Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Nessuno scoraggiamento, vinceremo nonostante tutto

Taranto non abbassa la testa nonostante il pronunciamento della Corte Costituzionale

La decisione della Corte Costituzionale di fatto non salva l'Ilva perché non le presta i tre miliardi di euro per applicare efficacemente l'AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale)
9 aprile 2013
Fabio Matacchiera, Alessandro Marescotti


Nessuno scoraggiamento, vinceremo comunque, anche senza la Corte Costituzionale. Taranto, cittadini mobilitati



Il procedimento penale della Procura va comunque avanti per accertare tutte le responsabilità del disatro ambientale.

Taranto si è ormai ribellata e non è più disposta a essere la città da scarificare.

La decisione della Corte Costituzionale non riporterà in vita un'azienda che è ormai in uno stato di crisi irreversibile. Basti pensare che non ha neppure definito il piano industriale degli investimenti per l'AIA. L'azienda - come dimostrano svariate analisi economiche - non ha le risorse per rinascere ed è ormai alle corde.

Quindi la decisione della Corte Costituzionale di fatto non salva l'Ilva perché non le presta i tre miliardi di euro per applicare efficacemente l'AIA.

Sappiamo che la Corte Costituzionale è composta da 15 membri. Cinque giudici sono nominati dal Parlamento, cinque dal Presidente della Repubblica e cinque dalle supreme magistrature.

Era ipotizzabile che vi potesse essere una conclusione di questo tipo. Ciò nonostante andava percorsa questa strada. Era un obbligo morale. Nulla doveva rimanere intentato.

Il pronunciamento della Corte Costituzionale è doloroso per noi.

Ciò nonostante, l'Ilva chiuderà per le seguenti ragioni:

1) dovrà affrontare il problema immenso delle bonifiche dei terreni e della falda acquifera;

2) dovrà attuare l'AIA e non ha presentato un piano industriale;

3) dovrà affrontare le richieste di risarcimento di tanti cittadini;

4) dovrà affrontare problemi enormi di mercato (concorrenza estera) e di accesso al credito.

A nostro parere l'azienda non potrà reggere la pressione contemporanea di questi quattro fattori.

Occorre preparere un'alternativa prima del collasso finale.

Il 14 aprile andremo a votare sì al referendum e dimostreremo che la maggioranza dei tarantini non vuole più vivere nel terrore di ammalarsi e vuole un futuro diverso.

Anche se la Corte Costituzionale ha "salvato" la legge, il futuro è nero per i lavoratori, che non andranno mai in pensione con questa azienda. Per loro va preparata un'alternativa prima che sia troppo tardi. E vanno avviate le bonifiche impegnando l'azienda a concorrere al risanamento ambientale prima del fallimento, come è avvenuto per la Caffaro di Brescia, lasciando il territorio nello stato attuale.

Chi si concentra sull'immediato non riesce a vedere questa prospettiva. Taranto morirà se non si avviano le bonifiche.

Sappiamo che nel quartiere Tamburi vi è un inquinamento da piombo ed è necessaria la bonifica, sappiamo che nel sangue dei bambini c'è piombo e va avviato un controllo sulla valutazione dei danni sanitari del piombo, i pascoli e il mare sono intrisi di diossina che pregiudicano l'allevamento e la mitilicoltura.

Di fronte a tutto questo la magistratura continua a rimanere il nostro punto di riferimento e la nostra ancora di salvezza.


Fabio Matacchiera - Presidente Fondo Antidiossina Taranto

Alessandro Marescotti - Presidente di PeaceLink

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)