Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Un progetto che accorcia le distanze tra scienza e cittadinanza

I nasi “scientifici” di ODORTEL

Il naso umano arriva prima della tecnologia. Questo è quello che accade a Taranto dove ODORTEL verifica se esistono eventi odoriferi molesti che la popolazione avverte in alcune circostanze o in determinati giorni.
5 agosto 2014
Giuseppina Pulcrano

Potete mai credere che il nostro naso non possa essere sostituito da alcun sensore o tecnologia avanzata? Ebbene è proprio così: “La percezione umana degli odori non può essere sostituita da nessuna tecnologia, perché non esiste una strumentazione in grado di rilevare una molestia odorigena o olfattiva”, ci spiega Gianluigi De Gennaro, docente presso l’Università di Bari e collaboratore di Arpa Puglia per il progetto Odortel.Il naso umano quindi arriva prima della tecnologia. Questo è quello che accade a Taranto dove ODORTEL verifica se esistono eventi odoriferi molesti che la popolazione avverte in alcune circostanze o in determinati giorni.
Il sistema ODORTEL

Ma andiamo per gradi.
Tutto nasce dalla Norma Tecnica Europea EN 13725:2004 che standardizza un metodo che fa uso di nasi umani per eseguire misure quantitative di odore, in unità odorimetriche. Ma come possono i ricercatori o le istituzioni preposte al controllo fermare il tempo di un odore, seppure molesto, se le tecnologie non sono in grado di catturarlo? Ecco in azione i “nasi scientifici”, le sentinelle umane che segnalano ai ricercatori il livello di odore percepito in una scala a tre livelli (rosso, giallo e verde).
Insomma quando una molestia odorifera viene avvertita dai nasi volontari in un numero di segnalazioni superiori a tre, ecco che entra in azione la strumentazione scientifica per validare la segnalazione attraverso la raccolta di un campione da inviare per la misura, secondo la norma tecnica. 
Garantire la validazione scientifica delle segnalazioni è fondamentale per ARPA PUGLIA. Per questa ragione sono state installate centraline di campionamento delle miscele odorigene proprio nelle zone dove risiedono i volontari che prendono parte al progetto. Senza alcun dubbio è un progetto che accorcia le distanze tra scienza e cittadinanza.
Infatti l’importanza del progetto è duplice. Da un lato si inserisce in un ampio programma di sperimentazione che sta conducendo sul territorio nazionale l’Università di Bari, dall’altro, ODORTEL un progetto che coinvolge la cittadinanza in un processo di rilevazione e validazione scientifica, che non potrebbe avere esito senza i nasi umani, e di cui ARPA Puglia puo’ vantare la prima sperimentazione sul campo.
L’interesse su questo fronte è rilevante, al punto che ISPRA ha istituito un tavolo tecnico per la definizione di linee guida dove a fare da padrone non è solo la scienza e le sue applicazioni ma anche il diritto, la cosiddetta giurisprudenza che, come in ogni questione di scienza, deve poter contare su parametri certi.

Allegati

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)