Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

In marcia contro l'inquinamento il 28 novembre a Taranto

L’Altamarea dell’indignazione

Dobbiamo sublimare questo carico di dolore e trasformarlo in forza, la forza del nostro mare quando si gonfia, si arrabbia, si infrange, travolge, fa paura: questa è Altamarea.
27 novembre 2009
Paola D'Andria (Presidente AIL (Assoc. Italiana contro le Leucemie) Taranto)

Torno da un meeting sulla diossina tenutosi in una bella location sul Mar Piccolo: hanno parlato tanti “soloni” delle istituzioni, della finanza, della comunicazione, sono stati sciorinati tanti dati sull’ incidenza di malattia e morte sul nostro territorio, tanti ma non sufficienti, secondo loro, per dare una paternità ai nostri “avvelenatori”, agli “avvelenatori” del nostro mare, della nostra terra e del nostro cielo.

Vado via con la solita sensazione di rabbia, con la solita voglia di urlare ai soloni che i bambini, i giovani che si ammalano e che curiamo nel nostro reparto di ematologia sono tanti, troppi. Vado via con la sensazione terribile che questi meeting vengano organizzati per arginare l’Altamarea dell’indignazione, del senso civico, della presa di coscienza, della rivendicazione ad un lavoro e ad una vita sani. Logo del coordinamento Altamarea



Vado via con l’orgoglio di non essere un solone, di essere una persona libera, col suo carico di dolore, ma libera e perbene.

Vado via; e sulla strada del ritorno che costeggia il Mar Piccolo vedo un airone cinerino che si alza sul mare e lo attraversa; è bello il mare; è bella Taranto che si staglia lontano; è tutto di una bellezza struggente se riesco ad escludere dalla vista e dal pensiero le grandi fabbriche che incombono sulla città.

“Sai - dico al mio compagno di viaggio – Taranto è come la mela di Biancaneve, bella, ma avvelenata”.

E mi piace indugiare su questa metafora. Anche noi abbiamo cattivi re del profitto e del denaro che si trasformano in vecchi saggi per offrirci “la mela avvelenata”, per ridurci a un silenzio, che è come la morte, che non metta in discussione la loro egemonia e il loro dire: i dati definiti non allarmanti, il lavoro, il mare che comunque è ancora azzurro, l’erba che comunque rimane verde, il benessere...

E per tanti, troppi anni noi, come Biancaneve, ci siamo nutriti dell’ingannevole mela.

Ma l’incantesimo è finito! Abbiamo capito che è un maleficio!

Non ci ha svegliato, purtroppo, il principe azzurro; ci hanno svegliato le terribili malattie, la morte, il lavoro malsano e spesso precario, lo scoprire che “benessere” ha un solo significato: stare bene in salute per poter godere del lavoro e dei frutti del lavoro e che, quindi, non ne abbiamo mai goduto.

E l’Altamarea dell’indignazione, della consapevolezza si alza, diventa prorompente: i dati non saranno significativi per i soloni, ma per noi sì: ogni famiglia di Taranto e della sua Provincia piange un morto di cancro; non sarà certa la paternità di queste malattie, ma la madre è certa: è la grande industria. Il mare è azzurro ma nasconde veleni, l’erba è verde ma le pecore che l’hanno brucata sono state tutte uccise, in una tragica mattanza, perché avvelenate, il lavoro nell’azienda è pericoloso, non porta agiatezza, ma malattia.
Anche il maleficio è finito!

E se la morte e la malattia e il lavoro malsano sono serviti a rompere il maleficio, noi dobbiamo sublimare questo carico di dolore e trasformarlo in forza, la forza del nostro mare quando si gonfia, si arrabbia, si infrange, travolge, fa paura: questa è Altamarea.

E’ la nostra indignazione, il nostro dolore, la nostra rabbia, ma anche la nostra forza di società civile, l’amore per i nostri figli, per i nostri lavoratori delle fabbriche, per Taranto.

La nostra società non ha bisogno di maestri, di cattivi maestri. Noi abbiamo bisogno di testimoni, di persone che testimonino l’onestà, il rispetto per gli altri, la coerenza, l’amore.

Questo dobbiamo testimoniare il 28 novembre, in tanti, in tantissimi: dobbiamo testimoniare la nostra onestà, la nostra vicinanza a chi soffre per la malattia, per la morte, per la mancanza di lavoro, dobbiamo travolgere come un’altamarea chi vuole continuare a mantenere questa città nella miseria culturale e asservita al profitto e al vantaggio di pochi.

Note: Il sito del coordinamento Altamarea
www.google.it/group/altamareanews

Articoli correlati

  • Studio OMS sull'impatto dell'ILVA di Taranto sulla salute
    Ecologia
    Health Impact Assessment of the steel plant activities in Taranto as requested by Apulia Region

    Studio OMS sull'impatto dell'ILVA di Taranto sulla salute

    Lo studio è stato richiesto dalla Regione Puglia ed è del giugno 2021, ed è uno studio predittivo. Nelle conclusioni si legge: "Le stime della presente relazione sono pienamente in linea con le precedenti valutazioni, effettuate da autorità regionali e altri ricercatori".
    12 gennaio 2022
  • "Acciaierie cancerogene": i veleni di Taranto arrivano su Al Jazeera
    Ecologia
    Oggi mobilitazione dei lavoratori ILVA in AS a cui non viene affidata alcuna bonifica ambientale

    "Acciaierie cancerogene": i veleni di Taranto arrivano su Al Jazeera

    "I tribunali stabiliscono che gli inquinanti incrementano l'incidenza del cancro", sottotitola questo servizio televisivo in inglese che mette in evidenza, accanto ai dichiarati propositi governativi di "acciaio verde", il ruolo attuale del carbone nel creare una tossicità intollerabile.
    7 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Perché la popolazione di Taranto è sotto attacco
    Ecologia
    Conferenza stampa

    Perché la popolazione di Taranto è sotto attacco

    Fondi scippati alle bonifiche dei terreni e della falda, richiesta di revisione dell'AIA in senso peggiorativo e di declassamento del rischio cancerogeno per Taranto da "inaccettabile" ad "accettabile" con una nuova Valutazione Danno Sanitario.
    5 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • La vicenda di Taranto può considerarsi un simbolo
    Ecologia
    Lo Stato dovrebbe proteggere, difendere, curare come un buon padre

    La vicenda di Taranto può considerarsi un simbolo

    Perché il padre-Stato decide che l'aria che respirano i suoi figli di Genova e di Trieste è più cancerogena di quella di Taranto e chiude lì le aree a caldo di quegli stabilimenti e non quelle di Taranto? Ci sono figli dell'oca bianca e figli dell'oca nera?
    6 gennaio 2022 - Massimo Wertmuller
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)