come si suol dire, “ripascere” le spiagge rialzandole e avvantaggiandole rispetto ai processi erosivi che in questi anni stanno “mangiando” le spiagge portando via la sabbia.

Che avverrebbe se si spendessero quei soldi della Regione? Verrebbe smossa la sabbia superficiale depositata e asportate le alghe. Ci sembra un’operazione non opportuna per diversi motivi. In primo luogo i filamenti delle alghe si sono inestricabilmente legati alla sabbia: portando via le alghe si rischia di portare via una parte della sabbia che vi aderisce. Che senso ha poi alterare una naturale barriera antierosione che si è formata spontaneamente in questi mesi? E che senso ha inviare in discarica le alghe intasando le già intasate discariche? Si potrebbero portare le alghe (quelle non coperte dalla sabbia) nelle dune per rinforzarle così come è stato fatto altrove in Puglia. Ma considerare le alghe che “dormono” ora sotto la sabbia come un “rifiuto” da smaltire ci sembra veramente sbagliato.

Vi è poi un altro rischio collegato al “clima elettorale”. Sulla Regione e sulla Provincia di Taranto stanno convergendo anche le sollecitazioni dei comuni del litorale orientale (Mandria, Avetrana, ecc.) che chiedono anch’essi una somma equivalente per rimuovere le “loro” alghe. Se le sollecitazioni andassero a buon fine allora lo “spreco” di denaro verrebbe raddoppiato.

Siamo di fronte a un provvedimento di spesa che suscita interrogativi.

"Vista l’urgenza dei tempi, a finanziamento avvenuto, si è pensato di evitare una gara d’appalto, procedendo per assegnazione diretta", ha dichiarato il sindaco di Ginosa Marina, Leonardo Galante.

Avete letto bene.

In questa terra dove si concentra il 92% della diossina nazionale si vogliono spendere soldi per rimuovere una barriera antierosione.

All'incredibile non vi è mai limite e in questa terra avvelenata dalle industrie (e non dalle alghe) la fantasia galoppa a briglia sciolta.

Note:

La lettera di PeaceLink a Nichi Vendola
http://lists.peacelink.it/news/2009/04/msg00005.html

Anche Legambiente nazionale interviene: "Inutile spreco rimuovere le alghe"
http://lists.peacelink.it/news/2009/04/msg00006.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)