Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Vendola annuncia una possibile querela a Lannes. PeaceLink disponibile ad ospitare un dibattito

Inceneritore Marcegaglia: lettera aperta a Nichi Vendola e a Gianni Lannes

Sarebbe preferibile che ci spiegaste le vostre ragioni, ci deste informazioni e non ci usaste come pubblico per messaggi polemici e per prove di forza. Ci interessano le risposte. Perché non dovremmo essere in grado di valutarle?
19 maggio 2010
Lidia Giannotti (redazione di PeaceLink)

Immagine di un inceneritore

Sul sito di Italia Terra Nostra (http://www.italiaterranostra.it/?p=4767) è apparso un articolo dal titolo "Vendola autorizza illegalmente l’inceneritore di rifiuti Marcegaglia".

Sul sito di Nichi Vendola (http://www.nichivendola.it/sito/mcc/informazione/risposta-allarticolo-di-italiaterranostrait.html) è apparso un post in cui si legge che "il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola sta valutando la possibilità di adire le vie legali a causa della totale infondatezza delle notizie pubblicate".

Ci rivolgiamo a Nichi Vendola e a Gianni Lannes, direttore di Italia Terra Nostra nonché giornalista sotto scorta per le sue coraggiose inchieste sull'affondamento di navi con rifiuti tossici.

Sarebbe preferibile che ci spiegaste le vostre ragioni, ci deste informazioni e non ci usaste come pubblico per messaggi polemici e per prove di forza muscolare.

Il Presidente della Regione Puglia è convinto della correttezza della sua scelta, ma viene chiamato in modo aspro a darne conto.

Questo è normale, non crea problemi e non suggestiona. Basta non farne una guerra tra voi. Non ci interessa.

Ci interessano le risposte. Perché non dovremmo essere in grado di valutarle?

La "prova di purezza" (o coraggio) data attraverso la rituale minaccia di un'azione giudiziaria - e la risposta da parte del giornalista di esserselo augurato per potere reagire - provano solo che preferite allontanarvi da noi (cittadini e lettori) per andare dove non dobbiamo e non possiamo seguirvi: tra avvocati, dichiarazioni obbligate di prossimità, disapprovazioni, alleanze, strumentalizzazioni...

Non è un bel momento.
Vi saremo grati se ci risparmierete questa prova di forza.
Soprattutto risparmiatelo ai più giovani, lavorando per un'informazione e una partecipazione più libera e consapevole, come dite di fare.

Come PeaceLink vorremmo invece ospitare un dibattito - fra voi e con i cittadini interessati - che non passi attraverso le odiose vie legali ma per quelle della ragione e del civile confronto.

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)